LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I giovani e l’arte. L’ultima moda: andare per mostre con la fidanzata
Pia Capelli
Libero




L’arte è diventata glamour. Andar per mostre non è solo istruttivo: è trendy. Si fa con la famiglia (nel fine settimana), con gli amici (la sera dopo l'aperitivo), con la fidanzata (a notte fonda).
Dall'uovo di Pasqua è uscito, rinforzato, il trend positivo del turismo culturale in Italia. Il boom di ingressi nei musei e nelle aree archeologiche durante il weekend di festa appena trascorso ha messo in evidenza una nuova inclinazione non soltanto modaiola, ma sociale: l'arte fa tendenza.
La gita artistica è sempre più in voga. Da una parte, lusinga i cultori delle tradizioni nostrane, proponendo spesso assieme al biglietto d'ingresso golosi "pacchetti' eno-gastronomici nelleregionid'italia. Dall'altra, solletica la nostra solita esterofilia portandoci sotto casa le collezioni dei grandi musei mondiali: a Roma il Guggenheim di New York, a Bergamo l'Orangerìe parigina, a Milano il Liechtenstein Museum di Vienna.
Ma c'è di più: l'arte piace ai giovani. Tra un loden e un tailleur, chi si muove per musei incrocia sempre più spesso ombelichi scoperti, zainetti penduli, teste che si muovono al ritmo digitale del loro I- Pod. Sono i ventenni alla scoperta delle bellezze d'Italia. I ragazzi che una generazione fa portavano cervelli e ormoni soltanto in piazza o in birreria, oggi si organizzano in piccoli gruppi e scelgono Monet, Munch, Canaletto.
Cos'è successo? È successo che l'arte si è rifatta il look, ha abbandonato gli snobismi per pochi eletti e si è scossa via la polvere dal bavero. Le mostre sono sempre più numerose, sempre meglio pubblicizzate. La comunicazione degli eventi d'arte, sia antica che contemporanea, è spesso affidata a giovani p.r. trentenni, e anche l'età dei curatori sta progressivamente scendendo. Gli allestimenti ad hoc sono firmati da grandi designer, le luci sono piccoli capolavori di illuminotecnica (ricordate gli antichi, diabolici faretti che sparavano negli occhi da qualunque punto della sala? Quasi estinti, grazie al cielo).
I bookshop offrono una gradita oasi di shopping a fine percorso, e il merchandising (scusate gli inglesismi, ma è questo il trend, appunto) si allarga: dal catalogo e dal quadernino si è passati all'abbigliamento futurista, all'orologio daliniano, al cioccolatino impressionista. Fino ai video di ultima generazione che applicano l'animazione in 3D alle opere d’arte. Compratissimi.
È successo che, fiutato l'affare, anche i politici si sono svegliati. Capito che l'arte fa tendenza (e porta acqua, cioè visibilità, ai mulini delle loro amministrazioni), foraggiano concorsi, patrocinano rassegne, si garantiscono curatori best-seller, concedono nuovi spazi e si fanno elastici su orari d'apertura e iniziative collaterali: a Treviso già due anni fa si è tenuta una due giorni no-stop per la chiusura di Van Gogh (con centinaia di visitatori tra la mezzanotte e l'alba); a Brescia quest'anno è stata pedonalizzata via dei Musei (dove in questi ultimi weekend di Monet le code d'attesa sono alleviate da artisti di strada, pasticceri e spettacoli pirotecnici); a Stupinigi (Torino) sono state restaurate e aperte alle esposizioni due ali della reggia Savoia finora frequentate solo dai rapinatori. Internet, dal canto suo, dà la possibilità di prenotare le visite online e offre delle preview virtuali (ormai ogni mostra ha il suo sito), avvicinando le fasce più tecnologiche.
Succede poi che anche la letteratura e il cinema internazionale, ambientando sempre più spesso grandi thriller proprio tra i capolavori dell'arte italiana - Dan Brown a Roma, Julia Navarro a Torino, John Grisham a Bologna - contribuiscono ad invogliare i giovani lettori-viaggiatori (sono ormai decine le agenzie che propongono tour capitolini "a tema").
L'Italia dell'arte scopre così di avere un nuovo pubblico. Che sarà sempre più numeroso ed esigente, perché ora i piccoli vengono "coltivali" sin dalle elementari: non c'è mostra che non preveda guide didattiche per gli under 12, laboratori teatrali o addirittura visite guidate in costume. I bimbi di oggi sono i ventenni di domani: oggi con la maestra, domani con la fidanzata.
Ci abitueremo allora a girare per mostre in mezzo a coppiette "a vita bassa", piercing estremi e creste colorate. Impareremo (come ha già fatto chi scrive) a goderci incisioni, marmi ed arazzi dei palazzi romani, per esempio, mentre accanto a noi tante vocette prepuberi sbottano, entusiaste: «ahò, ma è fìchissimo!».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news