LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Tombaroli high-tech, recuperati 24mila reperti
SARA GRATTOGGI
La Repubblica 05/09/2013, pagina 13 sezione ROMA



UN ANNO fa, nel luglio 2012, avevano sventato il saccheggio della stipe votiva di Pantanacci, a Lanuvio, che ha rivelato ex voto senza eguali. E nei giorni scorsi le fiamme gialle del gruppo Tutela patrimonio archeologico di Roma hanno salvato dal saccheggio dei tombaroli un' altra area archeologica finora mai indagata a poche centinaia di metri, probabilmente collegata al vicino santuario di Giunone Sospita (la Salvatrice), recuperando migliaia di reperti di et tardo-repubblicana e imperiale. Nell' area portata alla luce sono stati rinvenuti, infatti, pi di 24mila frammenti di terracotta, fra cui parti di statuette ex voto simili a quelle trovate a Pantanacci, alcune sezioni di statue marmoree (fra cui spicca un pregiato torso maschile), cinque elementi architettonici in marmo, monetee strutture di edifici di et romana. Il sito archeologico appena scoperto era probabilmente una statio, un' area di sosta per i fedeli diretti al santuario di Giunone Sospita spiega il maggiore Massimo Rossi, comandante del gruppo Tutela patrimonio archeologico. I reperti ritrovati, prosegue Rossi, saranno destinati alla fruizione pubblica nel sistema museale del territorio. Nel corso dell' operazione - ribattezzata "Giunone' ' - la Guardia di finanza ha rinvenuto anche componenti elettronici, fra cui un sofisticato metal detector e apparecchi ricetrasmittenti, e utensili utilizzati per lo scavo clandestino. E ha sequestrato il fondo agricolo interessato dallo scavo, di circa 17 mila metri quadrati, dove sono state trovate strutture murarie monumentali in opus reticulatum e incertum risalenti all' epoca tardo-repubblicana e imperiale, riportate alla luce dai tombaroli e subito messe in sicurezza dai militari. All' interessante scoperta si giunti in seguito agli accertamenti svolti nel corso di quattro distinte operazioni - dirette e coordinate dalle procure di Roma e di Velletri - che, nei mesi scorsi, avevano portato al sequestro di oltre 500 opere e alla denuncia di cinque persone, tutte italiane. Per quanto riguarda invece il nuovo scavo clandestino, tre persone sono state denunciate. La Soprintendenza per i Beni archeologici del Lazio - che l' inverno scorso ha condotto la campagna di scavi nella stipe di Pantanacci insieme all' universit La Sapienza - ha attribuito grande rilevanza scientifica al sito e ai reperti sequestrati, sia per la loro importanza intrinseca, legata allo stato di conservazione e alle dimensioni, sia per la loro vicinanza al santuario e alla stipe votiva a esso collegata spiega Rossi. probabile, dunque, che l' area venga sottoposta nei prossimi mesi, fondi permettendo, a uno scavo scientifico come quello che ha interessato la stipe di Pantanacci.



news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news