LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, s'indaga sulla citt risepolta. Centro commerciale realizzato su area archeologica. Con tutti i permessi
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno 22/1/2014

NAPOLI - Fabbriche romane sepolte per far posto a un centro commerciale, reperti di duemila anni fa cancellati per permettere la realizzazione di una citt dello shopping. La procura di Torre Annunziata ha aperto un'inchiesta sulla denuncia fatta qualche tempo fa dagli archeologi e pubblicata dal settimanale l'Espresso il 10 gennaio scorso. Il procuratore Alessandro Pennasilico vuole vederci chiaro sul possibile insabbiamento di un patrimonio archeologico unico al mondo e che potrebbe essere la prosecuzione urbana di Pompei distrutta dalla lava del Vesuvio duemila anni fa. A restare intatte sotto la cenere interi corpi di fabbrica, manifatture e locali adibiti all'artigianato. Oggi si potrebbe dire l'area industriale della citt. Al fascicolo sarebbero gi state acquisite foto che ritraggono i tetti integri delle fabbriche. Presto saranno ascoltati anche alcuni testimoni informati sui fatti. Gravissima la denuncia fatta dall'architetto Antonio Irlando, presidente dell'Osservatorio patrimonio culturale. La notizia di un vasto ed importantissimo insediamento archeologico, scoperto da qualche anno a poche centinaia di metri dagli scavi di Pompei, di fatto sacrificato per la costruzione di un centro commerciale, se confermata, evidenzierebbe gravissime e continuate responsabilit da parte della soprintendenza archeologica di Napoli e Pompei che ha autorizzato e seguito i lavori, ma non avrebbe applicato tutte le opportune azioni per la tutela della totale integrit del territorio archeologico vincolato da precise leggi e dichiarato patrimonio Unesco.
L'area nell'antichit era nota come Pagus Augustus Felix Suburbanus. Una ricca zona residenziale e periferica, dove accertato che esistessero diverse e monumentali ville patrizie. Siamo preoccupati - prosegue Irlando - che lo scempio compiuto in quest'area archeologica, notoriamente ricca di insediamenti extraurbani sia produttivi che residenziali, tra cui la vicina Villa dei Misteri e la Villa di Poppea ad Oplontis, possa infliggere un ulteriore elemento negativo alla valutazione dell'Unesco riguardo la permanenza di Pompei e Oplontis nei siti dichiarati patrimonio dell'Umanit.
Secondo la denuncia scavando nel terreno per la realizzazione del centro commerciale sarebbero venuti alla luce manufatti praticamente integri come una fornace, suppellettili, strumenti. Oltre alla strada che univa Pompei al mare e una lapide. Poi i tetti di terracotta delle fabbriche. Ovviamente va sottolineato come il Centro commerciale sia stato realizzato con tutti i permessi in regola e con la supervisione della Soprintendenza. Cinque i soprintendenti che hanno autorizzato le varianti dell'opera. Margherita Tuccinardi, archeologa che ha visitato il cantiere ha dichiarato: Quell'area doveva essere subito bloccata. Assurdo che non sia stato fatto. Inoltre chi ha segnalato i ritrovamenti non mai stato ascoltato. Ora la parola tocca alla Procura.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news