LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un cantiere sul colle di Leopardi
C. Mus.
Corriere della Sera 9/4/2005

Il colle più alto di Roma contro il colle più celebre della poesia italiana. Il Quirinale «limita» l'Infinito di Giacomo Leopardi e apre la strada a una speculazione edilizia nella zona dove è nato il più bel canto dell'era moderna? All'apparenza sembrerebbe di sì. Rischia di saltare (all'apparenza) il ferreo vincolo di tutela artistico e paesaggistico intorno al colle dell'Infinito. E ciò per la causa intentata da un privato, fra l'opposizione della contessa Anna Leopardi, il Fai e Italia Nostra, ora sconfitti. Il Consiglio di Stato ha dato, infatti, parere favorevole al «ricorso straordinario al capo dello Stato» presentato da una coppia di cittadini recanatesi ai quali era impedita la ristrutturazione di una casa di campagna perché sorge nell'area occhiutamente sorvegliata dalla Sovrintendenza archeologica delle Marche dal 2003, quando inizia la vicenda. Una società immobiliare di Recanati, la «Iniziative Immobiliari», proprietaria di una casale posto a valle del colle dell'Infinito (sotto la statale 77), in posizione non visibile dall'alto, aveva ottenuto la concessione edilizia di ristrutturazione con parere favorevole della Sovrintendenza. «La concessione rispettava la normativa del Piano regolatore del 1997 - afferma l'avvocato Paolo Tanoni, padrone del rudere - ed eliminava una bruttura e un pericolo. La casa era cadente, una vera bruttura, ed era diventata un ricettacolo di extracomunitari abusivi al punto che avevo dovuto chiamare la forza pubblica 3 volte per farli sloggiare. Una volta era scoppiato anche un incendio». Il 18 luglio 2003 però la Sovrintendenza decreta un vincolo totale: divieto assoluto di costruzione sul colle e ristrutturazioni vincolate nell'area che forma il celebre panorama. Forse per garantire meglio la conservazione dei luoghi leopardiani.
«E' stata semplicemente una "somarata", o un atto di fondamentalismo ambientalista - replica oggi Paolo Tanoni - E' stato fatto credere che volevamo scatenare chissà quale speculazione edilizia, violentare l'ambiente leopardiano. In realtà volevamo solo il rispetto di un diritto, tanto che siamo disposti a offrire la casa al Comune. E poi i vincoli non possono essere infiniti, estesi fino all'orizzonte visìbile e invisibile. Questo lasciamolo a Leopardi». Comunque subito dopo il vincolo della Soprintendenza parte il ricorso affidato all'avvocato Alessandra Piccinini. «A causa di un errore formale della Soprintendenza abbiamo presentato il ricorso straordinario al Capo dello Stato, come ci consente la legge». Una scelta pratica, perché consente di arrivare in tempi rapidi a un giudizio da parte del Consiglio di Stato (il capo dello Stato si limita, in sostanza, a firmarne la sentenza). A sua volta la famiglia Leopardi, assieme alle associazioni ambientaliste, si rivolgono all'avvocato Giovanni Pallottino di Roma per sostenere la necessità della tutela integrale del colle leopardiano. Ieri, il parere del Consiglio di Stato: «Iniziative Immobiliari potrà procedere alla ristrutturazione. «Ma questo non significa speculazione o che ne ricaveremo una villa - precisa ancora Tanoni - Resta il divieto di costruire a piacimento sia perché il Colle dell'Infinito è sottoposto a tutela paesaggistica dal 1952 sia perché mancano i lotti per edificare». Insomma «sedendo e mirando» nel suo suo ermo colle, Giacomo Leopardi potrebbe «fingersi» ancora «interminati spazi e sovrumani silenzi» e non naufragare in un mare di cemento.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news