LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Laocoonte di Picasso?
Salvatore Settis
La Repubblica, 05/04/2005

Vale la pena di fare un solo commento alla tesi suicida secondo cui il Laocoonte dei Musei Vaticani sarebbe, in realt, un falso di Michelangelo. Lynn Catterson, la studiosa americana che ha annunciato con clamore la scoperta sulla Stampa del 2 aprile (peccato che non fosse il giorno prima), ha in preparazione un libro sul tema, ma ne ha gi anticipato gli argomenti sul giornale torinese. Argomenti di tale inconsistenza e fragilit da non meritare risposte puntuali, che del resto verranno dopo il volume che la Catterson minaccia di pubblicare presto.
L'episodio si presta tuttavia a una considerazione di carattere pi generale. Non la prima volta che studiosi (anche di grande valore) affermano che una famosa opera d'arte classica in realt un falso. Basti pensare a due casi recenti: il pi famoso certo quello di Federico Zeri, grandissimo conoscitore non solo di pittura (tanto vero che comprese per primo che il kouros acquistato dal Getty Museum era un falso), il quale si convinse a un certo punto che falso fosse anche il Trono Ludovisi, opera del V secolo a. C. che fra le gemme del Museo Nazionale Romano nella sede di Palazzo Altemps.
Nota solo agli specialisti invece la proposta di Alessandro Parronchi, secondo cui l'Arrotino o degliUffizi (copia romana da un originale ellenistico che rappresentava lo scuoiamento del satiro Marsia per volont di Apollo) sarebbe stato scolpito da Michelangelo. Michelangelo infatti the usual suspect per ogni ipotesi di falsificazione rinascimentale, dato che tutti conoscono la celebre storia (raccontata per primo da Paolo Giovio) del Cupido dormiente, che Michelangelo ventenne scolp a Firenze e che fu venduto a Roma come antico.
Anche il suo Bacco (oggi al Bargello) fu qualche volta preso per antico; ma il disegno di Marten van Heemskerck (circa 1535) che lo mostra in mezzo a sculture antiche nella casa del banchiere Jacopo Galli testimonia non il falso, bens la sfida che il giovane Michelangelo indirizzava all'arte dell'antica Roma, ma anche allo sguardo dei conoscitori, creando opere moderne che con quelle antiche potessero vantaggiosamente gareggiare.
Sia la proposta di Parronchi che quella di Zeri sono cadute nell'oblio dopo pochi anni, ed giusto che sia cos.
Ma queste ed altre avventure inducono a una riflessione.
La storia dell'arte classica, greca e romana, andata incontro negli ultimi decenni a un processo di erosione e di marginalizzazione, del quale si possono indicare sinteticamente tre cause. La prima la crescente specializzazione della disciplina: mentre gli archeologi ottocenteschi (le prime cattedre furono in Germania) intendevano l'archeologia classica primariamente come storia dell'arte antica, si via via sviluppato l'interesse per l'archeologia di scavo e per lo studio della cultura materiale degli Antichi, aspetti questi che oggi hanno certo pi cultori fra gli archeologi di quanti non ne abbia la storia dell'arte greca e romana.
La seconda causa il fatto che, anche fra coloro che praticano ancora la storia dell'arte antica, fin troppo diffusa (specialmente negli Stati Uniti) una tendenza a teorizzare che finisce spesso con l'ignorare le stesse opere d'arte di cui si parla, e che con disprezzo non celato definisce object oriented, e cio indirizzato precisamente alle opere d'arte (sar una colpa?), chiunque su esse volga uno sguardo ravvicinato, elabori una minuta analisi fattuale e stilistica.
La terza causa di questa situazione culturale nel fatto che gli storici dell'arte antica e quelli dell'arte europea post-antica fanno in genere pochissimi sforzi per frequentare le competenze e le bibliografie dell'"altro" campo.
Accade cos che ottimi studiosi del Cinquecento cadano in errori madornali quando citano opere greche e romane; o che eccellenti archeologi confondano in buona fede Raffaello con Correggio. Peccato, perch quella dell'arte europea in realt un'unica, grande storia che comincia (almeno) dai Greci e arriva dritto, con continuit e discontinuit, fino al presente.
Peccato, anche perch la storia dell'arte come disciplina nacque proprio nel1' antichit greca (III secolo a. C), si trasmise attraverso testi di et romana (specialmente Plinio il Vecchio) a Ghiberti, Vasari e mille altri, e rinacque in armi con Winckelmann precisamente come storia dell'arte classica, ispirando poi tutti gli sviluppi successivi, anche la storia dell'arte del Medioevo e del Rinascimento. Ma intanto, mentre la storia dell'arte antica, grazie a nuovi studi e scoperte (come i Bronzi di Riace o il Satiro di Mazara) si rinnova di continuo, gli storici dell'arte post-antica non stanno al passo, e conservano al pi un'immagine sfocata e convenzionale, ampiamente datata, degli sviluppi stilistici di Greci e Romani; e ad essa, faute de mieux, fanno riferimento.
Secondo un profetico aforisma di Goethe, le discipline si autodistruggono in due modi: o per l'ampiezza in cui pretendono di estendersi, o per le profondit in cui s'immergono. E' quello che sta accadendo in questo campo: troppo immersi nella propria disciplina (spesso la competenza di un singolo si limita a uno, due secoli al massimo, talvolta a pochi artisti), gli studiosi talvolta vogliono entrare in campi diversi dal proprio (ed un bene), ma sentono sempre meno il bisogno di attrezzarsi adeguatamente a un rigoroso controllo dei dati.
La storia dell'arte classica cos diventata per alcuni storici dell'arte post-classica una sorta di terra incognita, in cui ci si pu avventurare senza remore e senza controlli; n mancano gli archeologi che si inoltrano sul terreno, poniamo, rinascimentale o barocco, navigando ignari fra mille insidie e approssimazioni. Ma in particolare l'arte greca e romana che sembra offrirsi come un terreno di caccia per faciliscoperte che ignorano bellamente l'oggetto stesso degli studi: per esempio il Laocoonte con le sue ferree coordinate stilistiche, con il suo posto ben chiaro nella storia dell'arte del tardo ellenismo.
Nel 1957, fu scoperto nella grotta "di Tiberio" a Sperlonga uno straordinario complesso di sculture, fra cui il gruppo (frammentario) di Ulisse e i compagni assaliti da Scilla. Sulla nave, un'epigrafe in greco d la "firma" degli scultori: Atanodoro, Agesandro e Polidoro, gli stessi a cui (lo dice Plinio) dobbiamo il Laocoonte; col quale, infatti, del tutto evidente l'identit di mano e di stile. Se il Laocoonte di Michelangelo come vuole Lynn Catterson, una conclusione s'impone: a lui e non ad altri si devono anche le sculture di Sperlonga, e l'iscrizione con la "firma" (forse anche il testo di Plinio?). Quel burlone di Michelangelo avr dunque scolpito questi altri falsi, facendoli poi a pezzi per meglio simulare la scoperta archeologica, e seppellendoli a Sperlonga al fine di giocare un pesce d'aprile ai posteri. S'inaugura cos un nuovo trend nella storia dell'arte. Chi l'autore del Partenone? Palladio, perch no? Chi ha dipinto la Cappella degli Scrovegni? Caravaggio, I suppose. E la Cappella Sistina? Michelangelo certo no, era troppo impegnato nei suoi traffici di falsario. Non sar stato Picasso?



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news