LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I musei romani a La Regina - L’ex soprintendente dei beni archeologici è il nuovo presidente di Zetema
C. Mar.
Venerdì 1 Aprile 2005 Il Messaggero


Da tutore delle antichità a manager dei musei romani. È la scelta di Adriano La Regina, ex soprintendente ai Beni archeologici di Roma, da ieri nuovo presidente di Zètema. Nome che in greco vuol dire “ricerca” ma che da 7 anni - da quando l’azienda esiste - vuol dire gestione dei Musei civici romani.
Una scelta a lungo ponderata, quella del professore noto per i suoi “no”. Opposti indifferentemente a tutti, politici e amministratori. Una scelta in un certo senso obbligata dopo la mancata riconferma, da parte del ministero dei Beni culturali. Con successiva protesta dei dipendenti, assemblea sindacale e conseguente chiusura dei più importanti monumenti in segno di solidarietà con il professore,
Il ministero dei Beni culturali si disse pronto alla riconferma dello storico “signor no” se il dicastero della Funzione pubblica avesse ritirato una circolare interpretativa della legge 186 del 2004 in base alla quale i provvedimenti di proroga dei funzionari in età pensionabile venivano considerati alla stregua di nuove assunzioni.
Ma questa ormai è storia di ieri. Quella di oggi si chiama Zètema, azienda recentemente acquisita per il 75% dal Comune di Roma e per il 25% a Civita.
La nomina di Adriano La Regina è stata ufficializzata ieri dal nuovo consiglio di amministrazione. A spingerlo ad accettare è stato il sindaco Walter Veltroni «per non disperdere la grande esperienza» del professore che in questo modo cessa anche di essere «il censore» per antonomasia delle antichità.
«Per noi si apre un triennio importante - spiega Albino Ruberti, amministratore delegato della società - per sviluppare nuove sinergie e iniziare una fase di trasformazione dell’azienda
La Regina sostituisce Fulvio Vento, presidente di Zetema dal 1998 che resta nel Cda nel quale entrano anche Francesco Carducci e Fabio Nobile. Direttrice della società resta Roberta Biglino.
L’azienda conta circa 500 dipendenti. «Il contratto di servizio siglato con il Comune di Roma - continua Ruberti - ci impegnerà per i prossimi tre anni in un ruolo sempre più vitale e importante per la città. Vogliamo arrivare ad una unica tariffazione e ad una card per i Musei comunali attivando rapporti di collaborazione con altre strutture statali, estendere l’orario di apertura dei musei, sviluppare attività espositive ed eventi culturali».
L'azienda, che può contare sugli 8 milioni di euro anni garantiti dal Comune, ha dunque le carte in regola per farsi largo nel panorama culturale e nel suo ruolo di gestore di un sistema che conta ben 12 musei: Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Fori Imperiali e Mercati di Traiano, Museo di Roma, Museo di Roma in Trastevere, Museo Napoleonico, Museo Barracco, Museo della Civiltà Romana e Planetario, Museo Canonica e Meridiana, M.A.C.R.O. e Mattatoio, Musei di Villa Torlonia e Museo delle Mura.






news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news