LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - QUEL PIANO PAESAGGISTICO È UN ATTO DI CORAGGIO
CARLO PATRIZIO
MARTEDÌ, 15 OTTOBRE 2013 LA REPUBBLICA Bari




IL DIBATTITO che si è aperto in questi ultimi mesi intorno al Piano Paesaggistico e Territoriale Regionale (PPTR), allo stesso tempo interessante e aspro, sembra essere il segno che le politiche messe in campo in questi anni dall’assessorato regionale alla Qualità del Territorio hanno prodotto almeno attenzione e partecipazione. Non mancano critiche severe e – a dirla tutta – anche quest’ultima circostanza mi pare di segno sicuramente positivo: un Piano Territoriale non ha l’obiettivo di favorire l’interesse di qualche “corporazione”, ma semmai quello di definire precise linee d’indirizzo per le trasformazioni territoriali dei prossimi anni. Tale finalità obbliga il Piano a occuparsi del futuro. Da tempo il territorio ha smesso di essere considerato il bene comune più importante. D’altronde, le politiche territoriali degli Enti Locali, fino ad oggi, non avevano saputo promuovere l’idea che il territorio non è solo il suolo su cui estendere l’attività dell’uomo. La Regione Puglia invece, ne propone coraggiosamente una lettura diversa, interpretandolo come un patrimonio integrato di ricchezze allo stesso tempo fisiche, sociali e culturali, stratificatosi nel tempo lungo della storia. E lo fa proponendo all’attenzione di tutti un Piano innovativo, che ha già coinvolto diversi attori e soprattutto la stessa comunità: allo scopo, ricordo le numerose Conferenze d’Area
organizzate e i diversi progetti sperimentali attivati insieme con alcuni Comuni della regione. Tali progetti hanno contribuito a ciò che nella stessa Relazione viene chiamata “la costruzione sociale del piano”, propedeutica alla “produzione sociale di territorio”. Proprio queste ultime strategie, tra loro certamente interrelate, mi sembrano la più forte innovazione che il Piano propone.
Anzitutto, la stessa redazione del Piano è stata un evento culturale ampio e partecipato, un processo di apprendimento che ha coinvolto una molteplicità di soggetti i quali hanno alimentato e condiviso visioni, conoscenze e obiettivi, superando così la classica successione temporale “elaborazione/ approvazione/attuazione”; e in secondo luogo, è evidente la convinzione che il territorio non sia un’entità statica e immutabile, la scena su cui si dipana l’abitare dell’uomo, ma un intreccio fecondo tra la storia, la natura e la cultura degli abitanti insediati; intreccio che, prodotto da questi ultimi con gli atti propri di ogni insediamento, non può non integrare valori materiali e istanze immateriali, bisogno di qualità e azioni di tutela attiva, ricchezza identitaria e strategie di sviluppo locale. In questo senso, l’elaborazione del PPTR, se condiviso e messo a punto nei suoi facili aspetti di dettaglio tecnico, può diventare un’irripetibile opportunità culturale, densissima di valenza politica; e la sua
attuazione, un’occasione per integrare tra loro le politiche settoriali incentrandole sui valori intrinseci dei paesaggi della Puglia per far partire un nuovo ciclo di sviluppo. Ecco perché il Piano è coraggioso: perché sottopone alla comunità pugliese una visione del futuro. Ed ecco perché le forze neo-corporative, dovunque collocate, lo osteggiano: perché sono più interessate al presente.
architetto - docente universitario



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news