LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Università e imprese. La nuova cultura si avvicini alla città
Davide Rampollo
Corriere della Sera - cronaca Milano 9/4/2005

Davide Rampollo è Presidente de La Triennale

Oggi le istituzioni culturali devono integrarsi, potremmo dire fondersi, con il proprio territorio: ciò significa contaminarsi con la comunità che quel territorio abita, vive, consuma quotidianamente: le persone. All'interno del progressivo allentarsi del controllo e del finanziamento dello Stato sulle istituzioni culturali, queste stanno oggi cominciando a comprendere la propria natura di produttori di cultura all'interno di un nuovo sistema del Welfare culturale. Pare cultura e trasmetterla, una funzione sempre più strategica per la vita del territorio e della comunità: il binomio «istituzione culturale» coincide infatti con produzione e condivisione di un bene pubblico, appunto l'oggetto o l'idea culturale, nonché i servizi annessi alla gestione e fruizione di tale bene, con un unico grande traguardo comune: arricchire e così migliorare la vita dell'intera comunità, dunque garantirne le migliori credenziali per lo sviluppo sociale, economico e perché no?, morale.


Nella nuova logica della «sussidiarietà culturale" implicita nei cambiamenti organizzativi e finanziari che hanno portato alla nascita delle Fondazioni e al ruolo dell'intervento privato e semi-pubblico nella cultura, i veri strateghi dello sviluppo saranno sempre di più gli «attori culturali locali" che per le caratteristiche della «missione culturale» di cui sono implicitamente o esplicitamente investiti devono ormai considerarsi pienamente le nuove «autonomie funzionali della cultura", non molto diverse dalle fiere, dalle Camere di commercio, dalle multi-utilities, da tutti quei luoghi nei quali le metropoli moderne sviluppano i servizi funzionali alle città, e le modalità con cui distribuirle ai cittadini.
Milano in particolare si caratterizzerà sempre di più per la qualità delle sue funzioni, e le autonomie funzionali rispondono esattamente al compito di intessere le relazioni. Una serie di aspettative sono riversate su queste relazioni e sulle persone deputate a realizzarle: dalla produzione alla diffusione del sapere, all'intrattenimento e alla formazione sulle modalità attraverso cui questo sapere può diventare sviluppo per la comunità. Ciò significa aprirsi ai diversi tipi di pubblico, democratizzare l'accesso alle funzioni chiave di Triennale, coinvolgere nella rete organizzativa i privati, stimolare la partecipazione delle imprese nell'ottica della promozione culturale della città. Per questi motivi le autonomie funzionali culturali costituiscono lo snodo, ì gangli da cui partiranno sempre di più una serie di reti ramificate. E le istituzioni culturali non avranno il compito di essere solo «ente culturale", ma di «fare" cultura, interfacciarsi con l'impresa, con la formazione universitaria e con la scuola dell'obbligo. Formazione dunque, e in primis «costruzione» delle autonomie funzionali della cultura come vero e proprio «pit stop" della comunità, un luogo di ritrovo. In questo è chiaro che la posizione di centralità di cui beneficia ad esempio la Triennale di Milano è una caratteristica fondamentale. E in questo senso è necessario arricchire il numero e le qualità dei servizi offerti dall'istituzione: oltre alle mostre e alle rassegne, Triennale offre ora una biblioteca e un archivio pubblico, il coffee design, una libreria di riferimento a Milano per architettura e design, lo spazio per showroom e tra poco un caffè esterno, il Fiat Café «La Triennale", che permetterà al visitatore di riappropriarsi di una parte consistente del Parco Sempione. Servizi che permettono una differenziazione nell'uso del tempo, articolato in attività espositive, congressuali, workshops e incontri.
Ciò detto, il linguaggio principale non può non essere costituito dai codici espositivi che devono proporre e dedurre tutte le proprie tematiche dalla contemporaneità, nel caso di Triennale con una particolare attenzione al design e all'architettura, sempre però cercando di ibridare i codici espositivi e narrativi. Al di là delle strategie, un concetto deve essere sottolineato: le autonomie funzionali che vogliono creare cultura devono presentare, nel proprio Dna, la caratteristica della generosità.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news