LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ora le Regioni si battano contro la devolution
Giuseppe Campos Venuti
LA REPUBBLICA, BOLOGNA CRONACA, VENERD 8 APRILE 2005



LO straordinario risultato delle elezioni regionali ha spinto le forze politiche di centro sinistra a proporsi subito un impegno per fermare l'aberrante processo secessionista contro la Costituzione, messo in atto dalla destra sotto il ricatto della Lega. Mentre i Presidenti di centro sinistra confermati o neoeletti, hanno rinnovato con decisione il loro impegno al buongoverno programmato, che ha certamente contribuito al successo elettorale.
Io vorrei aggiungere, per, un secondo impe-gno di grande importanza per le Regioni della Unione di centro sinistrale quali fra due settimane saranno 17 su 20 che non ancora emerso nelle sue strategiche caratteristiche.
L'impegno che gi suggerivo nel sito internet del Presidente Errani: ...L'unico Federalismo che Berlusconi e Bossi non ci daranno mai e che vorrei domani da Errani e poi da Prodi, quello che dopo aver aiutato le Regioni pi deboli d'Italia e d'Europa lasciasse gli emiliani e i romagnoli a spendere, delle tasse pagate allo Stato, la stessa percentuale che, nei loro Paesi, tocca alla Baviera e alla Catalogna.
Perch il vero Federalismo non certo quello degli ininfluenti centri di potere cari ai secessionisti lombardo-veneti e forse neppure quello in prevalenza procedurale delle moderate riforme Bassanini; il vero Federalismo quello che assegna alle Regioni, alle Province e ai Comuni, una disponibilit finanziaria almeno doppia di quanto lo Stato centralista di Berlusconi e Bossi disposto a concedere.
Infatti la spiegazione del perch in Italia si realizza meno della met delle opere pubblichee in particolare delle infrastrutture che si realizzano in Francia, in Germania e perfino in Spagna, sta da un lato nel fatto che le finanze dello Stato sono assorbite in Italia dagli interessi del debito accumulato nei devastanti anni 80, in misura doppia di quanto avviene in quei Paesi, debito che il governo di destra si poco curato di ridurre.
E DALL'ALTRO lato nel fatto che in Italia lo Stato centralista assorbe e mal utilizza una quota largamente superiore di quanto non faccia in quei Paesi, sottraendola alla realizzazione di quelle infrastrutture ed opere pubbliche, che in Italia sono cos palesemente carenti.
Il vero Federalismo , dunque, quello capace di ridurre l'accentramento della spesa pubblica, decentrando una quota assai pi alta del gettito fiscale e insieme quello di lasciare le Regioni, le Province e i Comuni a decidere liberamente come spendere questi finanziamenti che ad essi appartengono. Tanto per fare l'esempio del metr bolognese, sottraendo al Ministro del Bilancio e a quello delle Infrastrutture, il controllo centralista sulle scelte del trasporto collettivo su ferro, cancellando le umilianti vie crucis alle quali ha costretto fino ad oggi i rappresentanti delle istituzioni emiliano-romagnole; scelte che il Comune di Bologna dovr invece decidere discutendo conia sua Provincia e la sua Regione, senza essere forzato a subire tracciati e soluzioni che sono un pasticcio incoerente del nuovo col vecchio, messiinsieme solo per accontentare i Ministeri centralisti di Berlusconi. Restituendo ai bolognesi i finanziamenti che ad essi spettano e che ad essi sono stati sottratti con un gesto apertamente elettoralistico. Altro che Roma ladrona; qui di ladrone c' soltanto il governo centralista, che a Roma nel senso di palazzo Chigi spadroneggia.
Il vero Federalismo, inoltre, sarebbe anche quello capace di rifiutare un meccanismo fiscale, che lascia alsistema delle autonomie praticamente soltanto l'ICI, la tassa sulla casa; costringendo le Amministrazioni locali ad incentivare la produzione edilizia, quale unica fonte finanziaria per i Comuni, anche quando ci comincia a danneggiare palesemente le cento citt del Paese. Altro che controriforme costituzionali e pseudo riduzioni fiscali propa-gandistiche; qui c' da cambiare rapidamente le competenze fiscali fra centro e periferia, onde evitare che i Comuni italiani per sopravvivere, siano costretti a moltiplicare le licenze edilizie.
Ancor pi mi sembra, infine, doveroso che gli eletti del popolo in 17 Regioni su 20, pretendano di essere ascoltati da un Parlamento che rappresenta le scelte elettorali di quattro anni fa e che, per, si appresta a rendere esecutivo un colpo di mano secessionista oggi apertamente sconfessato dal Paese; perch la scelta della devolution secessionista non concorda certo con i programmi elettorali appena approvati clamorosamente dal voto popolare.
Auguri, dunque, di buon lavoro al Presidente Errani e ai suoi colleghi neoeletti o confermati; ma ricordino che ad essi none affidata soltanto la buona amministrazione delle loro Regioni. Perch in questo momento pi che mai, le Regioni e i loro Presidenti hanno anche una responsabilit decisiva per il futuro dell'intera Nazione.

GIUSEPPE CAMPOS VENUTI



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news