LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Calarossa e lo sviluppo
Filippo Salvia
01/04/2005, La Repubblica, ed . Palermo


TUTTE le volte in cui ho avuto la ventura di guidare colleghi di altre Universit estimatori della nostra Isola, ho messo tra le priorit la visita di Cala Rossa, da me sempre considerata come una delle cose pi suggestive di Sicilia. Ho potuto constatare che la mia valutazione non era eccessiva, perch questi miei colleghi, alla vista di quell'imponente scenario di rocce, di mare e di torri, hanno avuto sempre una reazione entusiasta: nulla di simile mai visto, il paesaggio pi bello del mondo, un paesaggio omerico da Odissea.

E ORA apprendiamo che anche questo pezzo splendido di Sicilia sta per cadere sotto il piccone demolitore, perch proprio in questo luogo dovr essere localizzato un depuratore, previa rimozione di ben ottantamila metri cubi di roccia: di quella roccia unica che da appunto il nome alla localit. Non si riesce a capire bene quale sia la logica del provvedimento. Trattandosi di un "depuratore" la finalit dovrebbe essere certamente quella ambientale: la depurazione delle acque. Ma, ha senso distruggere un bene di "alto valore ambientale" in nome dell'interesse ambientale? Direi proprio di no. E anche le dichiarazioni rese dai responsabili e riportate in un articolo su questo giornale confermano quest'ultima ipotesi.
Il vero obiettivo che giustifica la realizzazione di questo depuratore (come del resto degli altri mille depuratori non funzionanti, sparsi sul territorio) di ordine pseudo economico. Se non realizziamo in fretta quest'opera (sia pure col costo di distruggere un ambiente unico) noi perdiamo 11 milioni di euro. Lo stesso argomento a ben vedere che da cinquantanni a questa parte ha giustificato la distruzione delle nostre spiagge [con la realizzazione di porti mal fatti o di strade invasive delle dune); il dissesto delle zone montane (con l'apertura di nuove strade e la cementificazione dei fiumi): la distruzione di pregiatissimi pavimenti e opere lignee di chiese, di edifici pubblici o di altro genere (giustificate solo da un contributo per "grazia ricevuta"). Gli esempi potrebbero continuare all'infinito. Anche la distruzione delle Ville liberty di via Libert e di interi centri storici avvenuta sempre all'insegna dello sviluppo, della razionalizzazione delle citt, delle nuove opportunit di lavoro.
Spero che questo caso eclatante di ennesimo attentato a una delle pi belle zone di Sicilia, possa innescare una riflessione spregiudicata sulla qualit dello sviluppo. Credo che se noi continuiamo a baloccarci, per giudicare la validit o meno di una data gestione, sui soli parametri quantitativi delle risorse captate e delle spese effettuate; noi rischiamo di divenire promotori di sottosviluppo, anzich di vero sviluppo (cos come la storia del dopoguerra ha ampiamente mostrato). Penso che il vero discrimine tra il vecchio e il nuovo modo di pensare consista proprio in ci.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news