LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Parco della Valle delle Aci, è la vittoria di tutti: «Primo importante passo per un serio rilancio»
LA SICILIA Sabato 25 Gennaio 2014

.
Dopo l'esclusione, il 29 aprile scorso, dal decreto n. 1142 dell'assessorato regionale dei Beni culturali e ambientali e dell'identità siciliana, erano stati in tanti a insorgere. Rappresentanti del mondo politico, della cultura e dell'associazionismo, tutti a contestare l'atto che in provincia di Catania prevedeva l'istituzione del solo Parco archeologico greco-romano e a schierarsi a difesa del penalizzato Parco archeologico e paesaggistico della Valle delle Aci. Ecco allora manifestazioni, incontri, dibattiti, petizioni popolari, per chiedere alla politica di compiere un passo indietro, che è arrivato con il decreto n. 117 firmato nei giorni scorsi dall'assessore regionale Mariarita Sgarlata che di fatto reinserisce il Parco Valle dell'Aci nel sistema regionale dei Parchi archeologici.
L'iter prevede adesso che si provveda, con un nuovo decreto, alla definitiva perimetrazione e all'adozione del regolamento che riguarda sia l'aspetto normativo che quello gestionale. Nel frattempo sono tante le reazioni giunte da parte dei rappresentanti e delle forze politiche. «Un progetto da me lungamente inseguito e appoggiato in tutte le sedi istituzionali - sottolinea il deputato regionale, on. Raffaele Pippo Nicotra - che finalmente trova piena attuazione attraverso un piano di sviluppo regionale mirato, in grado di rilanciare uno dei settori trainanti dell'economia locale, rimasto ingiustamente ignorato, nonostante gli appelli delle associazioni».
Nicotra poi ricorda il piano che prevede, tra l'altro, la realizzazione di un anfiteatro con mille posti a sedere nell'area termale di epoca romana di Santa Venera al Pozzo: «In quel bellissimo sito archeologico, poco valorizzato, una volta completati i lavori di adeguamento dello spazio interno con il previsto anfiteatro, si potranno organizzare eventi di spessore, capaci di attirare risorse e muovere l'economia di un'area storicamente appetibile eppure ignorata dai circuiti turistici siciliani».
Il parlamentare nazionale del Pd e segretario nazionale dei Giovani Democratici, on. Fausto Raciti, parla di «primo, importantissimo passo verso un modello di sviluppo del territorio completamente diverso. L'impegno e la tenacia del Pd acese sono stati premiati, senza dimenticare le associazioni e gli altri soggetti che hanno condiviso questa battaglia, tra cui la Sovrintendente ai beni culturali di Catania arch. Fulvia Caffo. L'istituzione del Parco apre alla possibilità di una collaborazione con l'Ibam, organismo del Cnr di Catania, che ha avanzato alla soVrintendenza un progetto di ricerca triennale sulle aree del Parco».
Anche il Megafono Acireale esprime soddisfazione: «Un obiettivo di straordinaria importanza per il rilancio economico, ambientale e culturale del nostro territorio - evidenzia il coordinatore Biagio Spoto - sul quale ci siamo impegnati attraverso l'azione diretta di Giuseppe Cicala e collaborando con il Comitato civico "Terre di Aci"».
Antonio Carreca


25/01/2014



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news