LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

URBANISTICA & PAESAGGIO Gemme di buongoverno
Vittorio Emiliani
l'Unit 08/04/2005


II debutto di Francesco Storace in campo ambientale fu subito persuasivo: diamoci un taglio con 'sti parchi regionali, a cominciare da quello dei Laghi di Bracciano e di Martignano a nord di Roma.

Dopo, con la legge "ammazzaparchi", ha marciato con l'accetta sulle altre aree protette. Questo fu l'inizio del mandato. La sua fine stata sigillata da una sentenza di merito, cio definitiva, del Tar, che ha cancellato tutte le nomine storaciane per i Parchi dei Simbruini, di Veio e per Roma Natura: bocciate per mancanza di requisiti specifici e di consensi adeguati da parte delle associazioni (le cui indicazioni erano state cestinate).

Di conseguenza, sono diventati nulli tutti gli atti dei tre organismi dalla primavera del 2004.


Un altro bel caso di "buongoverno". Adesso, dopo la tirata di Silvio Berlusconi contro "lo Stato parallelo controllato dalla sinistra" (Consiglio di Stato incluso) abbiamo capito meglio: pure il Tar del Lazio una cellula della sinistra.
Ma perch tanta smania di mettere le mani dentro i Parchi?
Intanto per bloccarli e possibilmente ridurli. Poi per infilarci persone di stretta fiducia, anche se privi di ogni competenza in materia. Infine, per favorire la "lobby" dei cacciatori, che sta molto a cuore a tutta Alleanza Nazionale, a partire dal ministro dell'Ambiente Altero Matteoli. stata una strategia nazionale del centrodestra: lasciate che i cacciatori possano sparare, anticipate i calendari venatori, consentite di far bottino con gli stessi migratori, e cos via.

La Puglia del mitico "buongoverno" stata trasformata da Raffaele Fitto in una immensa riserva di caccia, con libert di sparo. Addio "caccia programmata". Libera doppietta in libera Regione, e niente zone di protezione lungo il passo degli uccelli migratori, sempre pi rari. Come invece ci chiedeva l'Europa.
Di taglio in taglio, sui laghi laziali sono stati sottratti alle salvaguardie del Parco circa 2.700 ettari, l'11,5 per cento della superficie iniziale.
In un ambiente antico, fra necropoli e natura integra, a dir poco splendido. Con la legge "ammazzaparchi" del 21 marzo 2003, Storace ha ammesso la caccia cosiddetta "di selezione", ha fissato al 30 per cento del territorio il limite invalicabile per i Parchi, ha ridotto il peso delle comunit locali nei consigli di amministrazione e introdotto uno spoil system tutto politico con nomine di fiducia.

Via, quindi, dalla presidenza del pi sensazionale fra i Parchi regionali, quello dell'Appia Antica (naturalistico, archeologico, letterario, agricolo) Gaetano Benedetto, dirigente di primo livello del Wwf Italia, il quale, succedendo ad Antonio Cederna, ne aveva proseguito la linea rigorosa e fattiva, e dentro invece un tecnico informatico del Ministero delle Politiche Agricole, vicino all'assessore Saraceni, Marco Di Fonzo. Brava persona, cattolico di destra, e per senza esperienze specifiche in materia ambiental-archeologica.

Tuttavia la nomina pi lontana da meriti tecnici risultata quella del nuovo presidente di Roma Natura, organismo coordinatore dei numerosi Parchi della capitale, quel Massimo Bugli, ex vice-presidente del Consiglio provinciale di Roma, il quale di ambiente non s' mai interessato.

Infatti, al pari di tanti presidenti imposti alla guida dei Parchi nazionali da Matteoli, Bugli presenta soltanto meriti di partito, la tessera di An. Per contro, stato mandato a casa un valido dirigente ambientalista quale Ivan Novelli che aveva promosso tante utili iniziative, in primo luogo tutti i piani di assetto dei parchi romani. Del resto, alla guida dell'importantissima Agenzia Regionale della Sanit, il "governatore" non aveva messo l'ex deputato di An, Domenico Gramazio, uomo di azione assai pi che di pensiero, in origine ragioniere all'Inps?

Che a Francesco Storace nulla importasse dell'integrit di quanto resta dell'Agro Romano, lo si visto quando ha avanzato, senza alcun coordinamento col Comune e con la Provincia di Roma, il progetto di una nuova autostrada - il Corridoio Tirrenico Meridionale - da Fiumicino a Formia, la quale nella prima versione tranciava senza piet le aree protette di Decima e di Malafede, proseguendo poi dentro la bonifica pontina (dagli equilibri idraulici delicatissimi), passando a cento metri dal lago di Fondi, bucando i Monti Ausoni e Aurunci.

La sollevazione degli ambientalisti, ma pure degli agricoltori e di altri imprenditori, dello stesso senatore di Latina, l'ex sindaco Aimone Finestra, stata immediata: che senso ha investire circa 3 miliardi di euro (che nessuno ha) per questa devastante autostrada invece di dedicarsi all'indispensabile raddoppio della trafficatissima statale Pontina cos ricca, purtroppo, di incidenti?

Questa era e questa resta - analogamente alla statale Aurelia nel tratto maremmano fra Capalbio e Civitavecchia - la soluzione pi logica, pi immediata, pi rapidamente cantierabile.

Ma Storace, giudicando "fuori dal mondo" le opposizioni, ha preteso dal Cipe un primo stanziamento, rimasto, sin qui, nel limbo. Ma il "buongoverno" di Storace si stagliato nel cielo della capitale anche col condono edilizio. Dove arrivato a sancire la sanatoria delle stesse seconde case, delle villette al mare, spacciate per "abusi di necessit", cio di forte contenuto sociale. Storace ha naturalmente respinto nell'occasione i paletti richiesti dal Comune di Roma sul quale si scarica l'onere del terzo condono in meno di vent'anni.

Essendo invece uno dei Comuni che pi ha fatto e sta facendo contro la piaga dell'abusivismo edilizio, dilagante nel Lazio, specie sulla costa. Quest'ultima, gi sfigurata, soggetta, per il 42 per cento, a forti erosioni.

Noncurante di ci, la Regione ha previsto la realizzazione di 6 nuovi porti e di altri 8 approdi turistici, oltre avari ampliamenti, che certo faranno benissimo all'erosione ripascendo di buon cemento gli arenili senza sabbia.

Nella vicenda del condono anche il "governatore" pugliese Raffaele Fitto ha evitato accuratamente le posizioni alla Bas-solino, cio di aperto contrasto alla nuova, disastrosa maxi-sanatoria (che anche in Puglia ha ridato lena agli abusi).

Del resto si era gi segnalato in una vicenda esemplare di fine legislatura, facendo votare la legge n.2 del 22 febbraio 2005 con la quale, in Puglia, il proprietario di un terreno espropriato per ragioni di pubblica utilit potr essere indennizzato non in denaro bens con metri cubi edificabili.

Misura folle destinata ad accelerare la colata di cemento& asfalto che, ogni anno, si "mangia" oltre 100 mila ettari di buona terra italiana, seminando ovunque case e casette, palazzoni, lottizzazioni, centri commerciali, multisala, ecc. destinati a svuotare le citt esistenti.

Niki Vendola ha assicurato che comincer abbattendo i "mostri" di Punta Perotti. Il lavoro non mancher pure a Piero Marrazzo.

La Regione Lazio si mossa in senso contrario anche rispetto all'intesa fra l'allora presidente Piero Badaloni e il Ministero dei Beni culturali, tesa ad arricchire i piani paesistici col riconoscimento di numerose e significative aree archeologiche.

Con la Finanziaria del dicembre 2004, si sono invece drasticamente limitati tali vincoli e si stabilito che gli accordi di programma per il recupero urbano, finanziati dalla Regione, "possano comportare variazioni ai Piani territoriali paesistici vigenti".

In parole povere, se c' da costruire nuovi lotti residenziali, siamo qua noi, pronti a variare i Piani come meglio vi conviene. L'equivalente dell'urbanistica di "rito ambrosiano" dove l'ente pubblico contratta la pianificazione (si fa per dire) coi privati, cio con gli interessi immobiliari forti. E si adegua.
Infine, il capolavoro istituzionale di Storace stato quello di far dipendere dalla volont della Regione il ruolo della nostra capitale, doppia capitale (come questi giorni evidenziano, in modo clamoroso), della Citt Eterna, umiliandola al rango di capo-luogo del Lazio, o poco pi.

Il suo partito non forse alleato col Bossi "celtico", col Bossi di "Roma ladrona"? Chiudiamo qui, per ora, il catalogo di gemme del "buongoverno" di Storace, di Fitto e di altri presidenti finiti in minoranza. Auguriamoci che la loro strategia venga ribaltata, nel metodo e nella sostanza, e che nasca una politica alternativa, "sostenibile", attenta ai beni primari irriproducibili, nutrita di dibattiti e di studi seri. Giorni fa, ad una importante radio privata, l'editorialista Piero Ostellino ha detto che, con lo scontento che investiva il governo Berlusconi, anche sua nonna avrebbe vinto, al posto di Piero Marrazzo, contro Storace e i suoi fratelli. altamente improbabile. senz'altro probabile invece che la nonna di Ostellino, donna, immagino, virtuosa e intelligente, avrebbe governato meglio di Storace, di Fitto e di altri ora mandati all'opposizione.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news