LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il governo non ha carte in regola
Campos Venuti, Giuseppe
www.eddyburg.it


Data di pubblicazione: 03.04.2005

A proposito delle censure del Governo alla legge regionale 1/2005 della Toscana, la Repubblica (edizione di Firenze, 29 marzo 2005) ha pubblicato il seguente intervento. In calce, una postilla

Limpugnativa che il Governo di destra ha deliberato contro la Legge 1.2005 della Regione Toscana, intitolata alle Norme per il governo del territorio, si presta ad una serie di doverose considerazioni. La prima delle quali - e mi scuseranno gli amici toscani se non comincio da loro - non riguarda la Regione sconfessata, ma il Governo nazionale: il quale ha la sfrontatezza di bacchettare una Regione accusata di violare le norme sui beni culturali e sul paesaggio, dopo essersi reso protagonista, per quattro anni, di clamorose violazioni legislative e operative dei beni culturali e del paesaggio e in generale di un sistematico malgoverno del territorio. Un Governo nazionale che avesse svolto una politica ambientale e urbanistica seria e rigorosa, avrebbe forse avuto il diritto di intervenire sulla questione, anche a prescindere dal merito delle osservazioni.
Questo governo, invece, non ha certamente le carte in regola per affrontare un argomento sul quale si presenta, senza dubbio, come il meno qualificato nella storia della Repubblica.

Una seconda riflessione, sempre di carattere generale, mi preme di fare, proprio nel momento in cui una delle componenti politiche di questo governo nazionale, si pronuncia minacciosamente sul tema del federalismo. Perch, anche in questo caso, il governo che a parole sventola la bandiera del federalismo e dellautonomia regionale, non perde occasione per mostrare con i fatti, il proprio autoritarismo centralistico; dimostrando la propria sistematica ostilit alle istituzioni che traggono la propria ragion dessere dal desiderio e dalla capacit di autogoverno delle popolazioni locali. Un governo nazionale che ha ridotto al lumicino i trasferimenti alle istituzioni di base, della quota di entrate fiscali indispensabili per amministrare le loro sempre pi onerose competenze. Un governo che - per restare al rapporto tra fiscalit e urbanistica - sta lasciando ai comuni soltanto il gettito dellIci e degli Oneri di urbanizzazione; stimolando cos, indirettamente, ma perentoriamente, una politica di espansione edilizia sbagliata e dannosa, quale unica fonte autonoma di entrate.

Una terza riflessione riguarda il tema contestato alla regione Toscana dalla impugnativa del governo: cio il fatto di aver approvato norme invasive della competenza esclusiva statale, in materia di tutela dei beni culturali. Il che, come ha scritto qualcuno dotato di mentalit confessionale, ha spinto il governo a punire giustamente lo scatto di superbia della Toscana. Certo, mi pare di sentirli, quei funzionari felici di fare un piacere al governo di destra, bacchettando una regione rossa: Ma come si permettono, questi toscani. Al contrario, mi sembra assai chiaro che lunica maniera civile di interpretare il processo di valorizzazione delle autonomie locali, senza svendere lidea stessa di stato nazionale, quello della collaborazione, dellintesa, della concertazione delle rispettive competenze, fra centro e periferia.
Processo che sul tema doveva partire da unampia discussione fra il governo, il parlamento e le regioni, sulle possibilit di conservare una concezione unitaria per il governo del paesaggio - ma anche del territorio in genere, perch io non ho mai capito come anche il centro-sinistra abbia potuto separare il territorio, dal paesaggio e dallambiente - , concezione unitaria che doveva articolarsi in una necessaria applicazione decentrata. Questo processo politico e culturale mancato; ed stato sostituito da un diktat di maggioranza, che siamo in molti a considerare culturalmente e politicamente disastroso. E dopo il diktat centralistico - alla faccia di tutti gli strombazzati federalismi - , sono inevitabilmente arrivate alla regione Toscana le centralistiche bacchettate sui tre articoli sbagliati per uno scatto di superbia.
A questo punto, il dettaglio della discussione sul contenuto dei tre articoli incriminati, interessa poco. Il problema riguarda piuttosto la questione in generale e la necessit che, in un domani speriamo vicino, lintera vicenda si riapra nel modo giusto; e ci porti a soluzioni che - prima di essere giuridicamente corrette - siano il frutto di una collaborazione a tutti i livelli e che, per questo, saranno indubbiamente migliori.
Al di l di come la regione Toscana vorr gestire la vicenda, questo che io mi auguro per il bene della stessa regione e di tutto il paese.



Postilla

Parole interamente condivisibili. In particolare laffermazione che lunica maniera civile di interpretare il processo di valorizzazione delle autonomie locali, senza svendere lidea stessa di stato nazionale, quello della collaborazione, dellintesa, della concertazione delle rispettive competenze, fra centro e periferia.

Solo che la legge toscana si dimenticata di inserire nei suoi meccanismi appunto lintesa con gli organi della Repubblica preposti, dalla legge nazionale, a tutelare linteresse anche nazionale alla tutela dei beni culturali e del paesaggio (si veda l'articolo di G. De Luca e il documento ivi allegato).




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news