LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nel braccio di Buonarroti c' la prova
Mauro Lucentini
La Stampa 2/4/2005

Dire che Michelangelo era un falsario non calunniarlo: lo racconta Vasari e lo ammise lui stesso, quando il cardinale Riario, nipote di Sisto Quarto, si fece rimborsare il prezzo che aveva pagato per un delizioso Cupido che lo scultore fiorentino aveva scolpito, invecchiato con incrostazioni di terra e smerciato come opera antica di scavo. L'immensa sorpresa, piuttosto, sarebbe se veramente il Laocoonte, sempre creduto suprema espressione dell'ellenismo, e uno dei ritrovamenti archeologici pi sensazionali di tutti i tempi, fosse invece anch'esso di Michelangelo. A pensarci bene, l'idea non affatto implausibile. Al tempo del Cupido lo scandalo fu molto relativo e Michelangelo, allora ventunenne, non ne sub ulteriori conseguenze perch non si andava allora tanto per il sottile e le frequenti truffe artisti-che potevano essere prese persino come supplementari manifestazioni d'ingegno. Michelangelo se ne vantava, dicendo di aver invecchiato anche certi disegni. Questo tipo di attivit era tanto normale che secondo altre fonti era stato un membro della famiglia dei Medici, Lorenzo di Pierfrancesco, a suggerirla a Michelangelo; i suoi marmi, diceva, sarebbero valsi di pi.
Il clamoroso ritrovamento delLao-eoonte da parte di Felice De Fredis (archeologo dilettante che per questo divenne fampso, come dice la sua lapide mortuaria nella chiesa dell'Ara Coeli) avvenne otto anni dopo la vicenda del Cupido, nel 1506. Se a qualche artista nel Rinascimento, diciamo a Michelangelo, fosse venuta l'idea di ritrovare o far ritrovare a scopi truffaldini una celebre opera antica perduta, il Laocoonte sarebbe stato il candidato pi naturale. Plinio il Vecchio, infatti, nella sua Historia Naturalis parlava del Laocoonte nel Palazzo di Tito come della scultura pi ammirata nella Roma dei suoi terrai e aveva descritto nei particolari il soggetto, d'altra parte ben noto perch tratto da un episodio dell'Iliade. Quando de Fredis (i cui eventuali rapporti con Michelangelo sarebbero ora da accertare) tir fuori dal terreno - proprio nelle vicinanze del palazzo di Tito, che in precedenza era stato la Domus Aurea di Nerone -il gruppo scultoreo, Michelangelo si fece subito avanti ad identificarlo come quello descritto da Plinio e non ebbe dubbi nel dichiararlo autentico. Nessuno ci trov nulla da ridire, incluso l'esperto ufficiale del Vaticano, Giuliano da Sangallo, quando il papa Giulio II acquist l'opera per metterla nel cortile del Belvedere dove andava arricchendo la raccolta di capolavori antichi iniziata da anni proprio dal cardinale Eiario.
Se la storia del falso vera, essa risolve un altro mistero. Quando il Laocoonte fu tirato fuori gli mancava un braccio. Il papa lo fece restaurare da un altro scultore fiorentino, Giovanni Montorsoli, che gli applic un braccio nuovo, facendolo tutto disteso al lato della testa. Michelangelo disse subito che il braccio andava non disteso, ma ripiegato, anzi abbozz quello che, secondo lui era il braccio giusto e lo mise da un canto. A quell'epoca il braccio di Montorsoli non fu sostituito e nemmeno in seguito, per quattro secoli. Nel 1905, il vero braccio, quello originale, fu ritrovato nella zona dello scavo e alcuni anni dopo fu finalmente riunito alla statua: esso era identico a quello abbozzato da Michelangelo. Come aveva fatto il grande artista a sapere? A quell'epoca si disse che Michelangelo era stato guidato da un istinto, quasi soprannaturale. Adesso, se Lynn Catterson ha ragione, si potrebbe dire che aveva semplicemente rifatto un pezzo della sua statua.
Quello della Catterson il secondo rivoluzionario intervento nella storia di Michelangelo che arriva dagli Stati Uniti. Nel 2002, un altro americano, Rab Hatfield, il quale si era dato la pena di ricercare e di ritrovare a Firenze gli antichi conti in banca di Michelangelo, ha anunciato in un libro che lo scultore, noto per essere estremamente taccagno, era ricchissimo, uno dei pi ricchi artisti della storia. Non stupisce, se Michelangelo accanto alla camera di scultore ne avesse condotta anche una di falsario.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news