LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Collegio-Convitto "Sampolo" abbandonato
Salvo Sbacchis
09/04/2005, La Repubblica, ed. Palermo


In CENTOTRE anni di permanenza a Palermo i salesiani di Don Bosco, grazie ai loro sforzi ma anche alle parecchie donazioni dei seguaci del Santo torinese sono riusciti a fondare e a mantenere un gran numero di "case salesiane" in tutta la Sicilia. Tra le pi note a Palermo ci sono il Collegio-Convitto "Sampolo" fondato nel 1902 e cresciuto attorno a un lascito, l'Oratorio di Santa Chiara all'Albergheria del 1918, poi il "Ranchibile" realizzato nel 1937 grazie a un contratto enfiteutico voluto dai discendenti del conte Ranchibile, e l'Istituto professionale Ges Adolescente nel 1966.

MA MENTRE gli istituti di Santa Chiara, del Ranchibile e del Ges Adolescente sopravvivono, il Collegio-Convitto "Sampolo" chiuso dal 1992. Immerso nel verde, cinto da mura e da palazzi alti fino a dodici piani, il Sampolo venne fondato da un salesiano di Tropea, don Francesco Tutto, su un terreno con villa do -nato dal sacerdote palermitano don Benedetto Billitteri. Il primo allievo del Convitto fu un certo Antonio Belli. Poi ci fu la borghesia Liberty e la generazione abbiente repubblicana. Uno degli ultimi a frequentarvi le medie e le superiori fu il presidente della Regione Siciliana Salvatore Cuffaro.
Il complesso si dice sia passato prima all'Inpdap e poi a un privato che se lo aggiudic in un'asta superando l'offerta del Comune di Palermo che ne voleva fare la nuova sede della scuola media statale Guglielmo Marconi.
In questi misteriosi passaggi, da quando gli ultimi professori lasciarono le cattedre e le aule furono abbandonate dai collegiali, l'ex Istituto di via Sampolo non ha pi svolto alcuna attivit.
N per i salesiani che dicono non esserne pi i proprietari, n per i "misteriosi" proprietari che alcuni identificano nell'Inpdap, altri in quel provato che se lo aggiudic all'asta, altri ancora giurano che il Collegio sempre appartenuto ai salesiani e non stato mai ceduto. Prescindendo da chi potrebbe rispondere in futuro di questo complesso, rimane il fatto che Palermo, espandendosi ha prima circondato, poi assediato, e infine espugnato i seguaci di Don Bosco con tutta la loro centenaria storia, con la pace del quartiere, con la pace dei parrocchiani, con la pace del Comune e degli illustri ex-allievi che l'hanno frequentato per un secolo.
Il salesiano che dal 1962 custodisce la chiesa, l'ultima ufficiosa propriet rimasta, nel ricordare alcuni brandelli di storia dell'Istituto racconta di quando il Collegio venne sequestrato dal governo italiano per motivi bellici, e restituito solo dopo lo sbarco degli alleati. E che tra gli studenti prosegue il ricordo per la maggior parte provenienti dalla provincia, c'erano Petix, il ministro Volpe, l'ex sindaco Martellucci, il giudice Piscitello, i fratelli Latteri di cui uno di loro fu celebre corridore automobilistico, e tanti tanti altri.
Attorno alla villa ottocentesca che a mala pena si scorge, crebbero le aule, irefetto-ri, i campetti di calcio, la chie-sa, il cinema, i dormitori, i campi di tennis, divenendo nel giro di pochi anni una citt nella citt. Un patrimonio valutato, si dice, attorno ai settecento milioni di lire di allora, tutto compreso.
Dentro l'ex Convitto-Collegio Sampolo, intanto, non si vedono e non si odono pi ragazzi, qualcuno vi fa capo-lino, altri hanno finito con l'abitarvi. E in un momento in cui Palermo soffre carenza di sp azi fa un certo effetto vede -re dal vicino ponte della ferrovia di via Cirrincione le aule sbarrate e la scritta "Istituto Don Bosco" che campeggia sbiadita sul prospetto, come orami sbiadito ricordo della Palermo felix. Senza pi i ragazzi "tra l'oleandro e il baobab", l'impressione che si ha che l'"epoca" dei salesiani a Palermo sembra terminata, e che la chiusura del "Sampolo" appare come la prima "ritirata" da uno dei primi baluardi cattolici palermitani. Ma l'abbandono dei grossi plessi religiosi ormai fenomeno diffuso ovun-que. E' di questo mese il dato riportato dal settimanale Der Spiegel che denuncia l'alto numero di edifici religiosi tedeschi ceduti ai privati. Anche la opulenta Germania, per fare fronte al diminuire delle vocazioni e del sostentamento economico dei fedeli, e presa di mira dagli appetiti immobiliari, potrebbe vedere trasformare in ristorante la propria Chiesa Evangelica di Amburgo.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news