LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli italiani cambiano New York No ai bunker, una citt aperta
A.F.
Corriere della Sera, 11 aprile 2005

Dalla rinascita di Harlem a quella del porto abbandonato. Pronto il grattacielo del Nyt
Cinque progetti per Manhattan; E l'architettura dellottimismo

NEW YORK Da Est a Ovest, da Harlem al fiume Hudson, da Midtown all'Upper East Side. Ovunque ci si giri nella Grande Mela, in questi giorni, ci si imbatte in cantieri italiani. Enormi, creativi, importanti. L'ultimo, Leonardo at Pier 57, l'ambizioso progetto per ridisegnare il molo 57 di Manhattan, sulla West Side Highway, stato affidato dalla citt di New York al consorzio guidato dal veneziano Giuseppe Cipriani. Compito: trasformare l'area oggi semiabbandonata in un'oasi di cultura, arte, business, stile e cucina all'insegna del made in Italy.
Nell'era in cui il settimanale americano Time nomina la stilista milanese Miuccia Prada come unica italiana nella sua hit parade dei 100 personaggi mondiali che contano, un altro italiano destinato a lasciare un marchio ben pi indelebile nell'America del nuovo millennio. Si tratta di Renzo Piano, 67 anni, genovese, il leggendario architetto che ha firmato opere quali il centro Pompidou a Parigi, Potsdamer Platz a Berlino, e l'aeroporto internazionale Kansai di Osaka, in Giappone. Ed ora stato chiamato a disegnare quattro progetti diversitutti realizzati contemporaneamente nella Grande Mela. L'espansione della Morgan Library, il nuovo grattacielo del New York Times, l'ampliamento del campus della Columbia Universty e quello del Whitney Museum: i cantieri Piano per la Manhattan del futuro sono tutti all'insegna dell'ottimismo, della partecipazione e della trasparenza, in barba a chi vorrebbe rinchiudere l'America in una fortezza impenetrabile ai nemici.
Sono proprio queste sue idee, forse un po' rivoluzionarie per i nostri tempi, che hanno conquistato i quattro ricchi committenti dietro ai progetti newyorchesi. I nuovi Medici dell'era contemporanea hanno deciso di investire nella filosofia Piano (Anche il privato pubblico) invece di imitare le tante multinazionali americane che hanno trasformato i propri grattacieli in altrettanti inaccessibili bunker. Secondo i critici, la scommessa vincente. Piano passer alla storia come l'architetto della New York post-11 settembre scrive il New York Times il visionario che ridisegner la Manhattan del nuovo millennio, dando un'impronta umanistica praticamente ad ogni quartiere all'isola che Osama non riuscito a piegare.
Dopo la crisi dell' 11 settembre la citt si decisamente ripresaspiega il sociologo David Raindorf e ha deciso di lasciare un'impronta forte e coraggiosa alle generazioni future.
Intanto i newyorchesi improvvisamente orfani d'Italia (troppo cara per il dollaro debole) presto avranno un surrogato quasi perfetto nella megalopoli rinascimentale firmata da Cipriani. Il suo Leonardo at Pier 57 era in concorso contro il progetto del rivale Roland Betts, proprietario di Chelsea Piers. La scelta italiana stata sorprendente, in quanto Betts, texano e repubblicano, non solo amico del sindaco Michael Bloom-berg e del governatore George PataM, ma anche ex compagno universitario del presidente George W. Bush.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news