LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lallarme degli Stabili: fondi insufficienti
Martina Zambon
Corriere del Veneto, 3 aprile 2005

II convegno di Venezia. De Fusco: Disagio generale
Soldi per il teatro In Europa siamo il fanalino di coda

Ieri all'Ateneo Veneto di Venezia si discusso dei principali problemi del teatro pubblico nella tavola rotonda La scena d'Europa. Colloquio internazionale del teatro pubblico, organizzata dall'Antad, l'associazione dei teatri pubblici stabili, e dal Teatro Stabile del Veneto.
La devolution al teatro fa pi male che bene. Questo il punto che ha messo d'accordo tutti, dal direttore generale per lo Spettacolo del Ministero, Salvatore Nastasia, ai direttori dei teatri stabili italiani passando per l'avvallo indiretto di illustri ospiti europei al convegno La scena d'Europa. Colloquio internazionale del teatro pubblico ospitato ieri dall'Ateneo Veneto di Venezia. Il serrato confronto fra i diciassette rappresentanti del mondo del teatro pubblico ha riportato sotto i riflettori i mali cronici che affliggono il teatro che si sostiene con finanziamenti pubblici. In cima alla lista delle doglianze, ca va sans dire, la coperta troppo corta dei fondi. Fra i punti nodali anche i complessi rapporti fra molteplici committenti, governo centrale ed enti locali e la compartecipazione privata. Dopo le riforme costituzionali anche il comparto dello spettacolo diventa a competenza regionale con pressioni pi forti per un legame stretto con il territorio. Infine, non ultimo, il problema della ridefinizione di un ruolo pi preciso per i teatri stabili con un'apertura pi decisa alle produzioni di qualit in grado di rendere anche sul piano economico tentando la conquista delle piazze nazionali ed europee.
Il Teatro Stabile del Veneto commenta il presidente Luca De Fusco spesso oggetto di violente critiche, credo che le testimonianze nazionali ed internazionali ascoltate in questa sede spazzino il campo da ogni dubbio: il disagio generalizzato, non una peculiarit veneta. Secondo De Fusco la mission del teatro stabile che deve essere ritrovata. Non possiamo continuare ad essere strattonati in direzioni opposte dai finanziatori spiega da un lato il ministero che giustamente ci chiede produzioni di alta qualit che possano sostenere molte repliche, dall'altro gli enti locali che ci chiedono produzioni legate al territorio, dalle carceri al teatro per ragazzi, passando per il mondo della disabilit. Ogni teatro stabile dovrebbe specializzarsi non possiamo arrivare all'omologazione.

FINANZIAMENTI Un numero secco, 0,4 per cento del prodotto interno lordo, e un confronto che non lascia spazio a dubbi, una media intorno all'1,7 per cento per i Paesi trainanti in Europa come Francia e Germania. Lo 0,4 per cento del Pii italiano destinato ai Beni e alle attivit culturali commenta Alberto Francesconi, presidente dell'Agis vale a dire che il paese con il patrimonio pi ricco dal punto di vista artistico destina a questa grande ricchezza una percentuale delle sue risorse pi vicina allo zero che all'uno. Facile immaginare quanto di questo quasi zero finisca a finanziare lo spettacolo. Ad acuire la situazione anche il posto di primo piano che riveste il comparto della lirica italiana che, da solo, assorbe il 50 per cento delle esangui risorse stanziate. Con un rilievo internazionale, certo, ma al teatro e allo spettacolo restano solo i bruscolini. Ci stiamo avviando ad essere il fanalino di coda dell'Europa conclude Francesconi eppure nel comparto dello spettacolo lavorano 200mila persone.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news