LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palatino, dagli scavi nel santuario il capolavoro dei pittori greci
MARIO TORELLI
DOMENICA, 20 OTTOBRE 2013 LA REPUBBLICA - Roma

DA LUNGHI anni, con lappoggio della Soprintendenza di Roma e con i fondi e il lavoro degli allievi dellUniversit di appartenenza, Clementina Panella, ordinaria di Archeologia alla Sapienza, conduce scavi sulle pendici del Palatino a pochi metri dallarco di Costantino. Sono stati da sempre scavi molto fortunati quelli di Tina, come tutti noi vecchi suoi amici ed estimatori chiamiamo larcheologa protagonista di tante imprese: in tutti questi anni Tina ci ha regalato, oltre a tanti monumenti, il fantastico insieme di insegne imperiali sepolte dai funzionari di Massenzio per evitare che cadessero in mano a Costantino, una serie di preziosi documenti storico-archeologici senza uguali al mondo.
Ora ancora unaltra incredibile sorpresa. Scavando nellarea dove si soliti collocare le Curiae Veteres, un complesso politico-sacrale delle origini di Roma, molti indizi le hanno permesso di riconoscere un vasto e articolato santuario di epoca arcaica e repubblicana, che gli interventi
neroniani e flavi hanno sepolto sotto un immenso accumulo di detriti. Fra questi detriti, Tina ha scoperto un oggetto assolutamente eccezionale, destinato ad entrare nei manuali di storia dellarte romana. Si tratta di un grosso frammento dellorlo di un bacile di oltre
un metro di diametro accuratamente ingubbiato di bianco sullorlo stesso e nella vasca e dipinto con la testa di un giovane, probabilmente un atleta, dalla chioma aderente e dal volto con i due grandi occhi sgranati e le labbra tumide semiaperte. Il colore della pelle bruno, convenzione
usata in epoca arcaica per designare gli individui di sesso maschile adulti, mentre mento e mascella molto pronunciati contribuiscono a fissare la cronologia del dipinto al decennio tra il 490 e il 480 a.C.
Mai il suolo di Roma, cos ricco dal punto di vista archeologico,
aveva restituito unopera del genere. Solo in area etrusca, a Trevignano Romano, identificata con lantica Sabazia, circa trentanni fa una tomba ha restituito un bacile dipinto con la rappresentazione di un amplesso tra un sileno e una menade, non solo molto pi piccolo e pi antico di quello romano, ma anche di qualit pittorica nettamente inferiore. Tra le opere trafugate e restituite allItalia dal Getty Museum di Los Angeles c uno splendido bacile di marmo di IV secolo a.C. nel fondo del quale dipinta una Nereide su mostro marino.
Questi due manufatti sono utili per attestare che bacili dipinti non erano inconsueti come oggetti di pregio destinati a santuari e sepolcri di et arcaica e classica. Ma la qualit ci obbliga a pensare ad una mano greca per la realizzazione del dipinto del bacile: sar una coincidenza, ma proprio in quegli anni due pittori, Damofilo e Gorgaso, i cui nomi contribuiscono a farne con grande probabilit dei sicelioti, nel 484 a.C. dipingono il tempio di Cerere, Libero e Libera sullAventino.
Evocare questi due artisti non una semplice esercitazione di eruditi, ma serve ad inquadrare il manufatto in una prospettiva storica importante e chiara: speriamo che il misterioso e ancora anonimo santuario ci riservi ancora qualche altra sorpresa. La buona ventura di Tina ce lo fa sperare.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news