LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senza identit non si attirano i turisti
Daniele Pitteri
la Repubblica - cronaca Napoli 31/3/2005

L' ennesimo calo dei flussi turistici registratosi nel lungo week-end di Pasqua mette a nudo una serie di debolezze strutturali e culturali dell'offerta turistica napoletana, tali da inibirne una crescita articolata e fruttuosa, a discapito, anche, delle iniziative di varia natura che ultimamente si stanno susseguendo (grandi mostre, nuovi poli museali, massicci interventi pubblicitari e promozionali) .
La prima e pi macroscopica debolezza di natura tipologica. Napoli punta su un'offerta di ordine generalista, che nel panorama attuale non ha ragione d'essere, perch il prodotto turistico assume sempre pi conformazione specialistica, mirata a target di pubblico. In pratica, non si compra pi una citt. Si compra, e si vende, un insieme molto articolato e complesso, che ha dentro anche ma non necessariamente la citt (si veda ad esempio Bilbao, dove i fattori determinanti sono altri). Soltanto pochissime citt al mondo possono porsi sul mercato del turismo in maniera piana e, almeno in apparenza, generalista: Roma, Firenze, Venezia, New York, Parigi. Luoghi che hanno costruito nel corso del tempo (in alcuni casi in modo fortuito e non pianificato) un'identit totale, talmente forte, identificabile e precisa da assumere le medesime caratteristiche di un brand globale. Nessun altro luogo si vende in quanto luogo. Si vende sempre per un insieme di caratteristiche e di offerte differenziate che, tutte assieme, ne determinano l'unicit. Napoli, dunque, sotto il profilo turistico deve costruire una propria identit, divenendo significativa di "un qualcosa particolare", per cui si possa pensare a essa per quel motivo di natura identitaria. Non pu permettersi di offrire soltanto se stessa. Ci che offre troppo generico ed (ecco una seconda debolezza dentro la prima) troppo fragile rispetto alle medesime offerte dei principali competitor italiani (le altre citt d'arte) e mediterranei. Si badi: non si tratta di una questione qualitativa assoluta, ma di una questione interna al panorama dell'offerta turistica mondiale.
In tal senso, allora, basta una natura pur straordinaria e bellissima, ma di difficile accesso e di improbabile fruizione (per andare al mare bisogna uscire dalla citt, a Barcellona il mare l) a fare da richiamo? Bastano alcune grandi mostre, ancorch molto fortunate, a differenziare da citt come Roma, Venezia e Firenze che di mostre cos ne fanno da decenni? Bastano i nostri musei a qualificare la citt come luogo unico, quando pagano ancora lo scotto di un'entrata in ritardo sul "mercato" dei musei oltre a denunciare, in molti casi, deficit strutturali e fruitivi? Basta un centro storico di assoluto valore e tuttavia poco accogliente e urbanamente poco arredato rispetto alla media dei centri storici italiani a dotare di imprinting unico la citt? Bastano alcune iniziative interessanti e valide e tuttavia troppo dispersive sotto il profilo tematico come la Citt della Scienza o l'Acquario della Villa Comunale o il Pan (la cui natura non ancora conformata a sufficienza) ad attrarre un turismo consapevole e attento?
Domande retoriche.
D'altra parte, alcune nuove iniziative tese a "confezionare" il prodotto turistico Napoli, palesano e rafforzano la medesima inadeguatezza. Si punta a prodotti "non identificativi" per quanto corretti (museo d'arte contemporanea di Donnaregina) ; a iniziative di cui il mercato europeo abbonda, quindi ad alto rischio fallimento (l'acquario di Vigliena) e allo stesso tempo si tralasciano altre iniziative pi "fruttifere" sotto il profilo della qualificazione dell'offerta, come ad esempio il rafforzamento senz'altro diffi-
cile del museo Archeologico, l'unico in grado di divenire un polo attrattivo originale per contenuti (la collezione Farnese, la sezione egizia, il gabinetto segreto, solo per citarne alcuni), ma bisognoso di una rivoluzione espositiva e fruitiva (edutaiment, virtua-lizzazioni, percorsi tematici), tale da avvicinarlo a tipologie di pubblici articolate.
Debolezze le denunciano anche l'imprenditoria e la politica che identificano ancora nella centralit delle strutture di accoglienza le condizioni essenziali per lo sviluppo turistico. Sono importanti, ma non rappresentano il nodo centrale, cos come non lo rappresentano le infrastnitture, anch'esse necessarie, ma sempre secondarie all'attenzione al prodotto, dalla quale discendono una serie di "attenzioni" successive: osservazione, studio e classificazione dei pubblici, per capirli, precederli, organizzare un'offerta capace di soddisfarli; costruzione di una filiera produttiva di tipo tradizionale, che trovi la propria centralit nel turismo e che, muovendo da esso, sviluppi mercato seguendo i pubblici del turismo.
Le azioni, le iniziative e le attivit intraprese dagli enti locali, in particolare dalla Regione, sono certamente interessanti. Tuttavia, per quanto lodevoli, queste iniziative soffrono l'equivoco di una cultura del turismo antica e superata, rudemente ancorata ai grandi manufatti e ai grandi investimenti, crudamente segnata da una concezione attrattiva "del luogo in s", che oggi non esiste pi (ad esempio: come osserver il turismo l'Osservatorio Turistico?).
Se non si agisce con la consapevolezza che il "territorio" ha anche una dimensione di prodotto che vive interamente dentro il ciclo industriale della domanda e dell'offerta e che le istituzioni e l'imprenditoria devono assecondarlo "con/formandolo", dandogli cio la forma e la sostanza di prodotti diversi per pubblici diversi, se non si agisce in tal senso annoteremo per molto tempo ancora cali preoccupanti di flussi turistici.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news