LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Parchi e tutela ambientale, finanziamenti necessari
Francesco Borzaga, Enrico Franco
Corriere del Trentino 5/1/2014

Gentile direttore,
è o forse dovrebbe essere motivo di grande preoccupazione, per quanti hanno a cuore il paesaggio e l'ambiente del Trentino, la situazione dei parchi naturali. Grazie a pesantissimi tagli giustificati con la situazione di crisi, appaiono infatti in grande difficoltà.
Nella sua relazione presentata recentemente al Comitato di gestione, il presidente del parco Adamello-Brenta ha denunciato un calo di ben un milione di euro, quasi un terzo del totale, sui contributi elargiti dalla Provincia. Ciò significa ridurre i posti di lavoro, nonché diminuire drasticamente le capacità operative dell'ente. Come denuncia Antonio Caola, sembra addirittura a rischio la stessa vita del parco.
Nel settore orientale della provincia, nel parco Paneveggio-Pale di San Martino, un analogo taglio pone a rischio, in modo assai consistente, i posti di lavoro legati all'attività didattica e di tutela. Non ho dati invece sul servizio provinciale conservazione natura e valorizzazione ambientale, al quale sono affidati i biotopi. Poiché però da tempo tale settore risulta pesantemente sottofinanziato, non dubito che con l'attuale «spending rewiew» (adoro l'inglese) la sua situazione sia perlomeno altrettanto critica.
Si dirà: in tempo di crisi tutti devono fare sacrifici. Osservo invece che proprio la crisi dovrebbe dare occasione per una revisione di fondo degli assai discutibili criteri con i quali negli scorsi anni Lorenzo Dellai ha distribuito i cospicui fondi provinciali. Non mi pare tuttavia che si stia facendo: pescando a caso nei miei ritagli, apprendo che negli stessi giorni nei quali il parco naturale Adamello-Brenta rendeva pubblica la sua drammatica situazione, la giunta provinciale elargiva al Comune di Peio un contributo di ben tre milioni cinquecentoduemilaottocento euro e 92 centesimi per la realizzazione di un parcheggio interrato al servizio del sistema pista. Aggiungo che il generoso contributo, per un'opera nel Parco nazionale, copre ben il 95% della spesa prevista. Come sulla Spagna di Carlo V, anche sulle funivie e relative consortele il sole non tramonta mai.
La cura e la valorizzazione del territorio, affidate ai parchi naturali e ai biotopi, sono un compito che trascende di gran lunga il momento contingente. È inoltre indispensabile che almeno una piccola parte dei giovani — sottratta a internet, agonismo sportivo e telefonini — impari a conoscere e ad amare un paese che è suo e nel quale probabilmente è destinata a vivere. Un territorio non conosciuto e non amato dai suoi abitanti non ha futuro.
Al di là dei consueti discorsi, non mi pare che il nostro mondo politico si preoccupi molto del futuro. Il nostro turismo, del quale parchi e biotopi dovrebbero costituire una colonna portante, vive sostanzialmente di «eventi» rumorosi il più possibile: campionati «mondiali», ritiri di squadre di calcio, elettrizzanti gare sportive. Sono tutti episodi che, una volta trascorsi, non lasciano traccia. Passate così le Universiadi 2013, di cui vorrei conoscere il costo, ecco subito chi culla il sogno olimpico. Non dubito che questo, come altri assai simili sogni, trovi immediatamente un nugolo di interessati e perciò entusiasti sostenitori. Così nel settore sportivo, da sempre iperfinanziato, le iniziative si moltiplicano e sembrano non conoscere crisi. Il Centro Bike val di Sole annuncia ad esempio l'ingaggio di ben 14 «maestri» di mountain bike, preposti all'indottrinamento, o forse all'allevamento, di una miriade di piccoli gladiatori da iniziare alle delizie e ai brividi del fuoristrada e del downhill. Lo smercio di biciclette e di altre merci sarà garantito anche per il futuro. Per quanto mi riguarda vorrei che questi posti di lavoro arrivassero dai parchi e dai biotopi.
Sarò forse antiquato: desidero un Trentino diverso, attento ad altri valori.
Francesco Borzaga, TRENTO

Caro Borzaga,
con l'affetto e la stima che nutro nei confronti di chi, come lei, ha dedicato la vita alla difesa dell'ambiente senza alcun interesse personale, mi permetto di sostenere che lei non è antiquato bensì intransigente. Il che, peraltro, non è un male, in quanto tiene alta l'attenzione su una questione, quella ecologica, costantemente a rischio di essere sottovalutata.
Le confesso però che non mi ritrovo nella sua descrizione pessimistica. Il Trentino ha certo registrato iniziative scellerate sul fronte paesaggistico, ma complessivamente va riconosciuta una certa attenzione alla difesa dell'ambiente. Certo, si sarebbe potuto fare di più e meglio, ma ciò non significa che abbiano prevalso le azioni distruttive.
Credo inoltre che una certa dose di compromesso sia necessaria. Potremmo «blindare» la nostra montagna, renderla accessibile solo con scarponi, ciaspole, sci e slitte, bandendo ogni impianto di risalita: ben presto, ne sono convinto, le necessità economiche spopolerebbero i paesi più o meno piccoli, cancellando un presidio prezioso proprio per la salvaguardia del patrimonio naturalistico. È tuttavia necessario accorgersi dei cambiamenti e anticipare le tendenze: oggi il turismo «dolce» ha un appeal crescente sul quale non mi pare che il Trentino investa adeguatamente.
Quanto ai parchi, mi auguro che vengano loro destinati i maggiori finanziamenti possibili, seppure nessuno possa esimersi dalla necessità di contenere le spese. Anche su questo fronte dobbiamo ricuperare lo spirito del volontariato: l'opera di educazione e sensibilizzazione non deve essere fatta esclusivamente da persone stipendiate. Lei, d'altronde, ne è la dimostrazione vivente. Sia chiaro, non penso che i parchi debbano esistere solo grazie a un impegno gratuito, ma solo che anche qui occorra ottenere i massimi risultati possibili con le risorse a disposizione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news