LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senza identit non si attirano i turisti
Daniele Pitteri
la Repubblica - cronaca Napoli 31/3/2005

L' ennesimo calo dei flussi turistici registratosi nel lungo week-end di Pasqua mette a nudo una serie di debolezze strutturali e culturali dell'offerta turistica napoletana, tali da inibirne una crescita articolata e fruttuosa, a discapito, anche, delle iniziative di varia natura che ultimamente si stanno susseguendo (grandi mostre, nuovi poli museali, massicci interventi pubblicitari e promozionali) .
La prima e pi macroscopica debolezza di natura tipologica. Napoli punta su un'offerta di ordine generalista, che nel panorama attuale non ha ragione d'essere, perch il prodotto turistico assume sempre pi conformazione specialistica, mirata a target di pubblico. In pratica, non si compra pi una citt. Si compra, e si vende, un insieme molto articolato e complesso, che ha dentro anche ma non necessariamente la citt (si veda ad esempio Bilbao, dove i fattori determinanti sono altri). Soltanto pochissime citt al mondo possono porsi sul mercato del turismo in maniera piana e, almeno in apparenza, generalista: Roma, Firenze, Venezia, New York, Parigi. Luoghi che hanno costruito nel corso del tempo (in alcuni casi in modo fortuito e non pianificato) un'identit totale, talmente forte, identificabile e precisa da assumere le medesime caratteristiche di un brand globale. Nessun altro luogo si vende in quanto luogo. Si vende sempre per un insieme di caratteristiche e di offerte differenziate che, tutte assieme, ne determinano l'unicit. Napoli, dunque, sotto il profilo turistico deve costruire una propria identit, divenendo significativa di "un qualcosa particolare", per cui si possa pensare a essa per quel motivo di natura identitaria. Non pu permettersi di offrire soltanto se stessa. Ci che offre troppo generico ed (ecco una seconda debolezza dentro la prima) troppo fragile rispetto alle medesime offerte dei principali competitor italiani (le altre citt d'arte) e mediterranei. Si badi: non si tratta di una questione qualitativa assoluta, ma di una questione interna al panorama dell'offerta turistica mondiale.
In tal senso, allora, basta una natura pur straordinaria e bellissima, ma di difficile accesso e di improbabile fruizione (per andare al mare bisogna uscire dalla citt, a Barcellona il mare l) a fare da richiamo? Bastano alcune grandi mostre, ancorch molto fortunate, a differenziare da citt come Roma, Venezia e Firenze che di mostre cos ne fanno da decenni? Bastano i nostri musei a qualificare la citt come luogo unico, quando pagano ancora lo scotto di un'entrata in ritardo sul "mercato" dei musei oltre a denunciare, in molti casi, deficit strutturali e fruitivi? Basta un centro storico di assoluto valore e tuttavia poco accogliente e urbanamente poco arredato rispetto alla media dei centri storici italiani a dotare di imprinting unico la citt? Bastano alcune iniziative interessanti e valide e tuttavia troppo dispersive sotto il profilo tematico come la Citt della Scienza o l'Acquario della Villa Comunale o il Pan (la cui natura non ancora conformata a sufficienza) ad attrarre un turismo consapevole e attento?
Domande retoriche.
D'altra parte, alcune nuove iniziative tese a "confezionare" il prodotto turistico Napoli, palesano e rafforzano la medesima inadeguatezza. Si punta a prodotti "non identificativi" per quanto corretti (museo d'arte contemporanea di Donnaregina) ; a iniziative di cui il mercato europeo abbonda, quindi ad alto rischio fallimento (l'acquario di Vigliena) e allo stesso tempo si tralasciano altre iniziative pi "fruttifere" sotto il profilo della qualificazione dell'offerta, come ad esempio il rafforzamento senz'altro diffi-
cile del museo Archeologico, l'unico in grado di divenire un polo attrattivo originale per contenuti (la collezione Farnese, la sezione egizia, il gabinetto segreto, solo per citarne alcuni), ma bisognoso di una rivoluzione espositiva e fruitiva (edutaiment, virtua-lizzazioni, percorsi tematici), tale da avvicinarlo a tipologie di pubblici articolate.
Debolezze le denunciano anche l'imprenditoria e la politica che identificano ancora nella centralit delle strutture di accoglienza le condizioni essenziali per lo sviluppo turistico. Sono importanti, ma non rappresentano il nodo centrale, cos come non lo rappresentano le infrastnitture, anch'esse necessarie, ma sempre secondarie all'attenzione al prodotto, dalla quale discendono una serie di "attenzioni" successive: osservazione, studio e classificazione dei pubblici, per capirli, precederli, organizzare un'offerta capace di soddisfarli; costruzione di una filiera produttiva di tipo tradizionale, che trovi la propria centralit nel turismo e che, muovendo da esso, sviluppi mercato seguendo i pubblici del turismo.
Le azioni, le iniziative e le attivit intraprese dagli enti locali, in particolare dalla Regione, sono certamente interessanti. Tuttavia, per quanto lodevoli, queste iniziative soffrono l'equivoco di una cultura del turismo antica e superata, rudemente ancorata ai grandi manufatti e ai grandi investimenti, crudamente segnata da una concezione attrattiva "del luogo in s", che oggi non esiste pi (ad esempio: come osserver il turismo l'Osservatorio Turistico?).
Se non si agisce con la consapevolezza che il "territorio" ha anche una dimensione di prodotto che vive interamente dentro il ciclo industriale della domanda e dell'offerta e che le istituzioni e l'imprenditoria devono assecondarlo "con/formandolo", dandogli cio la forma e la sostanza di prodotti diversi per pubblici diversi, se non si agisce in tal senso annoteremo per molto tempo ancora cali preoccupanti di flussi turistici.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news