LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA: Tutela del paesaggio, la Regione non pu essere esclusa
01/04/2005, La Nuova Sardegna


La preoccupazione espressa alcuni giorni fa dall'onorevole Nanni Moro circa la presunta confusione di ruoli fra il presidente della Regione e Cesare offre lo spunto per alcune puntualizzazioni in materia di tutela del paesaggio.

Tralasciando, in questa sede, la delicata comparatistica dei modelli francese e italiano, che richiederebbe ben altro approfondimento, l'affermazione che anche da noi la tutela paesaggistica dello Stato (si deve ritenere che l'onorevole Moro intenda dire esclusivamente dello Stato, altrimenti la sua preoccupazione non avrebbe senso) non trova rispondenza nell'ordinamento giuridico italiano.

Per verificare quale ruolo sia riservato alle Regioni nella definizione delle politiche di tutela e valorizzazione del paesaggio sufficiente una interpretazione secondo l'elementare canone della sistematicit, nella ricerca e nel rispetto delle finalit delle norme delle disposizioni contenute nell'aRt. 9 della Costituzione (il quale collocato, si badi, fra i principi fondamentali ai quali la legge deve rispondere affida la tutela del paesaggio alla Repubblica intera, non al solo Stato), nell'art. 117, terzo comma, sempre della Costituzione (che inserisce la valorizzazione dei beni culturali e ambientali fra le materie di legislazione concorrente) e negli articoli 131 e seguenti del Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio con particolare attenzione all'art. 132 (che regola la cooperazione tra le amministrazioni pubbliche), all'art. 133 (che richiama gli obblighi derivanti dalle convenzioni internazionali) e all'art. 135 (che impone alle Regioni la pianificazione paesaggistica e una specifica considerazione dei valori paesaggistici).


Disposizioni conseguenti proprio al principio di democrazia richiamato dall'onorevole Moro il quale, incoerentemente, da un lato rivendica allo Stato la competenza legislativa
di tutela del paesaggio, dall'altro ritiene che la sovranit popolare debba trovare sfogo nei variegati programmi alternativi (rispetto a quello regionale) delle Province e dei Comuni.

Ancora, una interpretazione rispondente ai basilari canoni del buon senso e della buona fede consente di affermare che perfino quando lo Stato ha competenza esclusiva nella tutela di un bene collettivo ci non significa che queste ultime hanno l'obbligo di attenersi in negativo ai precetti statali di tutela, ovverosia di astenersi dall'attuare interventi finalizzati a una concreta ed efficace protezione e valorizzazione di quel bene.

E, infatti, proprio tale criterio stato recentemente trasfuso in un principio dalla stessa Corte Costituzionale, la quale, con la sentenza n. 307 del 2003 ha enunciato che la tutela dell'ambiente, pi che una materia in senso stretto, rappresenta un compito nell'esercizio del quale lo Stato conserva il potere di dettare standard di protezione uniformi validi in tutte le Regioni e non derogabili da queste; ci non esclude affatto la possibilit che leggi regionali, emanate nell'esercizio della potest concorrente di cui all'art. 117, comma 3, della Costituzione, o di quella residuale di cui all'art. 117, comma 4, possano assumere tra i propri scopi anche finalit di tutela ambientale.

evidente che gli standard di protezione inderogabili, di cui parla la Corte, devono essere intesi, nelle pianificazioni regionali, come parametri di riferimento minimi, non massimi, di tutela e certamente nel senso della conservazione dei beni ambientali, non della loro distruzione. A ci si aggiunga che il bene paesaggio e il corrispondente diritto hanno ormai assunto una connotazione giuridica autonoma, rispetto allo stesso bene ambiente e sono quindi oggetto di autonoma tutela. Una tutela alla quale ed del tutto ovvio la competenza primaria regionale in materia urbanistica direttamente strumentale, non strumentalmente invocata dalla Regione, come afferma l'onorevole Moro.

Abbiamo, evidentemente, buoni motivi per confidare nella sapienza e nella coerenza della Corte Costituzionale, mentre per quanto riguarda il nuovo mostro giuridico rappresentato dalla Conservatoria delle coste, saranno i fatti a stabilire se pi o meno spaventoso degli atti posti in essere in un non lontano passato in questo cruciale settore.


Comitato sardo per la tutela del paesaggio, Sezione di Sassari



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news