LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi al Casin, il teatrino a Pinault
Enrico Tantucci
la Nuova Venezia 2/4/2005

Con l'uscita di scena di Guido Angelo Terruzzi ufficializzata ieri sar la stessa casa da gioco ad acquistare direttamente Palazzo Grassi, in contrasto con quanto il sindaco Paolo Costa aveva pattuito con la sua maggioranza. Lo far, per, quasi certamente con i 30 milioni di euro garantiti dall'industriale francese Francois Pinault, interessato non ad acquistare il palazzo di San Samuele, ma ad avere in affitto per sessant'anni il teatrino di Palazzo Grassi, che restaurer per esporvi parte della sua collezione e farne una show-room di moda in Canai Grande.

Uno spazio dedicato alle sue griffes, da Gucci a Yves Saint-Laurent. Intanto la famiglia Terruzzi ha affidato il suo addio a una nota in cui sottolinea le scorrettezze compiute, a suo avviso, dal Casin nella trattativa e in cui scrive: E' con grande amarezza che dobbiamo constatare che la firma di un accordo quadro - che noi ritenevamo vincolante dal punto di vista legale, non meno che morale -e la ferma convinzione di assolvere in toto quanto pattuito con il nostro interlocutore - assolutamente convinti di voler contribuire alla ricchezza patrimoniale e artistica della citt di Venezia con una collezione che, per dipinti, mobili, arazzi, statue ed oggetti teme pochi confronti in Europa - non sono stati elementi abbastanza forti da consentire il buon esito della trattativa con la Casin di Venezia spa per l'acquisizione di Palazzo Grassi. I Terruzzi ricordano anche come la smentita di voci di trattative parallele, di giorno in giorno pi consistenti sulla stampa, sia stata limitata a poche righe, senza che ci si premurasse di comunicarla personalmente e ricorda come, dopo essersi lasciati, il 16 marzo in perfetta armonia, il Casin rilevando improvvise divergenze, ha comunicato, il 24 marzo, di ritenersi libera dagli impegni assunti.
Terruzzi sottolinea l'impegno a restaurare a proprie spese il teatrino di Palazzo Grassi, spendendo tra i 10 e 15 milioni di euro e legando tutti i suoi beni mobili a Venezia, e che occupando un unico piano con la collezione per-
manente non si sarebbe privata la citt di uno spazio espositivo di prestigio. Confermano, comunque la risoluzione consensuale dell'accordo quadro, rinunciando alla possibilit di fare causa con successo per il rispetto che portiamo alla citt di Venezia, pur affermando che continueranno a seguire l'evoluzione dei negoziati. Nella replica, il Casin afferma l'impossibilit di dare corso a un progetto cos importante come quello disegnato con la famiglia Terruzzi e che non si potuto realizzare per una posizione relativa alla copertura dei costi di gestione dell'immobile che non ha trovato soluzione nelle trattative in corso alla data del 16 marzo e che successivamente ha visto l'irrigidimento della famiglia Terruzzi. Secondo il Casin quello della copertura dei costi di gestione dell'immobile stato un problema nuovo posto dai Terruzzi, prima per una durata non inferiore a trent'anni e poi in eterno, con la doppia garanzia di Comune e Casin, che, per, non hanno accettato, perch la casa da gioco avrebbe dovuto sopportare oneri che andavano a scapito delle attivit espositiva e che avrebbero determinato un impegno perenne che avrebbe, in termini finanziari, reso indifferente il contributo della famiglia Terruzzi. Secondo la casa da gioco non vi stata alcuna trattativa parallela, anche se l'affacciarsi di diverse possibili soluzioni auspicato. Nell'attesa, a comprare Palazzo Grassi dalla Fiat, sar il Casin, con un'anticipazione bancaria.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news