LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Codice Urbani debutta lungo le coste.
Sole 24 Ore Centro Nord

Le Province nord-occidentali anticipano i tempi - Tra gli interventi spiccano marmo apuano e Volterra. I progetti pilota legati alla valorizzazione del paesaggio per ora contano su oltre 400mila euro provenienti dal Lotto

La mappa. I nuovi strumenti di intervento che saranno avviati
Progetto - Attori - Obiettivi

Laboratorio del paesaggio
Soprintendenza, Uni Pisa
Studi, ricerche, consulenze

Osservatorio del paesaggio
Cm Lunigiana e Comuni
78 progetti "Borghi Vivi"

Borghi Vivi
Cm Lunigiana e Comuni,Provincia Massa Carrara
Ripristino abitativo e paesaggistico

Atlante Storico dal paesaggio
Provincia di Massa Carrara, Regione Toscana
Lettura cronologica dei paesaggi

Progetto Candia
Provincia di Massa Carrara,Coldiretti
Valorizzare l'area del vino Candia

Alta tensione
Province Lucca e Massa Carrara, Comuni della costa
Interramento linea d'alta tensione

Michelangelo e le Apuane
Il marmo risorsa storica con funzione moderna

Volterra, la terra che vola
Normale di Pisa
Valorizzazione del territorio

Le fornaci dell'Elba
Soprintendenza Pisa e Livorno, Cnr Pisa
Riqualificazione e tutela

Cipressi bionici
Soprintendenza, Regione,Provincia Livorno, Comune Castagneto Carducci e altri
Salvaguardia del viale di Bolgheri

Ponti di Garfagnana e Fortezza delle Verrucole
Soprintendenza Pisa e Università Intern. dell'arte
Restauro e valorizzazione dei ponti storici sul Serchio

Vicopisano, il Borgo Murato
Soprintendenza, Com. Vicopisano, Provincia Pisa, Fondazione Crp
Recupero del centro storico

Progetto Lucca
Comune e Soprintendenza
Tutela città e paesaggio

Fonte: Elaborazione su dati Arspat

Non è ancora risolta la controversia fra la Regione e Palazzo Chigi che ha impugnato la nuova legge sul governo del territorio, ma già in Toscana si sperimentano forme concertate di gestione del patrimonio paesaggistico. Soprattutto la parte occidentale è impegnata, d'intesa con il ministero dei Beni culturali, per affinare nuovi strumenti di intervento. Nelle aree pisana, lucchese e livornese si concentra infatti il maggior numero di studi, progetti e sperimentazioni sulla tutela, recupero e valorizzazione della risorsa paesaggistica.
Ne emerge una concezione del paesaggio non più come strumento urbanistico indipendente, bensì come risorsa da gestire localmente mediante l'incontro tra strutture pubbliche e private. «Abbiamo già proposto un modello di organizzazione comune tra Stato e Enti territoriali — spiega Riccardo Lorenzi, architetto della Soprintendenza di Pisa —. Uno sportello unico di facile contatto a servizio degli amministratori, della popolazione residente e dei privati che fruiscono del territorio». Si lavora infatti alla reazione presso la Soprintendenza di un Laboratorio permanente che per ora utilizza fondi statali del Lotto (400mila euro circa della gestione 2000-2002) dedicato alla definizione dei contenuti disciplinari e metodologici della Scienza del Paesaggio, nonché della politica di tutela e valorizzazione. Ma soprattutto è qui che si vorrebbe facessero riferimento gli enti territoriale impegnati in attività di pianificazione e progettazione paesaggistica, in modo che finalmente gli operatori pubblici passino dalla tutela passiva dei vincoli a quella attiva delle proposte. Per tali strumenti misti di gestione si apre oggi una nuova base finanziaria. Il ministero, per dare attuazione alla terza parte del Codice Urbani, ha appena attivato un nuovo capitolo di spesa anche se per il momento beneficia di soli 300mila euro. È anche per questo che chi opera localmente sul paesaggio pone l'accento sulla necessità di mettere in relazione tutte le "economie di paesaggio", che incidono direttamente sulle risorse culturali e storiche del territorio traendone reddito: «Beni culturali, archeologici, riserve naturali, agricoltura, turismo, ambiente, patrimonio edilizio storico vanno messe a sistema — aggiunge Lorenzi — in modo che il prodotto finale sia un paesaggio di qualità che attiva ed è attivato da un'economia locale e non invece assistito da custodi e vincoli. È una nuova concezione del paesaggio come strutturazione dell'economia all'aperto».
Nel Candia, l'area dei Colli Apuani in provincia di Massa Carrara, è attivo per esempio uno studio per il ripristino del contesto ambientale: colline assai ripide dove operano decine di imprese vitivinicole "eroiche" creando un paesaggio unico che però è stato negli anni compromesso dall'abusivismo edilizio. Provincia, Comuni, Camera di commercio e Coldiretti, con un recente protocollo d'intesa, hanno stabilito di quantificare il fenomeno e fissare gli interventi di correzione. Per i finanziamenti si guarda alla UE e ai fondi destinati ai beni culturali. Nella stessa direzione va l'Atlante storico del paesaggio agrario della Provincia di Massa Carrara, iniziativa finanziata anch'essa con il Lotto e condotta dalla Soprintendenza di Pisa d'intesa con Provincia, Regione Toscana, la Facoltà di Agraria dell'ateneo pisano e la locale Coldiretti. Si tratta del censimento, rilevazione grafica e fotografica del territorio mirata non solo alle emergenze architettoniche, ma anche alle opere di sistemazione terriera e idraulica. Ma aldilà di questi e degli altri progetti-pilota in corso (si vedano articoli in pagina), continua la pressione sui Beni Culturali da parte degli operatori perché tutte le modifiche alle normative urbanistiche passino per la tutela del paesaggio e perché la gestione e il governo del paesaggio sia affidato alle economie locali.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news