LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - guerra tra i templi
CALOGERO CONIGLIARO
la repubblica 14 novembre 2013 PALERMO

DURANTE la seconda guerra mondiale nacque in tutto il territorio nazionale il grave problema della tutela del patrimonio artistico culturale. Tra i casi pi clamorosi c' da annoverare certamente quello della protezione della Valle dei Templi, che riusc - come in altre poche circostanze - a mettere ai ferri corti i comandi militari dell' Isola con l' allora Soprintendenza alle antichit.

Agrigento sin dall' inizio dello scoppio del conflitto si trov assai esposta a possibili attacchi vista la vicinanza col fronte africano e la base britannica di Malta, per tale ragione furono studiate dalla Soprintendenza alle antichit una serie di protezioni consistenti in armature di legname e sacchetti riempiti di terreno.

Intanto, passato il primo anno di guerra, ad Agrigento si era costituita la 207ma divisione che aveva il suo comando tattico sulla Rupe Atena: di fatto la Valle dei Templi si venne a trovare al centro dello schieramento difensivo italiano, con l' obbligata necessit, da parte dell' esercito, di militarizzare l' intera area. Era dunque ovvio che con il precipitare degli eventi e la successiva diretta minaccia di invasione che ci sarebbe stata una sovrapposizione tra autorit civile e militare nel perimetro archeologico. I due contendenti principali furono il generale Mario Roatta a capo della 6a armata che presidiava la Sicilia ed il soprintendente Pietro Griffo.

Si giunse persino al fatto che il soprintendente osasse inviare una diffida scritta a nome del ministero dell' Educazione nazionale, dopo le reiterate ed inutili proteste presso il comando della 207ma divisione, dinanzi alla costruzione di una casermetta a pochi metri dall' antico santuario di Demetra sulle cui fondamenta sorge l' antica chiesa di San Biagio.

Fu questo che accese le polveri di un drammatico scambio di corrispondenza con Roatta. Vedete, anche noi militari abbiamo il culto dell' arte e della storia antica - scrisse il generale - ma ci occupiamo altres della storia contemporanea e futura. Perci quando giudichiamo che fortificando antichi ruderi - o loro pressi - si contribuisca sia pure in misura modestissima ad assicurare la sorte ossia la storia d' Italia non esitiamo. Per tanto mentre vi comunico di aver confermato le disposizioni - gi esistenti - di conciliare nel limite le due esigenze (storico - artistiche e militari) vi invito ad astenervi da diffide. E se proprio ci tenete indirizzatele all' aviazione anglo - americana.

Soprattutto la frase finale fece infuriare non poco il coraggioso dirigente Griffo il quale rispose con una decisa missiva dai necessari toni ossequiosi.

Anch' io al mio posto di funzionario civile in zona di operazioni mi reputo un soldato al servizio della Patria. I danni al patrimonio monumentale sarebbero stati pi volte gravi ed irreparabili, se non fosse intervenuta tempestivamente l' opera vigile ed energica dell' amministrazione che io rappresento. Quanto ai crimini dell' aviazione avversaria permettetemi Eccellenza, che vi ricordi essi verranno giudicati, quando torneranno a prevalere le opere della civilt e della giustizia, dal mondo. Noi evitiamo, fino a quando ci sar possibile di attirare la sua attenzione sui monumenti del nostro passato, in nome del quale costruiamo il nostro destino avvenire.

Pochi giorni dopo la Soprintendenza riusc ad impedire il peggiore dei pericoli fino ad allora concretizzatosi, con l' inizio dei lavori di una casermetta a pochi metri dal tempio della Concordia, che fu poi realmente costruita nonostante le nuove proteste, ma a qualche centinaio di metri pi ad ovest. Nonostante l' opera della Soprintendenza, furono numerose le opere di fortificazione realizzate nella zona archeologica con osservatori, bunker per mitragliatrice, piazzole per cannoni e mortai, concentrate soprattutto nei pressi di porta Aurea. A maggio Roatta fu trasferito, al suo posto giunse Alfredo Guzzoni: fu lui che dovette condurre la difesa della Sicilia quando il 10 luglio avvenne lo sbarco e l' inizio dell' operazione Husky. La battaglia per la conquista di Agrigento si concluse il 16 luglio, dopo che, il 10, il tempio di Ercole era miracolosamente scampato al bombardamento aereo alleato delle fortificazioni italiane della vicinissima Porta Aurea. Tra i primi nuovi conquistatori che visitarono la Valle dei Templi ci fu il generale George Patton, il quale, giunto sul luogo, espresse il suo rammarico per le rovine trovate pensando che fosse stata opera dei suoi uomini. Fu per subito tranquillizzato dai suoi ufficiali che gli spiegarono comei danni sotto i suoi occhi fossero da imputare ai cartaginesi, durante la distruzione di Akragas avvenuta nel 406 a. C. La Valle fu dunque salvata tranne pochi danni ai costoni vicini, mentre Pietro Griffo continu la sua carriera ottenendo risultati ottimali. Per il suo congedo in pensione gli fu conferita la medaglia d' oro per meriti culturali da parte dello Stato: oggi il museo archeologico agrigentino porta proprio il suo nome.




news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news