LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Quando la tomba racconta vita e storia La necropoli di Kamarina.
Antonio La Monica
LA SICILIA Mercoled 20 Novembre 2013


L'archeologo Distefano spiega come le sepolture rivelino la casta




C'erano nella societ arcaica di Kamarina dei componenti che facessero parte dell'aristocrazia, della politica? Erano presenti, insomma, famiglie che oggi potremmo definire "potenti"? Con questi interrogativi si aperta la stimolante conversazione che l'Archeologo Giovanni Distefano ha tenuto ieri pomeriggio nella sala convegni della Provincia regionale di Ragusa per l'organizzazione dell'Unitre di Ragusa, Comiso e Santa Croce.
"A tali interrogativi - spiega l'archeologo - possibile dare in parte delle risposte positive. L'archeologia funeraria, in tal senso, ci rivela alcune cose molto significative". Un mondo lontano ed oscuro che, in verit, ha il potere di evocare un mondo vario ed affascinante. Distefano proietta immagini inedite sulle tombe della necropoli, in particolare su alcune sepolture dove erano seppelliti degli abitanti di Kamarina di un certo prestigio sociale. "Possiamo affermare - sottolinea il direttore del Museo di Kamarina - che si trattasse di veri ricchi che furono sepolti con delle cerimonie funerarie ostentatorie". Le foto proposte alla platea parlano e raccontano di un banchetto funerario tenuto a Kamarina intorno al 580 avanti Cristo. Ma non tutto. Perch alcuni studi svelano anche pratiche crematorie per i defunti di Kamarina. "Il rito della cremazione dei defunti - spiega il professore Distefano - apparteneva di sicuro ad una classe sociale elevata. Non tutti potevano permettersi una simile pratica. Attorno ad un gruppo di tombe, inoltre, abbiamo rinvenuto, oltre che anfore che contenevano cadaveri di bimbi, un cratere di tipo corinzio che doveva contenere acqua e vino, con in pi i resti di un piccolo pasto che ci fa capire che in quel luogo si tenuto proprio un banchetto funebre".
I siti ARCHEOLOGICI, infine, per la loro stessa natura danno la possibilit di comparare usanze di tempi diversi. Anche in questo senso sono le aree della sepoltura a darci interessanti indicazioni sulla societ del tempo. Al termine dell'incontro, infatti, Distefano presenta il rituale funerario di una grande tomba di famiglia di Castiglione dove l'Archeologo ha rinvenuto di recente ben sette teschi. "Teschi - racconta - che sono stati decollati dai resti dei cadaveri ormai spogliati dalle loro parti molli e posti in vista all'interno della tomba quali spettatori di un banchetto funebre. evidente che le famiglie aristocratiche del tempo si ispirassero ai funerali che Omero, circa tre secoli prima, aveva descritto nell'Iliade in riferimento ad Ettore e Patroclo. Segno di un patrimonio culturale che era ancora vivo e sentito nella societ locale del tempo".
L'appuntamento culturale ha riscontrato il vivo interesse dei partecipanti, confermando come anche simili occasioni di incontro possano contribuire all'arricchimento dell'offerta culturale della citt. Una pubblicazione, stampata per l'occasione, stata distribuita ai partecipanti.


20/11/2013



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news