LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli enti inutili resistono ai tagli
Marco Rogari
04/04/2005 , Il Sole-24 Ore



Il ministro della Funzione pubblica Baccini ha proposto di istituire un gruppo di lavoro che studier la situazione
E una giungla di cui non si conosce ancora l'esatta estensione. composta da grandi strutture e pseudo-agenzie ministeriali, ma anche da piccole entit: comitati, commissioni, minuscoli organismi collegiali.

Tutti enti cosiddetti "inutili", che affondano le radici nel terreno della pubblica amministrazione, su cui nessuno, da decenni, riesce a far calare il machete: la burocrazia resiste imperterrita facendo leva sullindifferenza di molti apparati ministeriali. Neppure al Governo in carica riuscita l'impresa. Eppure, nel 2001 l'intervento di pulizia era stato presentato come una sorta di operazione a vasto raggio. Poi nel 2002 era diventata una vasta "potatura", peraltro subito bloccata. Ma a tutt'oggi, a tre anni e mezzo dal varo della prima Finanziaria Berlusconi, il piano di disboscamento della giungla degli enti inutili praticamente al palo.

Una conferma implicita arriva dallo stesso Governo: il Consiglio dei ministri del 18 marzo, su proposta del ministro della Funzione pubblica, Mario Baccini, ha convenuto sullopportunit di istituire un gruppo di lavoro composto da rappresentanti della Presidenza del Consiglio e del ministero dell'Economia sul tema della trasformazione e soppressione di enti pubblici non indispensabili, le cui procedure non hanno tuttora trovato definizione. In altre parole, si ricomincia daccapo, o quasi, nonostante nel 2002. nel testo della Finanziaria inviata al Parlamento, fosse stata addirittura prevista la soppressione o l'accorpamento di almeno 100 strutture.

In quell occasione, erano stati anche indicati i risparmi di spesa (poi annullati): quasi 600 milioni tra il 2003 e il 2006. Ma l'operazione venne di fatto congelata ancora prima che la Finanziaria diventasse legge.

Quasi tutto, insomma, rimasto sulla carta. E dai cento enti da abolire o razionalizzare si scesi ad una sola struttura per ministero. Questo, almeno, l'impegno che avrebbero assunto i singoli ministri nei giorni scorsi.

Le Finanziarie "inascoltate". Fin dalla Finanziaria 2002 (quella cio varata nel 2001), era stata avviata un'operazione di sfottitura: la norme erano state tarata su enti di piccole dimensioni ed anche istituii di ricovero.

Ma il vero intervento strutturale fu concepito con la Finanziaria 2003 (varata nel 2002). La relazione al testo inviato in Parlamento parlava chiaro: almeno 100 le strutture coinvolte, 50 da sopprimere, altre 50 da riorganizzare. Tre, in quest'ultimo caso, erano le alternative previste: trasformazione in fondazioni; creazione di societ per azioni (Spa); accorpamento con strutture analoghe o complementari.

L'operazione avrebbe dovuto essere realizzata dopo un preventivo check-up (gestito dai dicasteri dell'Economia e della Funzione pubblica con il contributo di tutti i ministeri), attraverso il quale individuare le strutture indispensabili: per tutte le altre sarebbe dovuta scattare l'abolizione o il riassetto. Ma l'intervento si blocc subito.

I risparmi. Nella relazione tecnica "originaria" della Ragioneria generale alla Finanziaria 2003 si ipotizzavano risparmi pari a 30 milioni per il 2003, 79 per il 2004. 219 per il 2005 e 249 per il 2006 e a 70 milioni a regime. Poi le carte cambiarono a causa dello stop.
Circa 250 gli enti inutili. Da un censimento sommario effettuato nel 2002 dal Tesoro risultava che la lista degli enti potenzialmente inutili era composta da almeno 250 strutture.
I ministeri indifferenti. Nei corridoi dei palazzi della Pa i dubbi sull'effettiva volont di collaborazione degli apparati ministeriali sono aumentati con il trascorrere dei mesi. In ogni caso, un dato certo: solo nell'autunno del 2004 stato predisposto dalla Funzione pubblica (in collaborazione con il Tesoro) lo schema di regolamento per rendere operativo l'intervento di potatura. Non solo. Il Consiglio dei ministri fu costretto a rinviare il provvedimento invocando criteri di maggior rigore.
Arrivano gli esperti. A questo punto il Governo ha deciso di giocare la carta del comitato di esperti. Palazzo Chigi ha sottolineato che il gruppo di lavoro dovr pervenire quanto prima alla definizione di una proposta concreta sulla soppressione degli enti inutili. Intanto la giungla diventa sempre pi fitta.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news