LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Chiusa per restauro la biblioteca, ma c'è chi teme lavori senza fine
Paolo Fallai
Corriere della Sera -cronaca Roma 31/3/2005

Il primo giorno di primavera è stato l'ultimo di apertura, per questa stagione, della biblioteca dell'Orologio, incastonata nel seicentesco Oratorio dei Filippini. Urgono lavori di restauro. C'è chi li teme «senza fine».


Quando una biblioteca, amata e vissuta dai propri utenti, è costretta a chiudere per qualche mese, il mondo si divide in due: quelli che soffrono, si informano, scrivono, perché sono abituati alla lettura e quindi conoscono il valore delle parole; e quelli che non ne sapevano niente e continuano beati a non saperne alcunché. Il primo giorno di primavera è stato anche l'ultimo di apertura, per questa stagione, della biblioteca dell'Orologio, un piccolo gioiello incastonato nel seicentesco Oratorio dei Filippini. Di solito le biblioteche chiudono per consolidare i pavimenti, messi a dura prova dal peso dei libri. Stavolta la biblioteca dell'Orologio, che è tutta a piano terra, deve occuparsi dei suoi solai. E i suoi frequentatori si sono preoccupati. In centocinquanta hanno anche firmato una petizione che ha fatto commuovere la brava Marina Girardet che dell'Orologio è la vestale. Conviene dire subito che il cantiere è quello che riguarda tutto il complesso borrominiano e che ha stravolto la vita anche alla Casa delle Letterature, all'Istituto Storico del Medioevo e all'Archivio Capitolino. A nessuno è piaciuto vedersi ingabbiare dalle impalcature e sfrattare per periodi anche lunghi. E tempi e modi operativi dei lavori hanno suscitato più di qualche discussione. Ma che quei lavori fossero necessari per mettere finalmente in sicurezza l'intero complesso non è possibile negarlo. I diecimila, selezionati, volumi della biblioteca dell'Orologio saranno nuovamente disponibili dal mese di ottobre, se la tabella dei tempi del cantiere sarà rispettata. E se non lo sarà non e' dubbio che alcune centinaia di persone ce lo faranno notare. Perché l'Orologio, con tutto il rispetto per le consorelle, non è una biblioteca come le altre. Quando il fiorentino Filippo Neri, alla fine del Cinquecento, mette a soqquadro un intero quartiere tra Monte Giordano e la Vallicella, ha le idee chiarissime: vuole un Oratorio, le abitazioni per il religiosi, una Sacrestia e una biblioteca.Il santo, destinato a mettere gioia e allegria nel suo rivolgersi ai più giovani, vuole confratelli colti e preparati. Francesco Borromini lavorerà tredici anni tra il 1637 e il 1650 per contentare i padri filippini e la loro pragmatica esigenza di "positivezza", prima di andarsene a lavoro fatto e qualche malumore accumulato.
Eppure quel luogo, che si trova al centro del quartiere che vide nascere a Roma le prime tipografie, i primi editori e i primi librai, doveva aver assunto una peculiarità indissolubile se nel 1926 il Comune, dovendo scegliere dove aprire la prima biblioteca pubblica di Roma, non ha dubbi ad indicare i locali dell'Oratorio. Ed è ancor meno sorprendente che nel dopoguerra la Biblioteca dell'Orologio sia cresciuta d'importanza fino a diventare negli anni Sessanta la Biblioteca Centrale del Comune. Una vicenda interrotta nel 1988 quando i lavori di consolidamento della torre campanaria ne imposero la chiusura. Precedente che bisognerebbe tener nascosto agli affezionati di oggi visto che allora il cantiere si è mangiato dodici anni, consentendo la riapertura dell'Orologio solo nel 2000.
Nuova vita, con libri nuovi, moltissimi, una vocazione precisa - la letteratura di un XX secolo che tracima nel presente a colpi di centinaia di volumi - e un ruolo nei confronti del pubblico ancora una volta soprendente. Intanto per i numeri, perché nel 2001 erano 22.000 gli utenti e oggi sono quasi 60.000, con quasi 14.000 volumi prestati. E ancora, l'anno scorso, con 7.400 consultazioni dalle postazioni internet.
Il sospetto è che l'Orologio, frequentata da studenti ma anche da molti liberi professionisti, sia diventata in questi anni il centro di aggregazione di una periferia non immaginabile. A Corviale il fronte è evidente: la biblioteca combatte ogni giorno la desertificazione, l'esclusione culturale, la condanna a subire un modello unico di civiltà. Eppure certe offerte qualificanti della biblioteca, la libertà del catalogo innanzitutto, ma anche la qualità umana dell'incontro, lo spirito di confronto che sta perfino nell'architettura di un luogo destinato a ospitare i libri, non sono meno importanti in pieno centro storico. Dove la cultura rischia di essere percepita come una fila di turisti giapponesi o dove solo pizzerie a taglio e negozi di magliettine, spacciate per capetti all'ultima moda, riescono misteriosamente a pagare affitti esorbitanti.
La Biblioteca dell'Orologio è un presidio dell'intelligenza e del buon gusto. Per questo a ottobre ci sarà una certa folla a controllare la puntualità della fine dei lavori. Per questo l'Istituzione Biblioteche di Roma sta discutendo con l'assessorato alla cultura l'ipotesi di prolungarne l'orario per farla rimanere aperta anche la sera. Quando anche i peggiori negozi chiudono. E la sete d'intelligenza diventa più forte.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news