LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Palermo) Trovata una tela del Settecento i ladri l'avevano gi restaurata.
la Repubblica - ED. PALERMO



Rubata due anni fa in un convento, era nel retrobottega di un antiquario. Il quadro raffigura Ges Bambino che regge un vessillo L'autore ignoto

I FRATI del convento di San Francesco hanno un doppio motivo per rallegrarsi: i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale hanno recuperato il dipinto del Settecento che era stato rubato nel 2003 e lo hanno trovato gi restaurato. Naturalmente, a spese dei ladri. Un vero successo l'operazione degli investigatori dell'Arma che fra qualche giorno, dopo il via libera della magistratura, riconsegneranno l'opera ai legittimi proprietari.
Il dipinto un olio su tela di forma ottagonale, racchiuso da una cornice. di un autore settecentesco ignoto. Raffigura Ges Bambino che regge un'asta con vessillo sul quale scritto il motto dei Gesuiti: "Ad maiorem Dei gloriam". Fino a due anni fa stava in una stanza attigua alla sacrestia della chiesa di San Francesco d'Assisi. Poi, un giorno d'agosto, i ladri entrarono di nascosto: sapevano gi cosa cercare e andarono a colpo sicuro. Del furto i frati si accorsero qualche giorno dopo, e scatt subito la denuncia.
Da allora non si era saputo pi nulla del Ges Bambino col vessillo. Fino a qualche giorno fa, quando i carabinieri si sono trovati davanti l'opera nel corso di un normale controllo in un negozio di antiquariato che si trova in centro. Il dipinto era nel retrobottega: un investigatore si insospettito per quel soggetto religioso e ha avviato un controllo sulla banca dati del Nucleo, che contiene le opere d'arte trafugate. La conferma arrivata presto. Cos per l'antiquario scattata una denuncia: non ha saputo dire nulla sulla provenienza dell'opera. Adesso rischia una processo per ricettazione o per incauto acquisto.
Il dipinto passato di sicuro da diverse mani, anche esperte. Lo dice il restauro della tela, che stato curato nei minimi particolari. Probabilmente l'antiquario sorpreso dai carabinieri solo l'ultimo anello, colui che ha acquistato quell'opera cos pregiata e fresca di ritocchi. Quasi scontato: l'indagato stato davvero molto vago sull'origine del suo acquisto. E questo atteggiamento potrebbe costargli l'accusa pi pesante, quella di ricettazione.
I controlli nelle botteghe degli antiquari proseguono. I carabinieri del Nucleo patrimonio culturale, diretti dal capitano Giuseppe Marseglia, puntano al ritrovamento di altre opere trafugate dalle chiese palermitane. Il concreto sospetto che la refurtiva sia ancora in Sicilia, magari in attesa di un acquirente disposto a pagare il prezzo giusto.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news