LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi, la Fiat vende solo al Casinò
Consuelo Terrin
Corriere del Veneto



Un affare concluso
•La trattativa
Ieri il Casinò ha formalizzato l’acquisto del 51% di Palazzo Grassi dalla Fiat ed entro 18 mesi acquisterà il resto. Intanto la trattativa con Francois Pinault va avanti. Ed è probabile che la querelle entri nella campagna elettorale per il ballottaggio. Sempre ieriil Casinò ha rinnovato le cariche sociali e nominato presidente del CdA Giampaolo Longhin. Al suo fianco Mario Morino, Silla Enea Sandrin, Bruno Sonego e Michele Cardillo.
Parlano gli «sconfitti”
• La polemica
Per i grandi delusi la battaglia sulla cessione è tutt'altro che chiusa. Il magnate lombardo Guido Angelo Terruzzi smentisce il dietrofront attribuitogli dalla Casa da gioco, mentre l'ex assessore al Bilancio Paolo Sprecati non usa mezzi termini: «Il Casinò si assuma la totale responsabilità per il modo in cui, in autonomia, è stato gestito il naufragio di un accordo estremamente conveniente per l'amministrazione comunale».


Le azioni. 51%. E' la percentuale di Palazzo Grassi comprata ieri dalla Fiat e ufficializzate da parte del Casinò di Venezia.
Mesi. 18. Entro questo periodo di tempo la Casa da gioco lagunare ha promesso di comprare anche il resto del pacchetto azionario.


Palazzo Grassi passa di mano, ma la polemica non si ferma. Un polemica che coinvolge i politici e non risparmia i vertici del Casinò, accusati dalla famiglia Terruzzi di non aver spiegato come e perché le trattative sono naufragate. Ieri la Casa da gioco ha formalizzato l'acquisto del 51% di Palazzo Grassi dalla Fiat ed entro 18 mesi acquisterà il resto. Per il resto, la trattativa con Francois Pinault va avanti. Ed è probabile che la querelle entri prepotentemente nella campagna elettorale per il ballottaggio.
Sempre ieri il Casinò ha provveduto al rinnovo delle cariche sociali nominando presidente del consiglio di amministrazione Giampaolo Longhin. Al suo fianco, i consiglieri Mario Morino e Siila Enea Sandrin, mentre il collegio sindacale sarà composto da Bruno Sonego e Michele Cardillo.
Ma mentre la Casinò spa (che aveva chiuso con un solo voto contrario, lunedì, l'ultimo consiglio di amministrazione sull'acquisto di Palazzo Grassi) , annuncia che la società continua la sua normale attività, sulla questione, altri non hanno ancora messo la parola fine. Preannunciando una battaglia di carte e un confronto politico aspro, Mentre infatti il magnate lombardo Guido Angelo Terruzzi smentisce il dietro-front attribuitogli dalla Casa da gioco, l'ex assessore ai Bilancio Paolo Sprocati non usa mezzi termini :«Il Casino si assuma la totale responsabilità per il modo in cui, in autonomia, è stato gestito il naufragio di un accordo estremamente conveniente per l'Amministrazione Comunale». La famiglia lombarda è
rimasta infatti in gioco fino a meno di due settimane fa come potenziale primo cliente ma si è trovata fuori corsa dall'oggi al domani. «La trattativa è stata interrotta da Casinò spa unilateralmente — fa sapere l'industriale in una nota — nonostante nulla fosse mutato sono state attribuite alla famiglia Terruzzi “posizioni inaccettabili", quando invece la famiglia Terruzzi era pienamente disponibile a portare a termine l'accordo.
A questo proposito viene ribadita «la certezza — si legge ancora nella nota — che nessun'altra alternativa avrà per Venezia pari valenza e convenienza rispetto a quella che sarebbe stata l'acquisizione della "collezione Terruzzi", unitamente agli altri vantaggi che l'accordo avrebbe comportato per la collettività veneziana».
Una posizione condivisa anche dall'ex assessore al Bilancio Giampaolo Sprocati, che aveva seguito passo passo nelle fasi iniziali la trattativa con il magnate lombardo. «Non sono stato informato delle nuove proposte avanzate per Palazzo Grassi e ho appreso solo dalla stampa che il Casinò ha ripreso una navigazione avventurosa in merito alla quale non posso tacere forte perplessità, disappunto e soprattutto — ha commentato — la preoccupazione che non ci sia alcuna certezza in un momento in cui il Casinò deve chiudere la partita. Auspico solo che, visto che si sta formando la nuova amministrazione non si impegnino risorse in questo momento senza quanto meno essersi consultati con i possibili nuovi amministratori».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news