LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

EOLIE: Sindacati contro ambientalisti le Eolie alla guerra della pomice
Luigi Barrica
Repubblica, ed. Palermo 07 Aprile 2005


Unesco eLegambiente per la chiusura delle cave. In bilico 200 lavoratori


LIPARI—«La questione pomice», nelle Eolie, non è per nulla risolta. Anzi, man mano che passano i giorni si concretizza sempre più l'ipotesi che quelle miniere, dalle quali dal 1893 viene estratta la pietrapomice, dovranno essere chiuse per sempre. E non solo perché l'Unesco per mantenere l'arcipelago nell'elenco dei siti "sotto tutela" aveva posto la condizione che «l'attività estrattiva della pomice deve cessare entro il 2004», quanto per il fatto che il materiale di risulta, stante le relazioni e le motivazioni depositate alla Regione siciliana, fin dal 1980 inquinerebbe il mare. Tant'è che da quella data è assolutamente vi etato depositare pomice lungo le spiagge eoliane a tal punto che le famose «spiagge bianche» di Lipari, non esistono più. Il fatto è che quelle polveri di pomice causerebbero patologie gravi come la silicosi. Motivazioni, queste ultime, tirate fuori proprio da associazioni ambientaliste, che pressano affinché le cave siano chiuse per legge. «Ulteriori argomenti propagandistici tirati fuori — dicono sindacati e operai — da parte di quanti vogliono massacrare ed affossare definitivamente l'economia di queste isole». «Del resto — chiariscono alla Pumex, una delle due aziende eoliane che provvede alla escavazione, lavorazione ed esportazione della pomice — il prodotto non inquina l'acqua marina, è indiscutibilmente certificato dalle analisi effettuate in più anni da vari istituti. Larelativa documentazione è stata spedita alla Regione che non ha mai ritenuto opportuno rimuovere quel divieto assurdo. Per quanto riguarda poi i danni alla salute — proseguono alla Pumex—i nostri minatori sono ben attrezzati con maschere e filtri. Non abbiamo mai ricevuto nessuna contestazione sindacale. Prova questa che ogni cosava bene, siamo perfettamente in regola. Certo, come si fa a gar antire l'incolumità di isolani e turisti? Ma la preoccupazione per tutti sarebbe identica con le cave chiuse dal momento che di pomice libera al vento, Lipari ne è copertaper almeno un terzo».
Di fatto sono a rischio circa duecento posti di lavoro tra attività diretta e indotto. L'ente minerario, infatti, non ha concesso né a Pumex né ad Italpomice, il rinnovo di permesso di escavazione cessato il 31 marzo scorso. L'altro ieri alla prefettura di Messina, nell'incontro tra l'assessore regionale Antonio D'Aquino, il prefetto, sindacati e industriali, è stata accolta la«richiesta di sospensione momentanea» di quel diniego. «Ma è altrettanto vero che si protrae l'agonia non certo la guarigione. Anche perché — dicono a chiare lettere i sindacati — i politici non sanno assolutamente come affrontare la faccenda. Non vogliono perdere l'appoggio di ambientalisti o pseudo tali, ma nessuno di loro si sente di mandare a casa centinaia di padri di famiglia». «Quindi — dicono i responsabili di Ds e Margherita eoliani — bisogna percorrere un'altra strada. Chiedere all'Unesco di mantenere le Eolie tra i siti considerati patrimonio dell'umanità almeno per altri quattro anni e nel frattempo presentare e completare un piano di riconversione aziendale, così come da anni domandiamo inutilmente per esempio al sindaco di Lipari Ma-riano Bruno». Anche Legambiente, contraria alla riapertura delle cave, insiste per la riconversione. Argomenti di discussione che verranno approfonditi mercoledì prossimo a Palermo nel corso di un'ulteriore riunione convocata fra le parti dallo stesso assessore D'Aquino. Incontro al quale hanno già chiesto di partecipare anche esponenti dell'Unesco.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news