LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Il sogno spezzato della citt verde
21 gennaio 2014 LA REPUBBLICA sez. MILANO




ERA iniziato come un idillio, ad aprile del 2009, con l'allora sindaco Letizia Moratti a "firmare" il ritorno del maestro alla Scala, ad assicurare che, s, Milano avrebbe onorato quell'inaspettato cachet ecologista chiesto da Claudio Abbado.

IL SOGNO dei 90mila alberi fin un anno dopo. Il progetto firmato da Renzo Piano che prov a dare forma alla visione dell'amico, venne archiviato nella primavera 2010. Tra polemiche e persino un ultimo scambio di accuse. Quel progetto, Piano non ce l'ha regalato: ci ha chiesto un milione. Senza contare che piantare quegli alberi costa 13 milioni, dett Letizia Moratti.

Mai chiesto un soldo, replic con fermezza l'architetto. Che si rammaric soprattutto per il fatto che Milano non volesse proseguire sulla strada della natura e della sostenibilit. Quasi quattro anni dopo, simbolicamente, Piano ha donato alla citt 10 alberi per accompagnare altrettante iniziative sociali dell'associazione Podisti da Marte. Tigli alti 8-9 metri spuntati allo Stadera, a Baggio, alla Barona. Gli altri arriveranno presto. Non sono gli alberi chiesti nel 2009 da Abbado per tornare alla Scala, certo. Eppure, l'architetto non vorrebbe abbandonare quel sogno. Nel giorno del dolore, ha dettato pubblicamente poche parole.

Claudio ci mancher per sempre. Ora ho bisogno di adattarmi all'idea che non ci sia pi ma non mi rassegno. I progetti in sospeso li realizzer, con i suoi figli. Per il disegno degli alberi di allora non stata pi avviata nessuna trattativa, raccontano i collaboratori.

Ma nella lista dei desideri rimanere anche quello.

Alla fine, Claudio Abbado torn alla Scala. Tra gli applausi.

Era il 2012 e il maestro gliss sulla promessa infranta. Ma nel 2010, parlando con Stefano Boeri che intervist lui e Piano per la rivista "Abitare" sperava ancora.

Sosteneva: Gli alberi assorbono le polveri sottili e producono ossigeno. Per questo vanno piantati sia in centro sia in periferia. La sua amarezza, la espresse il giorno dopo la bocciatura del Comune nel 2010: Se i milanesi vogliono continuare a respirare i miasmi dell'aria urbana invece di avere pi verde in citt, liberissimi. In quel disegno c'era piazza Duomo con il "bosco magico" che divise la citt. E c'erano i 220 frassini in doppio filare che avrebbero accompagnato una passeggiata fino a largo Beltrami, passando per Cordusio, via Dante, Cairoli. Ma l'operazione era molto pi di una pennellata nel centro. Furono individuati dodici punti. E la maggior parte delle 90mila piante avrebbe dovuto mettere radici nelle periferie, lungo le circonvalazioni, da via dei Missaglia a Forlanini. Fu una squadra capitanata da Piano, composta dall'architetto Alessandro Traldi, dal paesaggista Franco Giorgetta, coordinata da Alberica Archinto, con la consulenza di Guido Rossi e la collaborazione della Sovrintendenza a mettere a punto la strategia.

Quell'anno di impegno intenso e per tutti completamente gratuito - ricorda Archinto - fin anche con un po' di amarezza.

Ma perch tramont? Ci rendemmo conto che da parte del Comune non c'era davvero la volont di realizzare il progetto.

Ogni volta che si risolveva un problema ne veniva sempre avanzato un altro. Si perduta un'occasione: era un'idea difficile, ma bellissima. Poteva essere il simbolo di Expo. D'altronde, il titolo era: 90.000 alberi per Milano verso l'Expo. Anche Giorgetta rammenta: Non si trattava solo di piantare alberi nei grandi spazi aperti, ma di far cambiare il volto alla citt portandoli nelle strade. Abbado avrebbe voluto che tutto partisse da via Manzoni, vicino alla Scala, ma l non era possibile. Altrove, per, facemmo studi e si poteva fare. Per via Dante c'erano gi possibili sponsor.

Nella contabilit di allora del Comune, ogni nuovo albero piantato era "di Abbado". Persino 30 agrifogli in vaso in via Vittor Pisani. Non tutti hanno avuto una buona sorte. Il simbolo pu essere il "bosco" di via Caldera, in zona San Siro: la scorsa estate, delle 90 piante poco pi di 40 erano vive; una decina era gi stata dichiarata morta e in via di espianto, 34 in "sofferenza". In piazza Duomo, la giunta Pisapia ha appena dato il via libera alla nuova aiuola: un orto e alberi. considerato un pezzo dell'eredit di Abbado, che Palazzo Marino vuole portare avanti: La sua stata una duplice visione. Oltre alla quantit, c' stata la suggestione di portare la natura in centro, dice l'assessore Chiara Bisconti. Entrambe, sostiene, sono alla portata del Comune. Solo quest'anno, piantumeremo 20mila esemplari. E, con gli alberi di piazzetta Liberty, quelli che vogliamo interrare in Beccaria e con piazza Duomo, stiamo portando avanti anche progetti nei luoghi della pietra. Apertissimi ad accogliere altri spunti che potrebbero essergli dedicati.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news