LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La grammatica del passato - Fare memoria, costruire identit,
Paolo Pezzino
08.04.2005, Il Manifesto

Fare memoria, costruire identit, il titolo del decimo numero della rivista Novecento. La parzialit del ricordo ma anche le potenzialit del testimone nel cogliere un avvenimento cruciale sono la posta in palio di un uso pubblico della storia che ha come contraltare il pressante invito, anche mediatico, all'esercizio della memoria
Ma la scrittura e la sacralizzazione della storia possono avere degli effetti collaterali, quali l'imposizione di un ricordo per legge o la costruzione identitaria di una realt politica. Come documentano i saggi della rivista dedicati alla discussione pubblica sulla costruzione europea

Si sente ripetere che una societ non possa esistere senza una memoria di quanto avvenuto nel passato: la selezione degli elementi di questo da conservare serve a trasmettere da una generazione all'altra una storia dotat[a] di senso, ed in quanto tale, rileva Yosef Hayim Yerushalmi, sostiene quel complesso di riti e di valori che costituisce per un popolo il senso della propria identit e del proprio destino. Diventeranno oggetto di trasmissione solo quei momenti tratti dal passato che vengano sentiti come educativi ed esemplari per la hallakhah di un popolo, cos come vissuta in quel momento; il resto della "storia" cade, si pu dire quasi letteralmente, fuori dal sentiero (hallakhah parola ebraica che indica il sentiero su cui si cammina, la strada). In tal modo l'esercizio della memoria (come e cosa ricordare) strettamente connesso a quello dell'oblio, come sottolineava Nietzsche in un brano molto noto: del tutto impossibile vivere in generale senza dimenticare [...] La serenit, la buona coscienza, l'allegra attivit, la fiducia nell'avvenire, tutto ci dipende, nell'individuo come nel popolo [...] dal fatto di sapere tanto bene dimenticare al momento giusto, quanto bene ricordare al momento giusto; dipende dal sapere sentire con istinto potente quando sia necessario sentire storicamente e quando non storicamente [...] L'antistorico e lo storico sono ugualmente necessari per la sanit di un individuo, di un popolo o di una civilt. E qualche anno dopo Ernest Renan, nella sua famosa conferenza tenuta alla Sorbona l'11 marzo 1882 su Che cos' una nazione?, ricordava che l'oblio, e dir persino l'errore storico, costituiscono un fattore essenziale nella creazione di una nazione, ed per questo motivo che il progresso degli studi storici rappresenta un pericolo per le nazionalit.

Le battaglie del presente

Ovviamente non si tratta di un'operazione indolore: La memoria e l'oblio - ha scritto Remo Bodei - non rappresentano [...] terreni neutrali, ma veri e propri campi di battaglia, in cui si decide, si sagoma e si legittima l'identit, specie quella collettiva. Attraverso una serie ininterrotta di lotte, i contendenti si appropriano della loro quota d'eredit simbolica del passato, ne ostracizzano o ne sottolineano alcuni tratti a spese di altri, componendo un chiaroscuro relativamente adeguato alle pi sentite esigenze del momento. Inoltre, se la memoria serve a fondare una comunit dotandola di unit di passato e di comunit di intenti, questa operazione pu anche compiersi con un'ossessiva ripetizione di fratture e torti che spesso affondano le radici in un tempo remoto, individuando un nemico presunto, da combattere ed espellere dal corpo sano, e identitariamente omogeneo, della nazione.

Questa lunga introduzione al numero 10/2004 di Novecento, serve a mostrare l'opportunit della scelta di dedicare un numero monografico a Fare memoria, costruire identit: rispetto al dilagare del termine e degli inviti alla memoria, ricorda il direttore Luca Baldissara nell'introduzione, la rivista ha deciso di contribuire ad illuminare criticamente alcuni snodi concettuali e metodologici del ricorso alla memoria (sia come fonte che come oggetto dell'indagine), e di riflettere sugli usi pubblici e sulle manipolazioni politiche cui sottoposta nell'arena del dibattito politico-culturale.

Scelta quanto mai necessaria, quella di restituire complessit e spessore critico al termine, al di fuori di ogni ingenua od entusiastica sua proposizione. La memoria s un discorso del passato, ma che interagisce sempre con il presente, con l'attualit nella quale vive il testimone (sia esso un soggetto individuale, una comunit nazionale, una nazione, o anche un insieme di popoli che si tende a legare in un'identit sopranazionale, come nel caso dell'Europa): un'osservazione espressa con grande efficacia da Ascanio Celestini, nella bella intervista rilasciata a Luca Baldissara e Andrea Rapini sui rapporti fra il suo teatro, la storia e la memoria: A me interessa molto di pi il peso che ha oggi la memoria per le persone. A me interessa quello che succede oggi. E' chiaro che chi intervisto mi spiega il presente attraverso il passato, ma del presente che parla! [...] Il passato sta l perch altrimenti non riuscirebbe a gestire le immagini che ha oggi nel presente, ma del presente che parla. E anche Enzo Traverso, nel suo saggio su Storia e memoria. Gli usi politici del passato (che insieme a quelli di Fabio Dei su Antropologia e memoria e di Emanuela Fronza su Diritto e memoria compone la prima parte, di metodo, del numero), ricorda che la memoria, sia individuale che collettiva, una visione del passato sempre mediata dal presente.

Del resto gi da tempo gli storici hanno inziato a parlare di un eccesso di memoria (Charles Maier), di un boom della memoria (Jay Winter), di un'era del testimone (Annette Wieviorka); alcuni, come Pierre Nora, curatore della monumentale opera su Les lieux de mmoire, hanno strettamente contrapposto la memoria e la storia, in quanto la prima un assoluto, mentre la storia conosce soltanto il relativo.

Una contrapposizione questa che peraltro non condivide Enzo Traverso: egli ben consapevole che la memoria singolarizza la storia. La sua percezione del passato irriducibilmente singolare. L dove lo storico vede una tappa di un processo, un particolare di un quadro complesso e mobile, il testimone pu cogliere un avvenimento cruciale, lo stravolgimento di una vita. E tuttavia Traverso non solo ritiene che si sottovalutino i rischi di manipolazione e sacralizzazione che appartengono anche alla scrittura della storia, ma recupera l'utilit di un serio confronto degli storici con la memoria - individuale o collettiva che sia - purch questa venga ricondotta al suo contesto pi generale[...], inscrive[ndo] questa singolarit dell'esperienza vissuta in un contesto storico globale, tentando di illuminarne le cause, le condizioni, le strutture, la dinamica d'insieme.

La memoria infatti ha una sua specifica temporalit, che lo storico pu utilmente ricostruire andando a chiedersi per quali motivi, in quali circostanze, sotto quali influssi determinate memorie si impongano come egemoni ed altre vengano invece emarginate, se non definitivamente cancellate. Si riprenda ad esempio la stessa memoria della Shoah, che si ormai imposta come elemento centrale di riflessioni sul Novecento (tanto da suscitare perentorie affermazioni sull'unicit di quell'evento che per lo storico o sono scontate, in quanto ogni evento unico e particolare, o sono devianti, in quanto bloccano i meccanismi di comparazione cos importanti per la narrazioni storica in quanto consentono di smontare gli avvenimenti, cercare connessioni non immediatamente percettibili e scontate, ricostruire genealogie): ebbene, fino agli anni Sessanta la consapevolezza di quell'evento era ben debole nella coscienza mondiale, tant' che un lavoro fondamentale come quello di Hilberg su La distruzione degli ebrei d'Europa, uscito nella sua prima versione nel 1960, solo con gli anni Ottanta divent opera di riferimento (in Italia stato pubblicato, da Einaudi, solo nel 1995).

Storicizzare la memoria apre perci importanti campi d'indagini per lo storico, certamente a patto che questo eviti di diventare un semplice avvocato della memoria e di perdere di vista il contesto generale, ma dando comunque per scontato che, a meno di riproporre una visione obsoleta (e illusoria) della storia come scienza positiva, "assiologicamente neutra", si ben costretti a riconoscere che tutto il lavoro storico veicola anche, implicitamente, un giudizio sul passato. Verso la stessa conclusione, in una singolare coincidenza d'analisi e di sensibilit, si muove anche Fabio Dei per quanto riguarda gli antropologi: al termine di un denso saggio, egli rileva che partecipare alle pratiche di costruzione della memoria pubblica e del patrimonio culturale, restando consapevoli dei complessi meccanismi che li costituiscono retoricamente e politicamente nel presente, il difficile compito che accomuna oggi, a me pare, storici e antropologi.

Traverso conclude il suo saggio ricordando che l'intrecciarsi della storia, della memoria e della giustizia al centro della vita collettiva, e che al punto di intersezione tra storia e memoria, c' la politica. Ma questa osservazione, che condivido, complica ulteriormente il quadro, perch la politica una grande manipolatrice della memoria, la utilizza per raggiungere i propri fini, definisce i criteri di selezione tra le varie memorie che si confrontano in uno spazio ed in un tempo definito, stabilisce, a volte anche con leggi, l'obbligo a ricordare, incoraggia una memoria del passato che rafforzi le identit necessarie a sostenere i progetti del presente.

Come ricorda Emanuela Fronza nel suo saggio su Diritto e memoria. Un dialogo difficile, tra le modalit di intervento giuridico che generano un'intersezione con la memoria, in particolare dei fatti che hanno caratterizzato la seconda guerra mondiale, possono individuarsi due tipologie principali: da un lato, l'adozione di legislazioni sul piano nazionale che istituiscono giornate per invitare le popolazioni a ricordare; dall'altro, delle normative adottate sul piano sopranazionale e nazionale, che puniscono la negazione, la minimizzazione o la giustificazione della Shoah. Sulla seconda operazioni l'autrice solleva giustamente seri dubbi, in quanto con essa si promuove a ufficiale una e un'unica di quelle infinite interpretazioni sempre possibili sui fatti storici.

Costruzioni identitarie

Ma anche la scelta di un invito dall'alto alla memoria, a mio avviso, non esente da rischi: se nessuno contesta, almeno apertamente, la scelta della Shoah come elemento da commemorare il 27 gennaio (e si tratterebbe comunque di capire quali specifiche conoscenze e interpretazioni della Shoah inducono le innumerevoli iniziative intraprese da enti pubblici e scuole in occasione di quella scadenza), una volta intrapresa la strada di stabilire per legge cosa opportuno ricordare si aprono comunque delicati problemi, ad esempio quando si decide di estendere quell'invito ad avvenimenti pi controversi o legati a specifiche situazioni di storia nazionale (si pensi ad esempio alla legge italiana 30 marzo 2004, n. 92, che istituisce un "giorno del ricordo" in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale). In ogni caso i rischi di manipolazione istituzionale della storia - e di ritualizzazione e svuotamento di significato della memoria - sono elevatissimi, e dovrebbero spingere a giudicare con grande prudenza l'istituzione di giornate della memoria, quale che sia il contenuto del ricordo che si vuole imporre per legge.

La costruzione identitaria del resto sempre un'operazione complessa e necessariamente manipolatoria: lo dimostrano i saggi sull'Europa e sull'utilizzazione del discorso storico nel definire lo spazio europeo di Luca Scuccimarra, Stefano Petrungaro e Patrick Hyder Patterson o, su un altro versante, quello di Raya Cohen sul discorso pubblico israeliano, nel quale si sottolinea la cancellazione del passato europeo dalla storia ebraica insegnata in Israele, a tutto vantaggio del discorso sionistico e dell'esperienza della Shoah, lo evidenzia infine l'intervento fortemente polemico di Hans-Ulrich Wehler contro l'adesione della Turchia all'Europa: tra le varie argomentazioni che l'insigne storico tedesco porta a favore della sua tesi, quelle di carattere economico, sociale, politico si mescolano ad una forte valutazione del differente passato storico, per cui per circa 450 anni il musulmano Impero ottomano ha quasi ininterrottamente condotto guerre contro l'Europa cristiana portando addirittura il suo esercito alle porte di Vienna: un esempio di come la memoria di un passato remoto possa orientare gli individui anche davanti a scelte strategiche relative all'oggi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news