LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reperti archeologici iracheni all'asta su eBay
Lucio Manisco
Liberazione 9/4/2005

Il museo nazionale di Baghdad ha scoperto con grande indignazione che alcuni reperti archeologici iracheni, rubati e di piccoli dimensioni, sono stati messi all'asta su internet da "eBay" uno deiprincipali siti delle compravendite "on line". Non certo una novit perch "Le Monde" e il "Guardian" avevano documentato e denunciato il traffico illecito sulle grandi reti telematiche sin dal gennaio del 2004. Si tratta peraltro di un'ennesima riprova della rapina senza pi limiti del patrimonio archeologico dell'antica Mesopotamia, rapina che rimarr incisa a caratteri di fuoco nella storia dell'umanit anche quando i nomi George Bush e Saddam Hussein diverranno annotazioni a margine nelle cronache senza fine dell'infamia nei tempi moderni.
L'ultimo campionario offerto con dovizia di fotografie da "eBay", aggiornato dopo la denuncia del museo di Baghdad (la licitazione dura poche ore), include un sigillo conico babilonese del 2000 a. C. del diametro di 24 millimetri e squisita fattura: presenta l'immagine della "battaglia celeste" di una divinit alle prese con un demone; sfilano poi le riproduzioni di una tavoletta cuneiforme del periodo sumero al prezzo di base di 699 dollari, di un cono cuneiforme reale (111 dollari), di un monile sumero con le teste congiunte di due gemelli siamesi al prezzo stracciato di 99 centesimi di dollaro e di altri 53 reperti che abbracciano i cinquemila anni della pi. antica civilt mediorientale, sopravvissuta alla devastazione mongola ma non a quella dei nuovi crociati bushisti.
Dalla denuncia del museo, che ammonisce sulle sanzioni penali di questi furti, si evince un fatto fin troppo noto a chi abbia visitato l'Iraq dopo i sei giorni di saccheggio indisturbato della capitale dal 7 al 12 aprile del 2003: tutti questi piccoli reperti venivano offerti per pochi dollari da ladruncoli locali ai soldati americani e da questi acquistati e riportati in patria come souvenir di guerra e poi messi in vendita su internet.
A quanto ha dichiarato a Bruxelles il ministro Giordano per la cultura, i giornalisti occidentali, compresi molti italiani, hanno contribuito alla razzia: fermati alla frontiera con la Giordania, dalle loro valigie sono uscite dozzine di reperti analoghi; a yolte bronzei e d pi grande formato. Alla confisca degli oggetti rubati non seguita la denunzia e tantomeno la divulgazione dei nomi dei reprobi, apparentemente per non creare tensioni diplomatiche con i governi dei paesi di provenienza dei giornalisti. La commissione e il consiglio europeo, al di l di qualche declamatoria condanna della rapina del secolo, e malgrado le sollecitazioni dell'Unesco, hanno fatto poco o nulla per ostacolarla o per reprimere il traffico illecito nell'Unione. Per ben sei volte, alla commissione cultura del parlamento europeo, abbiamo denunziato l'improvvisa esibizione nelle vetrine degli antiquari del quartiere di Sablon a Bruxelles di cilindri, sigilli sumeri di terracotta e di frammenti di bassorilievi babilonesi. La commissaria alla cultura Viviane Reading, a cui confronto la nostra Vncenza Bono Panino figura di eccelsa dottrina, non ha manifestato il minimo interesse per le nostre esternazioni n si mai degnata di presenziare alle conferenze sul tema indette dall'Unesco, da archeologi insigni, da enti universitari e dalle stesse interpol ed europol. La lobby degli antiquari indubbiamente molto potente negli ambienti decisionali dell'Unione, soprattutto in Belgio che, grazie a compagnie come la Arthemis, diventato uno dei centri pi importanti, dopo quello svizzero e britannico, nei traffici leciti ed illeciti di opere d'arte. E' altrettanto vero che il grande antiquariato internazionale si occupa solo marginalmente del commercio ''minuto" di piccoli anche se importanti reperti archeologici iracheni e comunque non ricorrerebbe mai a pratiche dilettantistiche come le aste della "eBay".
Ben altri sono gli obiettivi delle operazioni varate, direttamente come mandante o indirettamente con l'offerta di munifiche taglie, alle squadre di rapinatori specializzati che con dovizia di scavatrici meccaniche e bulldozers stanno devastando gli strat superiori di diecimila e pi siti archeologici alla ricerca di grandi sculture in marmo e bronzo sepolte in profondit. In una conferenza internazionale indetta dal ministro Giuliano Urbani a Bruxelles durante l'effimero e costoso semestre italiano un ufficiale dei carabinieri ha presentato le immagini fotografiche aeree di alcuni di questi siti, veri e propri paesaggi lunari perforati da buche profonde molti metri. Delle dimensioni delle opere rubate ed avviate al grande mercato Usa si pu avere un'idea leggendo il comunicato dell'Fbi dello scorso anno; annunciava il fermo e la confisca nel porto di Napoli di alcuni containers stracolmi di grandi opere mesopotamiche a bordo di una nave battente bandiera panamense. Certo, l'Fbi si d un po' da fare per bloccare questi traffici illeciti e per imporre l'osservanza dello "United States National Stolen Property Act" la legge passata dal congresso dopo la spoliazione delle piramidi Maya. E' anche vero che Matthew Bogdanos, colonnello dei marines ma anche uomo di discreta cultura archeologica e forense, ha fatto del suo meglio in Iraq per reprimere le devastazioni e i furti, rna dopo meno di cinque mesi dalla sua nomina stato richiamato in patria. Le informazioni sul suo caso e sui dettagli di questi infamanti "danni collaterali" inflitti dalla guerra scatenata dagli Stati Uniti sono stati raccolti da Frederick Mario Fales in un saggio di grande valore, Saccheggio in Mesopotamia, edito dalla Forum. L'autore dedica anche un capitolo al ruolo dell'Italia", un ruolo di cui ha fatto gran parlare il ministro dei beni e delle attivit culturali Giuliano Urbani, anche in un libro-intervista dal tono autocelebrativo che reca il titolo "Un liberale alla cultura".
Il ministro parla della sua iniziativa volta al salvataggio dei tesori iracheni in varie parti di quel paese e poi del riconoscimento dell'Unesco con l'incarico dato all'Italia di assolvere alle funzioni di paese guida in questo e in altri settori a rischio del mondo intero.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news