LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il patrimonio artistico dell'Iraq in vendita all'asta su eBay
Cristina Nadotti
La Repubblica on line, 07 Aprile 2005

Il Museo internazionale di Bagdad denuncia il commercio illegale
su internet di oggetti preziosi trafugati da scavi archeologici

Un portavoce del sito: "E' possibile che ci avvenga
ma non possiamo controllare ogni singolo articolo"

ROMA - La rapina delle ricchezze artistiche irachene avviene anche via internet. E si parla di oggetti che testimoniano la nascita della civilt mediorientale: sigilli di oltre 3000 anni fa, il periodo accadico, sculture babilonesi del 1700 avanti Cristo, tavolette con incisioni cuneiformi del 1900 avanti Cristo. Tutto venduto a prezzi, pi o meno stracciati, su eBay, il sito leader di compravendita online, dove ogni giorno i predatori del museo di Bagdad e dei siti archeologici iracheni (ma non solo di questi) offrono i loro bottini.

La denuncia partita dal sito del Museo internazionale di Bagdad, creato dal progetto omonimo per aiutare il recupero e la salvaguardia del patrimonio culturale del paese. Vi si legge che sono innumerevoli i reperti rubati dal museo della capitale durante i giorni della caduta del regime di Saddam Hussein, e ancora oggi i siti archeologici di tutto il paese vengono sistematicamente spogliati. Parte del bottino di queste ruberie, secondo i collaboratori del "Progetto museo", poi venduta all'asta su eBay.

Baghdadmuseum.org lamenta che il sito di compravendita non fa menzione della provenienza degli oggetti, n dei tentativi in corso, da parte di archeologi e membri della comunit internazionale, di combattere il commercio illegale di oggetti d'arte, per restituire all'Iraq il suo patrimonio.

"Su eBay non c' alcun avviso che metta in guardia gli acquirenti che alcuni oggetti potrebbero avere provenienza illegale - dice John Simmons, direttore del "Baghdad Museum Project" - In ogni momento su eBay ci sono almeno 50 oggetti di provenienza dubbia messi all'asta e ci sono trattative in corso per l'acquisto di almeno altri 50. Nonostante questo recente aumento di reperti sul sito e i richiami da parte del governo statunitense, i gestori di eBay non hanno inserito alcun avviso sulle conseguenze della compravendita illegale di oggetti d'arte".

"Ci sono offerte di reperti che provengono anche da altri paesi, come Malta, Siria, Libano, e anche in questo caso molto poco si fa per scoraggiare il mercato nero. Certo non possiamo accertare che tutti gli oggetti in vendita su eBay siano di provenienza illegale, perci al momento l'unica azione possibile di inserire quanti pi reperti scomparsi possibile nel nostro database, perch la gente possa fare delle verifiche".

Lo scorso anno, in seguito alle lamentele del "Progetto museo", un portavoce di eBay aveva detto che possibile che gli oggetti in vendita siano stati rubati in Iraq, ma che il sito non pu controllare ogni singolo pezzo all'asta. "Se un oggetto come questo appare su eBay e veniamo contattati dalle autorit - aveva detto il portavoce - allora lo rimuoviamo dall'asta". L'intervento di eBay avviene dunque solo su invito dell'autorit giudiziaria, un'azione difficile da portare avanti in una situazione come quella irachena.

Nell'impossibilit, o quasi, di agire efficacemente con la legge, lo scorso anno l'allora segretario di Stato americano Colin Powell aveva diffuso una nota, che suonava come una preghiera ai compratori americani di oggetti d'arte, ricordando loro che rischiavano di commettere dei reati. Ci sono pochi dubbi infatti che gran parte del commercio illegale su eBay sia alimentato dalle truppe in Iraq. L'avviso di Powell diceva espressamente che "in particolare si chiede agli americani di non acquistare o vendere tali oggetti perch appartengono all'Iraq".

Il monito di Powell non deve aver dato frutto, se ancora oggi il "Progetto Bagdad" chiede a chi acquista pezzi d'arte su eBay di leggere con attenzione la descrizione dell'articolo sul sito e di verificare se autentico e da dove proviene. Di azioni legali promosse dal museo o dalle autorit irachene non si parla: c' piuttosto un appello ai frequentatori del sito, perch segnalino all'Fbi le vendite illegali. Sempre con un semplice clic.

(7 aprile 2005)



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news