LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Palermo) Trovata una tela del Settecento i ladri l'avevano già restaurata.
la Repubblica - ED. PALERMO



Rubata due anni fa in un convento, era nel retrobottega di un antiquario. Il quadro raffigura Gesù Bambino che regge un vessillo L'autore è ignoto

I FRATI del convento di San Francesco hanno un doppio motivo per rallegrarsi: i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale hanno recuperato il dipinto del Settecento che era stato rubato nel 2003 e lo hanno trovato già restaurato. Naturalmente, a spese dei ladri. Un vero successo l'operazione degli investigatori dell'Arma che fra qualche giorno, dopo il via libera della magistratura, riconsegneranno l'opera ai legittimi proprietari.
Il dipinto è un olio su tela di forma ottagonale, racchiuso da una cornice. È di un autore settecentesco ignoto. Raffigura Gesù Bambino che regge un'asta con vessillo sul quale è scritto il motto dei Gesuiti: "Ad maiorem Dei gloriam". Fino a due anni fa stava in una stanza attigua alla sacrestia della chiesa di San Francesco d'Assisi. Poi, un giorno d'agosto, i ladri entrarono di nascosto: sapevano già cosa cercare e andarono a colpo sicuro. Del furto i frati si accorsero qualche giorno dopo, e scattò subito la denuncia.
Da allora non si era saputo più nulla del Gesù Bambino col vessillo. Fino a qualche giorno fa, quando i carabinieri si sono trovati davanti l'opera nel corso di un normale controllo in un negozio di antiquariato che si trova in centro. Il dipinto era nel retrobottega: un investigatore si è insospettito per quel soggetto religioso e ha avviato un controllo sulla banca dati del Nucleo, che contiene le opere d'arte trafugate. La conferma è arrivata presto. Così per l'antiquario è scattata una denuncia: non ha saputo dire nulla sulla provenienza dell'opera. Adesso rischia una processo per ricettazione o per incauto acquisto.
Il dipinto è passato di sicuro da diverse mani, anche esperte. Lo dice il restauro della tela, che è stato curato nei minimi particolari. Probabilmente l'antiquario sorpreso dai carabinieri è solo l'ultimo anello, colui che ha acquistato quell'opera così pregiata e fresca di ritocchi. Quasi scontato: l'indagato è stato davvero molto vago sull'origine del suo acquisto. E questo atteggiamento potrebbe costargli l'accusa più pesante, quella di ricettazione.
I controlli nelle botteghe degli antiquari proseguono. I carabinieri del Nucleo patrimonio culturale, diretti dal capitano Giuseppe Marseglia, puntano al ritrovamento di altre opere trafugate dalle chiese palermitane. Il concreto sospetto è che la refurtiva sia ancora in Sicilia, magari in attesa di un acquirente disposto a pagare il prezzo giusto.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news