LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'agricoltore suicida nella casa distrutta dal terremoto in Emilia
di CATERINA GIUSBERTI
LA REPUBBLICA (19 gennaio 2014)

Massimo Balboni aveva una fattoria a Crevalcore che stava cercando di ricostruire. I genitori: non riuscito a rialzarsi, era troppo orgoglioso
per chiedere aiuto


BOLOGNA - Si ucciso attaccandosi una corda al collo Massimo Balboni, 50 anni, di Crevalcore. Lo ha fatto gioved pomeriggio, dentro al suo capannone, ma per i familiari e gli amici a farlo crollare stato il terremoto. "I capi che stanno in Regione e a Roma lo sappiano. E facciano in fretta, prima che ne muoiano altri. Questo terremoto sta durando troppo".

Il podere della famiglia Balboni sta in via Muzza Nord, nella strada che da Crevalcore porta a Camposanto, tra Bologna e Modena. una casa padronale ottocentesca, gialla, con fienile e barchessa, tutelata dalla Soprintendenza. Quaranta ettari di campi. La seconda scossa, quella del 29 maggio 2012, ha provocato 2 milioni di euro di danni. Massimo ne aveva anticipati dodicimila per risistemare la tensostruttura in cui ricoverare i trattori, e a due anni di distanza non gli erano ancora stati rimborsati. Poi cera il mutuo da pagare, quello della casa in cui viveva con la moglie e il figlio. E lannata dellanno scorso era stata cattiva. "Lo scriva pure si scalda lanziana mamma la ricostruzione troppo lenta, troppa burocrazia e neanche un soldo. Ci ha portato via tutto".

Anche la sorella maggiore di Massimo, Maria, non si d pace. Accarezza la gatta bianca e nera che vaga tra i ruderi, insieme allo zio. "A ucciderlo stato lorgoglio di un uomo di 50 anni che non ha voluto chiedere niente dice e noi non ce ne siamo accorti, questo il rimpianto maggiore che abbiamo. Massimo era felice, aveva una splendida famiglia. Aveva avuto una malattia un anno fa, ma niente di grave. A farlo crollare stato il terremoto. Per questo mia madre cos arrabbiata".

Il padre di Massimo, Abramo Balboni, ha le braccia grandi e gli occhi bagnati. seduto al tavolo della cucina, ha tutta la famiglia intorno. "Gi cos non si guadagna a coltivare la terra ripete ma con il terremoto non ci si rialza pi, ci stanno mettendo troppo tempo". Guarda il camino, un uomo vecchio, ha lavorato nei campi tutta la vita, ha visto la guerra. Il podere di via Muzza lha comprato lui insieme ai fratelli. Prima erano in affitto, poi hanno deciso di comprarlo, pezzo per pezzo. anche per questo che Massimo ci teneva tanto a riportarlo al suo antico splendore.

Ma non ce lha fatta. "Le case tutelate vanno bene in citt si scalda Abramo a un certo punto ma in campagna a cosa servono? Basta fare una bella fotografia, come quella che abbiamo qui in casa. E intanto buttare gi, ricostruire, andare avanti. Togliersi tutta quella distruzione da davanti agli occhi". In via Muzza nord tutto fermo al 29 maggio 2012. Neanche i resti del camino sono stati spostati, ci sono ancora i mattoni per terra, i buchi nel fienile, laceto balsamico respira nelle botti, in fondo alla scala inagibile. Massimo e la moglie, Rita Bini, lavoravano l lo stesso, ma con molti disagi. "Senza luce, perch tutti gli allacciamenti erano nella casa che era inagibile: avevamo tirato un cavo e ci arrangiavamo con quello, alla meglio". Per la casa colonica stavano facendo un progetto, ma siccome era tutto tutelato dalla Soprintendenza cerano molti vincoli. "Non potevamo spostare la casa da dove si trovava spiega dovevamo rispettare le dimensioni e i volumi di quella esistente, i tempi erano lunghissimi".

Anche la vicina di casa, Simona, aveva avuto dei danni, ma inferiori. "Qui delle istituzioni non mai venuto nessuno. Fino a due anni non venivano neanche a raccogliere la spazzatura", attacca. Con Massimo erano insieme alle elementari. "Diceva che non aveva pi niente, che non sapeva da dove ripartire, non aveva i soldi. Ma io lo capisco. A me il terremoto ha danneggiato solo il fienile, per ricostruirlo mi avevano chiesto 200mila euro, figurarsi. Allora lho risistemato in maniera provvisoria, con i miei risparmi ed ancora cos. Ma non ci si pu uccidere a 50 anni...".

Il sindaco di Crevalcore, Claudio Broglia, ora parlamentare del Pd, preferisce non commentare la vicenda. In questi mesi era stato contattato pi volte dallagricoltore, lo conosceva. "Il problema degli agricoltori spiega Eugenio Celestino, dellUnione sindacale agricoltori di base che la Regione ha vincolato i contributi della ricostruzione alla regolarit contributiva e fiscale. E questo per molti stato un cappio. Sono tutti allo stremo". E un circolo vizioso: gli agricoltori hanno anticipato interventi, si sono indebitati, e hanno perso il diritto a ricevere i rimborsi. "Per ricostruire nellimmediato hanno sostenuto delle spese, che la Provincia gli avrebbe dovuto ridare, secondo la Psr 126. Ma nel frattempo, avendo sborsato quei soldi non sono riusciti a pagare le tasse e questo li ha esclusi dai contributi. E un gatto che si morde la coda. La ricostruzione un diritto che andrebbe separato dalla regolarit fiscale".

Intanto il Comitato sisma 12 ha fatto ricorso al Tar contro unordinanza regionale, la 119, che, spiega il presidente Aureliano Mascioli "peggiora ancora di pi le cose per gli agricoltori escludendo i contributi per la ricostruzione ad alcuni tipi di fabbricati agricoli". Una situazione difficile, in cui spesso i coltivatori si trovano pi soli di altri. "Quasi tutte le aziende sono al collasso ripete Celestino e spesso sono persone semplici, orgogliose, che si vergognano a chiedere aiuto". Maria scuote la testa. "Intanto mio fratello morto".



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news