LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Spilamberto. Quanta fretta di esorcizzare i vincoli Sipe
Gazzetta di Modena, 5/4/2005

SPILAMBERTO. Una commissione provinciale costituita by-passando la nuova normativa. Per avallare pi in fretta un nuovo vincolo sull'area ex Sipe. Vincolo che in realt salverebbe quella che pungentemente stata chiamata "villettopoli", 350 abitazioni da costruire dietro il tanto reclamizzato "polo scientifico tecnologico alla ex Sipe". Sul quale si addensano nuove preoccupazioni.
Avvertenza: potrebbero essere i "soliti sospetti", senza prove serie. Potrebbero essere normali questioni burocratiche, apparentemente neutrali. Ma il fatto che un funzionario della Regione abbia confermato l'esistenza della "circolare fantasma", rifiutando al tempo stesso di consegnarne la bozza tanto all'assessore regionale Borghi, quanto al consigliere regionale Guerra (entrambi dei Verdi) rende seria la questione.
Vediamo di fare chiarezza. Anzitutto si parla del vincolo paesaggistico sulle Basse, il vincolo posto da Garzillo che bloccava la "villettopoli" (mentre non bloccava affatto il recupero dell'ex Sipe, dove dovrebbe sorgere il polo tecnologico). Come noto, contro il vincolo si sono concentrate forze politiche ed economiche, e alla fine si trovato il modo di "stopparlo": per l'ispettore inviato da Roma non teneva conto dell'accordo con la Regione, che voleva reciproche consultazioni prima di apporlo. Il vincolo era stato apposto da Garzillo in virt della legge 490 del 1999 (decreto Veltroni): "il ministero ha facolt di integrare gli elenchi dei beni di interesse paesistico, su proposta del soprintendente competente"... Italia Nostra ha gi obiettato che una legge vale di pi di un accordo, ma tant'.
Il nuovo "Codice Urbani" (entrato in vigore dopo il vincolo avviato da Garzillo) prevede che la dichiarazione di
notevole interesse pubblico sia affidata ad una Commissione provinciale di cui fanno parte il direttore regionale del Ministero, il soprintendente per il paesaggio e il soprintendente per i beni archeologici pi sei membri, nominati dalla Regione tra soggetti "con particolare e qualificata professionalit ed esperienza nella tutela del paesaggio". La commissione procede alla audizione (e nulla pi) dei sindaci dei comuni interessati e pu consultare esperti. Per costituire questa Commissione occorrerebbe per che ci fosse un regolamento votato dal Consiglio regionale, con conseguente dibattito. Invece in questi giorni serpeggia una soluzione (avallata dalla famosa circolare fantasma), per cui tutto questo sarebbe by-passato.
Come? Andando a pescare una normativa vigente (l.r. 6 del 95) sulla "legislazione urbanistica ed edilizia" che prevede commissioni provinciali composte dall'assessore provinciale competente, dai due soprintendenti, da tre esperti in bellezze naturali nominati - si badi bene - dalla Provincia. Ne fanno parte anche il sindaco o i sindaci. Orbene, la circolare prevederebbe un adattamento, ma sfruttando questa commissione che c' gi. E la cui composizione (viste le prese di posizione dei politici della Provincia) sembra poter garantire meglio una modifica del vincolo di Garzillo. Salvando "villettopoli'?



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news