LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fiat 500, poltrone-uovo, cucine componibili A Palazzo Reale il design Annicinquanta
Pamela dell'Orto
Il Giornale, cronaca di Milano, 11 aprile 2005

Chiss quanti almeno una volta hanno guidato una Fiat Cinquecento, si sono seduti su una Superleggera di Gi Ponti o hanno indossato il classico Borsalino a tesa larga. Centinaia di volte in tanti abbiamo versato un caff dalla moka Bialetti, acceso la luce dall'interruttore bianco-latte Bticino o bevuto da una bottiglia di minerale Frisia. Spesso per dimenticando, o non sapendo, che questi oggetti dalle forme assolutamente attuali sono tutti figli degli anni Cinquanta, quelli che hanno visto nascere il design italiano e che animano la mostra Annicinquanta, la nascita della creativit italiana allestita a Palazzo Reale fino al 3 luglio.
Nella sezione della mostra dedicata al design, ci sono le pi importanti creazioni di questo decennio d'oro. Un percorso emozionante per chi l'ha vissuto, ma anche per chi l'ha solo immaginato attraverso il racconto di genitori e nonni, e attraverso i suoi oggetti-simbolo, Simboli scaturiti dall'entusiasmo di una nuova era che sfocia in un vero e proprio boom di idee e di brevetti. Si deposita di tutto negli anni Cinquanta: mobili, piccoli e grandi elettrodomestici, packaging per alimenti prodotti industrialmente, nuovi materiali, mezzi di trasporto che spaziano dall'utilitaria all'auto di lusso fino allo scooter, oggetti e macchine per ufficio. Dopo il primo voto libero del 1948 in Italia si assiste a una rinascita culturale, e industriale, a un cambiamento radicale del modo di vedere, progettare e abitare la casa, l'ufficio, e i luoghi per il tempo libero.
La casa assume nuove forme grazie ad architetti come Gi Ponti e Vittoriano Vigan e grazie alla Triennale di Milano, punto di riferimento anche per il design industriale. Ma il cambiamento anche un'esigenza, perch la guerra ha lasciato un retaggio pesante - un milione e mezzo di case distrutte, un milione semidistrutte, pi di tre milioni danneggiate - che rende il mobile un elemento d'arredo necessario. Un problema che, come sostiene la rivista Domus, andrebbe risolto con la produzione in serie.' L'Italia non ancora del tutto pronta, ma le soluzioni non tardano: i giovani designer, dai fratelli Castlglioni a Vico Magistretti, propongono complementi d'arredo ispirandosi a forme umili e funzionali; Marco Zanuso studia con la Pirelli-Sagsa le potenzialit della gommapiuma; nasce l'industria dell' imbottito con i divani tecnologici di Arflex; la plastica sostituisce il legno con Kartell; le cucine diventano componibili con Boffi; si affermano nuove concezioni delTillurninazione con Arteluce, e i primi elettrodomestici di design con Candy, Za-nussi e Girmi.
Intanto, anche l'ufficio si trasforma. Nel '51 ci sono quasi due milioni di colletti bianchi: il loro luogo di lavoro diventa il cuore dell'azienda, e si rinnova con le macchine da scrivere di Marcello Nizzoli per Olivetti e i nuovi complementi d'arredo moderni e funzionali, ma anche eleganti come la poltrona-uovo disegnata da Ico Parisi per Cassina. Il tempo libero, infine, guadagna nuovi spazi e le osterie del dopolavoro cedono il passo ai bar sport e ai bar tabacchi. Nuovi concetti dello spazio pubblico, dove bere caff fumanti che escono dalle strepitose macchine per l'espresso La Pavoni di segnate da Gi Ponti o da Enzo Mari e Bruno Munari, o dove assaporare un toast, antesignano del fast food americano. In sottofondo la partita, o Mike Bongiorno con i concorrenti di Lascia o raddoppia?, trasmessi su un televisore bombato della Phonola. Tutti nuovi simboli di un nascente benessere sociale ed economico.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news