LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LESSINIA E BALDO. Appello alla Provincia per salvare i castagni
14.10.2013




Presentata una mozione sulla lotta alla «vespa cinese», piaga delle colture. Campagnari chiede che Giunta e Consiglio s'impegnino a tutelare i frutti della montagna nonché un paesaggio unico


Una mozione presentata in quarta commissione (Ecologia, ambiente; politiche montane e agricoltura) dal consigliere provinciale di Sel-Fds, Giuseppe Campagnari, solleva la questione della vespa cinese del castagno (Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu), che dal 2009 interessa i castanicoltori della Lessinia e dallo scorso anno anche quelli del Baldo, con pesanti ricadute sulla produzione di marroni, crollata negli ultimi anni sia per le infauste condizioni climatiche durante la maturazione dei frutti sia per l'azione devastante dell'insetto sulle giovani gemme. La mozione chiede l'intensificazione della lotta biologica, l'unica finora dimostratasi efficace, seppure su tempi mediamente lunghi. In Piemonte, dove il parassita del castagno è comparso nel 2002 a seguito dell'importazione accidentale di piante infette dall'Estremo oriente in un vivaio del Cuneese, solo negli ultimi due anni si stanno raccogliendo i risultati della lotta biologica durata circa otto anni con l'introduzione di un insetto antagonista proveniente dal Giappone, il «Torymus sinensis». «La diffusione del cinipide del castagno sta mettendo a rischio vaste estensioni di castagneti, compromettendo la preziosa funzione produttiva, oltre che paesaggistica ed ambientale, di una delle colture più tipiche della montagna veronese, sia sul Baldo che in Lessinia», sottolinea Campagnari nella mozione , «e va tenuto conto che è già stato da tempo individuato l'antagonista naturale di questo parassita e messi a punto programmi di lotta biologica attraverso l'introduzione nei castagneti dell'insetto Torymus sinensis in molte località del territorio nazionale e del Veneto». «Tale metodologia, per affermarsi compiutamente e dare risultati, impiegherà un certo numero di anni, analogamente al ciclo naturale di diffusione del cinipide, ma è appurato che, al momento, questa è l'unica arma a disposizione per ostacolare, o quantomeno contenere, la diffusione del parassita», aggiunge Campanari che per queste ragioni chiede che il Consiglio provinciale «impegni il presidente e la Giunta ad attivare tempestivamente ulteriori e più diffuse campagne di contrasto all'insetto killer del castagno, sia in Lessinia che nei Comuni del Baldo; a sostenere (anche economicamente) e favorire l'attività già intrapresa dai Consorzi dei produttori con l'effettuazione di ulteriori lanci dell'insetto antagonista, anche su diretta richiesta dei territori montani interessati; a monitorare i progressi in campo scientifico al fine di garantire un pronto utilizzo di nuove eventuali tecnologie innovative di contrasto al cinipide del castagno, a tutela del patrimonio boschivo e paesaggistico della provincia di Verona», conclude la mozione del consigliere di Sinistra ecologia e libertà e della Federazione della Sinistra. La mozione ha ricevuto il plauso anche dell'assessore Luigi Frigotto, che considera fondamentale favorire la lotta biologica e l'importanza del servizio fitosanitario. Alla discussione in commissione, ha partecipato anche Michele Zampini, dell'Unità periferica regionale per i servizi fitosanitari diretta da Giovanni Zanini, che ha illustrato la storia della presenza della vespa cinese in Italia e la biologia dell'insetto parassita del castagno, spiegando che ha una sola generazione all'anno ed è caratterizzata dalla presenza di sole femmine che si riproducono per partenogenesi. A giugno l'insetto adulto sfarfalla e depone fino a 25 uova nelle gemme dell'anno successivo. Dopo 40 giorni, le uova si schiudono e le larve restano a questo stadio per tutto l'autunno e l'inverno. In primavera, la pianta reagisce creando delle galle, ingrossamenti fino a 2 centimetri, dentro le quali la larva cresce e si nutre per circa 30 giorni diventando pupa, prima dello farfallamento e alla ripresa del ciclo. La galla, inglobando giovani foglie e infiorescenze, riduce la fruttificazione della pianta e la sua stessa vigoria se si tratta di virgulti. Si ha una perdita fino al 70 per cento di frutti e anche la morte della pianta per indebolimento, sul lungo periodo.

Vittorio Zambaldo

http://www.larena.it/stories/Provincia/575450_appello_alla_provincia_per_salvare_i_castagni/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news