LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Muti lascia la Scala
Pierachille Dolfini
Avvenire, 3 aprile 2005

Dopo quasi vent'anni alla guida del Teatro il maestro, contestato dai suoi orchestrali, si dimesso: Una scelta obbligata, per suonare insieme servono armonia e fiducia


Riccardo Muti ha detto addio alla Scala. Cos come gli avevano imposto i lavoratori che ieri, alla notizia delle dimissioni del maestro da direttore musicale del teatro lirico milanese, hanno tirato un sospiro di sollievo dicendosi soddisfatti. Una soddisfazione, per, a met: le maestranze, infatti, puntano anche alla rimozione di Mauro Meli da sovrintendente e alle dimissioni del consiglio di amministrazione. Richieste uscite dall'infuocata assemblea dei lavoratori della Scala che lo scorso 16 marzo avevano sfiduciato il maestro, invitandolo ad andarsene. Ieri, poco dopo mezzogiorno, un lapidario comunicato stampa. Il maestro Riccardo Muti ha comunicato al presidente del consiglio di amministrazione della fondazione Teatro alla Scala, Gabriele Albertini, ai componenti del consiglio e al sovrintendente, le proprie dimissioni da direttore musicale, incarico che ricopriva dal 1986. Poche righe giunte alla vigilia della prima prova - in programma luned - di un concerto che Muti avrebbe dovuto tenere il prossimo 7 aprile con la Filarmonica. In molti a-spettavano questo appuntamento, sperando che diventasse un primo segnale di distensione tra Muti e l'orchestra. Lo sperava il prefetto di Milano Bruno Ferrante, impegnato in una difficile mediazione tra i lavoratori e i vertici del teatro. Ma la decisione del maestro i-nequivocabile. Le dimissioni, certo, -rano nell'aria e lo stesso Muti le aveva pronte da tempo, dal giorno della sfiducia da parte dell'assemblea dei lavoratori. Dimissioni peraltro gi annunciate, ma subito smentite in quel concitato 16 marzo. Solo congelate, in attesa dell'esito delle trattative con le maestranze affidate dal sindaco Albertini al prefetto di Milano Ferrante. Il direttore d'orchestra ha spiegato cos il suo gesto. una scelta obbligata. Malgrado le attestazioni di stima espresse nei miei confronti dal cda, l'ostilit manifestata in modo cos plateale da persone con le quali ho lavorato per quasi vent'anni rende davvero impossibile proseguire un rapporto di collaborazione che dovrebbe essere fondato sull'armonia e sulla fiducia. L'amarezza nelle parole del direttore d'orchestra tanta. Fare musica insieme - conclude - non soltanto un lavoro di gruppo; richiede, nella condivisione, stima, passione e intesa; sentimenti che ho creduto essere la costante di questi venti anni di lavoro alla Scala. Immediate le reazioni dei lavoratori. Gli orchestrali hanno fatto sapere di vivere questo momento con grande soddisfazione. Un'orchestrale, all'uscita ieri dalla prima di Giselle ha precisato,
per, che le dimissioni di Muti sono un primo passo: lui non era la prima persona che doveva saltare, ma abbiamo fiducia che la nostra unione e la nostra forza porteranno ai risultati che speriamo. Fa un certo effetto, invece, sentire altri lavoratori, gli stessi che hanno sfiduciato Muti, parlare di sconcerto di fronte alle dimissioni del maestro. Le dimissioni di Muti - ha detto Bruno Cerri, della Cgil - non erano mai stata la nostra richiesta principale, anche se non possiamo negare che c'era stata una chiara sfiducia. Pi duro un altro esponente della Cgil, Nicola Cimmino, per il quale stato Muti con il suo comportamento a deteriorare i rapporti con i lavoratori della Scala. Se la Uil, con Roberto Monticelli, invita a ripartire da zero, una voce discordante quella di Renato Zambelli della Cisl, per il quale le dimissioni di Muti non risolveranno per nulla la crisi del teatro, anzi potrebbero peggiorarla ulteriormente. Intanto lex sovrintendente Carlo Fontana, prima testa caduta nella querelle scaligera, si trincera dietro un preferisco non commentare. Dopo le dimissioni parte la girandola di nomi sui possibili successori di Muti: chi parla di Abbado, ma si pensa anche a Antonio Pappano, Riccardo Chailly o Daniele Gatti. Ma i lavoratori, che chiedono a gran voce un direttore artistico, non sembrano ritenere cos necessaria la figura di un direttore musicale. Un nodo da sciogliere presto: all'orizzonte c' l'anno mozartiano e c' chi vorrebbe Muti come direttore ospite per dar lustro alle celebrazioni. Il maestro ci star o preferir chiudere definitivamente con il teatro che ha guidato per vent'anni?

LE REAZIONI
IL MINISTRO URBANI: SPERO CHE CI RIPENSI
II ministro per i Beni e le attivit culturali Giuliano Urbani non perde le speranze. Spero si tratti di dimissioni ancora rimediabili ha detto commentando la notizia. Nel caso contrario - ha aggiunto - si tratterebbe di una grave perdita per la Scala dopo decenni di ricostruzione e rilancio. Decenni che non dovranno essere in alcun modo sciupati, ma che al contrario dovranno essere utilizzati come un trampolino per ulteriori affermazioni. Naturalmente perch questo possa accadere dovranno essere assicurate alcune condizioni essenziali: grandi protagonisti artistici, buoni amministratori, ma soprattutto un clima costruttivo da parte di tutti.
IL PREFETTO FERRANTE:
MA IO CONTINUO A MEDIARE
Le dimissioni di Muti non fermano l'opera di mediazione del prefetto di Milano Bruno Ferrante, il quale si augura che il rapporto tra la Scala e Muti possa proseguire in altre forme. Chi ama la musica e la Scala -ha detto - deve oggi rivolgere un ringraziamento a Muti per l'impegno e l'altissimo contributo artistico che in tanti anni di direzione musicale ha fornito. Oggi va tutelato soprattutto il Teatro alla Scala, che ha una storia e una tradizione fatte da tante grandi personalit. Proseguir pertanto il mio impegno per l'individuazione di soluzioni che tanto il consiglio di amministrazione che le organizzazioni sindacali vogliono trovare nell'interesse della Scala.
IL SINDACO ALBERTINI:
DURO COLPO AL BENE COMUNE
L'auspicio del sindaco di Milano, nonch presidente del cda della Scala, Gabriele Albertini, che Muti possa continuare in futuro la propria collaborazione con la Scala, in modo da non sottrarre completamente al teatro lirico pi importante del mondo il patrimonio della sua
straordinaria sensibilit d'artista e della sua ricca esperienza e professionalit di impareggiabile musicista.AIbertini ha poi stigmatizzato il clima di intolleranza e aggressivit fomentato da alcune componenti delle maestranze artistiche e tecniche del teatro. Un clima cos corrosivo da precludere ogni soluzione della crisi, e soprattutto da fiaccare la volont di Muti di continuare a dirigere. Per il sindaco Milano e la Scala non perdono solo un grande direttore d'orchestra. Oggi soccombe in modo tristemente eclatante una fondamentale caratteristica dello stile ambrosiano: la capacit di superare i particolarismi in vista del bene comune.
IL SOVRINTENDENTE MELI: UNA DECISIONE SOFFERTA
Sono molto triste e amareggiato per le dimissioni del maestro Muti; l'eccellenza del suo valore artistico riconosciuta in tutto il mondo e il Teatro alla Scala, privato della sua direzione musicale, subisce una gravissima perdita. Cos commenta la notizia il sovrintendente scaligero Mauro Meli. Il cda - aggiunge - ha fatto il possibile per trovare una soluzione positiva al conflitto in atto all'interno del teatro, ma nulla ha potuto di fronte alla reazione del maestro Muti, colpito dall'immotivata sfiducia di chi ha lavorato con lui per quasi vent'anni, affermandosi professionalmente grazie al suo impegno, oltre che al suo livello artistico. Per Meli la decisione di Muti, meditata e sofferta, non pu giungere inaspettata a chi conosce la sua sensibilit: la risposta inevitabile - e forse perseguita - all'attacco subito.




news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news