LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MALI CULTURALI Gesso del grande artista perduto per sempre Il Canova in frantumi per una mostra inutile
di Tomaso Montanari
"Il Fatto Quotidiano", 5 settembre 2013



Luccisione di Priamo distrutta mentre veniva staccata dalla sua parete allAccademia di Perugia per essere trasportata ed esibta in una trascurabile rassegna ad Assisi. Un caso che ripropone i pericoli legati allo sfruttamento commerciale dei capolavori


Luccisione di Priamo di Antonio Canova prima (a sinistra) e dopo (a destra) il disastro avvenuto a Perugia nei giorni scorsi


DISTRUTTO PER SEMPRE IL GESSO DI CANOVA IN UNA MOSTRA INUTILE
DOVEVA ESSERE TRASPORTATO DA PERUGIA AD ASSISI IN UNESPOSIZIONE DELLA FONDAZIONE DI GALAN, LA STESSA CHE US LE OPERE DEL MAESTRO COME SPOT PER LA LINGERIE


Prima o poi doveva succedere: il mostrificio italico ha fatto una vittima illustre. Il 2 agosto un bassorilievo in gesso di Antonio Canova stato staccato dal muro dell'Accademia d'Arte di Perugia per essere spedito a soli 24 chilometri di distanza, a una trascurabile mostra di Assisi intitolata semplicemente Canova. Loperazione, affidata alla ditta di trasporti Alessandro Maggi di Pietrasanta, stata fatale: il gesso, cadendo, si ridotto in mille pezzi. E non c' restauro che tenga.
Lopera era uno dei pochi esemplari noti dell'Uccisione di Priamo, episodio omerico che insieme ad altre famose scene della letteratura classica ispirarono a Canova una delle sue pi celebri serie di bassorilievi. Proprio come il bronzo, il gesso consente di moltiplicare gli originali, e in questi casi l'importanza dell'esemplare legata alle circostanze della creazione: e quello di Perugia aveva tutte le carte in regola, perch era stato donato all'Accademia dagli eredi dello stesso Canova. Lassicurazione dovrebbe ripagare 700.000 euro. Magra consolazione: la nostra generazione ha distrutto qualcosa di unico e irripetibile, che non passeremo ai nostri figli.
Delitto nel delitto, su questo episodio clamoroso scesa una coltre di silenzio: la notizia non riuscita a evadere da scarne cronache locali, e i grandi giornali (che vivono anche del business delle mostre) si sono ben guardati dal raccontare il disastro perugino. N il sito dell'Accademia n quello del ministero per i Beni Culturali ne danno notizia. L'unico che ha messo il dito nella piaga lo storico dell'arte Francesco Federico Mancini, in una bella intervista al Corriere dell'Umbria. Mancini chiarisce assai bene la costellazione strumentale e commerciale sotto la quale nata la mostra che all'origine di quella che definisce una gravissima perdita per il nostro patrimonio che suscita sconcerto e indignazione.
La mostra di Assisi una specie di franchising della Gipsoteca Canoviana di Possagno, l'istituzione che raccoglie l'eredit dell'artista, e che oggi stata trasformata in una fondazione, e dunque immancabilmente cannibalizzata dalla politica. Il suo presidente, infatti, il solito Giancarlo Galan, l'ex ministro pdl per i Beni Culturali il cui consigliere saccheggi la Biblioteca dei Girolamini a Napoli. Il rapporto culturale tra Galan e Canova ben chiarito dalla scelta di far realizzare (nel novembre 2012) un catalogo di Intimissimi nella Gipsoteca: una galleria fotografica in cui tombe papali, santi e eroi classici servono a vendere mutande e reggicalze. Una scelta benedetta dall'allora sottosegretario ai Beni Culturali Roberto Cecchi (governo Monti), il quale dichiar sottilmente che economia e cultura sono un tutt'uno, non a caso siamo il Bel Paese.
La mostra di Assisi l'esatta attuazione di questa linea: non ha un progetto scientifico (anche se ha un comitato che vanta direttori generali Mibac e soprintendenti: i quali forse dovrebbero lasciarlo, visto il tragico epilogo), non ha una linea culturale. un'antologica da cassetta che sarebbe giustificata dal fatto che il fratello di Canova aveva possedimenti in Umbria: parole incredibili, ma vere, del direttore artistico culturale di Perugia-Assisi 2019, che il carrozzone di una delle quasi venti candidature italiane a capitale della cultura europea nel 2019. Un direttore (meraviglia nella meraviglia) che il critico letterario Arnaldo Colasanti, noto ai pi per aver condotto un'edizione di Uno Mattina Estate.
Proprio il tandem europeo Perugia-Assisi il motivo per cui la mostra di Canova (invece di svolgersi semmai all'Accademia di Perugia, dove avrebbe avuto pi senso e pi sicurezza) stata programmata ad Assisi: dando la stura a un coro di esilaranti scempiaggini, come quella (avanzata dal direttore della sventurata Accademia perugina) sulle affinit armoniche tra le forme neoclassiche di Canova e i versi medioevali di San Francesco.
Ma c' poco da ridere: i cocci del rilievo di Canova ci ricordano che il mostrificio politico-commerciale in servizio permanente-effettivo non mette a rischio solo la funzione civile e culturale del patrimonio. Ne minaccia la stessa sopravvivenza materiale. Il Mibac diretto da Massimo Bray ha stoppato la terrificante mostra di Roma Barocca prevista a Pechino e annullato l'esibizione commerciale del San Giovannino di Michelangelo alla Galleria Borghese. Ma tutto il sistema a dover essere profondamente innovato. E non il caso di aspettare altri cocci.



news

18-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news