LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali- Le nuove frontiere del rilevamento digitale
Giacomo Impellizzeri
01/04/2005, Quotidiano di Sicilia on line



A Catania si sono svolte due giornate di studio sul rilievo dei beni architettonici e archeologici organizzate dal dipartimento di Architettura e urbanistica laboratorio di fotogrammetria architettonica e rilievo della facoltà d'Ingegneria, con il dottorato di ricerca in Progetto e recupero architettonico urbano


Si sono svolte presso l'aula magna della facoltà d'Ingegneria dell'Università di Catania due giornate di studio sul rilievo dei beni architettonici e archeologici organizzate dal dipartimento di Architettura e Urbanistica - laboratorio di fotogrammetria architettonica e rilievo della facoltà d'Ingegneria, in collaborazione con il dottorato di ricerca in Progetto e recupero architettonico urbano ed ambientale. Il convegno, tenutosi dal 17 al 18 marzo, ha approfondito le nuove frontiere del rilevamento digitale, analizzando le esperienze del passato e le future prospettive del settore.
Nel corso dei lavori, la facoltà di Ingegneria ha inteso proporre alla comunità territoriale quanto in questi anni il Laboratorio di Fotogrammetria Architettonica e Rilievo, che opera presso il Dipartimento di Architettura e Urbanistica, ha attuato e prodotto nell'ambito del rilievo architettonico ed archeologico, applicando le moderne tecnologie di rilevamento.

L'incontro aveva come scopo anche quello di proporre un dialogo tra gruppi di ricerca operanti all'interno dell'Università e le istituzioni nazionali e territoriali a cui è demandato il compito della salvaguardia dei beni architettonici e archeologici, e ha rivolto particolare attenzione ai beni esistenti nella Sicilia orientale, ad iniziare da quelli che ricadono nella Val di Noto e che oggi, sotto l'egida dell'Unesco, sono oramai considerati patrimonio dell'umanità. Si è sottolineata, inoltre, la necessità di una formazione costante e continua degli operatori del settore per una più valida ricaduta nel mondo del lavoro.

Ad aprire i lavori c'era Antonio Recca, preside della facoltà di Ingegneria di Catania, insieme con Luigi Bosco e Antonio Licciardello, rispettivamente presidente dell'ordine degli Ingegneri e presidente dell'ordine degli Architetti della provincia di Catania, e Umberto Rodonò, direttore del dipartimento di Architettura e urbanistica. Successivamente, il laboratorio di Fotogrammetria e Rilievo ha illustrato le ricerche e le esperienze svolte con i laser scanner 3D.
Tra i relatori che si sono succeduti durante le due giornate del convegno, vi erano Marco Bini, dell'Università di Firenze, che ha descritto le esperienze fiorentine nella rilevazione con i laser scanner 3D, Michele Inzerillo, dell'Ateneo di Palermo, che ha parlato del rilievo delle superfici curve della Cappella Palatina, e i docenti universitari Giuseppe Pagnano e Cesare Cundari.

A margine dell'incontro abbiamo incontrato il coordinatore scientifico dei lavori, il Luigi Andreozzi, docente di Storia di Disegno dell'Architettura I presso la facoltà di Ingegneria. Andreozzi ci ha spiegato che accanto alle tradizionali metodologie e strumentazioni utilizzate per il rilevamento, si è aggiunto oggi lo scanner laser.

Lo scanner laser può essere considerato uno strumento topografico, ma non in senso tradizionale. La sua particolarità consiste, infatti, nella capacità di scansionare in brevissimo tempo una notevole quantità di punti e fornire, per ogni punto, le coordinate spaziali. Questa tecnologia è impiegata in vari settori e ciò è testimoniato dall'esistenza di diversi tipi di scanner, a seconda del tipo di rilevamento che viene effettuato (architettonico, archeologico ecc.). Grazie agli scanner laser è possibile "spalmare" l'immagine fotografica in modo da ottenere un modello ad altissima definizione. I vantaggi di una simile tecnologia sono evidenti: tanto per cominciare, essa consente di creare un archivio estremamente dettagliato dei beni architettonici e archeologi.Visto il giovamento che la comunità potrebbe trarre da simili documentazioni, soprattutto in riferimento alle possibilità della ricostruzione, le istituzioni dovrebbero soppesare appieno le nuove frontiere del rilievo fotogrammetrico:«Mi auguro - ci ha detto Andreozzi - che le istituzioni nazionali e locali comprendano che l'apporto che può dare l'università in questo campo è importante. Potrebbe formarsi, infatti, un archivio della documentazione», dalle grandi potenzialità anche con riferimento alla ricostruzione. «Bisogna finalmente capire, ha proseguito Andreozzi, che per salvaguardare bisogna prima conoscere».











news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news