LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Studi Storici, informatizzata la biblioteca
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno 20/11/2013

Dopo il sacco della biblioteca dei Girolamini e la dispora di quella dell'Istituto italiano per gli studi filosofici, una buona notizia per il patrimonio librario napoletano: l'Istituto italiano per gli Studi Storici fondato nel 1946 da Benedetto Croce ha completato il progetto di adeguamento funzionale e ristrutturazione della biblioteca - racconta Marta Herling, nipote del filosofo -. Si tratta di un percorso lungo, iniziato nel Duemila che prevedeva da una parte il restauro conservativo degli ambienti dall'altra l'innovazione tecnologica che proietta il nostro patrimonio verso il futuro.

Da una parte il sacco della biblioteca dei Girolamini, dall'altra la dispora di quella dell'Istituto italiano per gli studi filosofici di Gerardo Marotta. Una buona notizia per il patrimonio librario napoletano, per, c', e viene dall'Istituto italiano per gli studi storici fondato nel 1946 da Benedetto Croce. Ad annunciarla la nipote del filosofo e segretario generale della prestiogiosa istituzione di Palazzo Filomarino, alla vigilia dell'inaugurazione dell'anno accademico 2013-2014 - il 66esimo dalla fondazione - che si terr oggi, alle 16,30, in una cerimonia che gode anche dell'adesione del Presidente della Repubblica.
Abbiamo completato il progetto di adeguamento funzionale e ristrutturazione della biblioteca dell'Istituto - racconta Marta Herling - e si tratta di un percorso lungo, iniziato nel Duemila che prevedeva da una parte il restauro conservativo degli ambienti dall'altra l'innovazione tecnologica che proietta il nostro patrimonio verso il futuro. Salvare, dunque, una biblioteca dal collasso generale si pu. Nella modalit che Croce stesso ha indicato: trasformare ogni difficolt e dolore in opera. Nel fare, nel dare l'esempio.
Gli antichi stucchi restituiti ai loro colori e l'arredo che esala storia al solo sguardo nascondono impianti nuovi di zecca. Sulle scrivanie d'epoca, terminali sui quali consultare i cataloghi, wifi, scale di legno e matallo per accedere al piano superiore dove sono stati rifatti i solai e, in un silenzio invidiabile, si possono consultare le riviste sistemate a scaffale aperto, una soluzione lungimirante che consente ai fruitori di saltare una serie di passaggi.
La biblioteca aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19 e per potervi accedere basta un'autocertificazione che ha superato la lettera di presentazione un tempo necessaria. Luogo rigoroso ma fluido, dunque, premiato da una frequentazione crescente di pubblico (tremila presenze l'anno, destinate a crescere). Memoria e costruzione del nuovo, nel solco dell'indicazione crociana del fare, partendo da un'idea centrale. Era il dopoguerra continua la Herling dopo aver indicato con luminoso orgoglio una foto di Robert Capa che coagula in uno scatto il pensiero del filosofo. Precisamente era il 1944 e Benedetto Croce era sfollato a Sorrento. Questo appartamento, attiguo alla sua dimora, era quasi completamente distrutto quando vi port il banchiere e mecenate Raffaele Mattioli per illustrargli il progetto dell'Istituto. Mattioli ne rimase entusiata e da un semplice appartamento part tutto. Da qui ripartiamo anche noi, accogliendo 14 nuovi borsisti da tutta Italia, scelti tra laureati e dottori di ricerca. La comunit dei borsisti e i corsi loro dedicati - con docenti da Giardina a Imbruglia, da De Giovanni e Galasso alla Giammattei - peraltro fruibili a uditori che ne abbiano fatto specifica richiesta, sono solo un aspetto della vita dell'Istituto. Esiste poi un'attivit che fittamente dialoga con la citt, attraverso un programma di iniziative, ma anche sostenendo progetti particolarmente meritevoli. Come quello del Forum delle scuole storiche di Napoli che fu presentato al Forum delle culture al tempo in cui anche io facevo parte del comitato scientifico. Poi le cose sono andate come sappiamo e nemmeno questa valida idea ha avuto accoglienza. Ma i proponenti non si sono dati per vinti e hanno creato da loro un'associazione che sta conducendo un lavoro egregio anche sui patrimoni librari del Vittorio Emanuele' e del Fonseca' solo per fare qualche esempio.
Libri conservati ma anche libri prodotti. L'Istituto ha anche un'importante attivit editoriale che va dalla pubblicazione delle monografie dei borsisti, agli annali fino ai ricchissimi carteggi.
La biblioteca (dichiarata di eccezionale interesse dal ministero per i Beni culturali) un'entit dinamica. I 130mila volumi - spiega la responsabile Elli Catello - s'accrescono di mille titoli l'anno, che s'aggiungono ai fondi donati da personalit come Federico Chabod, primo direttore dell'Istituto, Torraca, Mattioli e altri. Un piano a s, il terzo, destinato al fondo Benedetto Nicolini che comprende ben 750 cinquecentine. Un patrimonio immenso, il cui catalogo stato appena pubblicato a cura di Maria Rosaria Romano Vincenzo. La Catello ci apre questi scrigni che presto saranno informatizzati grazie al progetto Dall'antiporta al portale, inserito nel Por 200713 per il quale per, la Regione Campania non ha ancora erogato i fondi. Questo significher che le cinquecentine potranno essere fruibili direttamente dal web. Sin dal 1993 la biblioteca collegata al Servizio bibliotecario nazionale e ha prodotto la percentuale record del 90% dei titoli catalogati. Dal 2013, inoltre, fa parte del progetto della Normale di Pisa per la costituzione di un database del patrimonio librario filosofico privato.
La cerimonia di oggi sar aperta dal presidente Natalino Irti e dalla relazione della stessa Herling. La prolusione di Giuseppe De Rita invita strategicamente al presente: Uno sguardo sul nostro tempo.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news