LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pubblico o Privato? Questo il problema (ormai da anni)
Lara Gennari
Tafter.it,20-8-2013

Il 30 luglio scorso, stato sospeso il bando europeo di aggiudicazione della concessione di servizi relativi allarea archeologica romana del Teatro di Marcello, offrendoci nuovamente lo spunto per approfondire lannosa questione sullaffidamento al privato del patrimonio culturale Italiano.
Sono anni che gli esperti sinterrogano riguardo leticit di interventi privati nella gestione del nostro patrimonio.

Il punto di partenza fu nel 1993 la legge Ronchey, che prevedeva la concessione dei servizi aggiuntivi museali a istituti privati. Lassegnazione, della durata massima quinquennale, sarebbe stata aggiudicata alla migliore offerta dal punto di vista qualitativo ed economicamente pi vantaggiosa, o meglio, a maggiore canone di locazione e di percentuale versata al Ministero dei Beni Culturali sulle vendite effettuate. La legge stabiliva che sarebbero stati a carico del concessionario gli oneri di allestimento, di realizzazione ed erogazione di servizi e prodotti di vendita, i quali avrebbero dovuto seguire rigidi canoni stabiliti dalle Sovrintendenze; qualora fossero disattese le specifiche in termini di tempistiche o di qualit, vi sarebbe stato il decadimento della concessione e il versamento di un compenso.
Dopo il primo slancio della fine degli anni 90 e laggiudicazione delle prime grandi concessioni presso aree archeologiche e museali illustri, tra cui il Colosseo e Pompei, non si sono raggiunti i risultati attesi, perdendo nel tempo il controllo anche sulle concessioni gi accordate e determinando un clima dincertezza per le poche imprese private che operano nel settore.
In un periodo di tagli alla spesa pubblica, e ai beni culturali, necessario lavvio di Partenariato Pubblico Privato per la tutela del patrimonio Italiano, che ormai lo Stato non solo non riesce a valorizzare, ma non in grado nemmeno di mantenere.
Gli strumenti per questa finalit sono molti, dalla concessione di servizi, che come gi illustrato, grazie allintervento dei privati, dei loro fondi e del loro spirito imprenditoriale riuscirebbero a rendere lofferta culturale pi appetibile e la gestione dei siti economicamente sostenibile.

Un altro strumento, il Project Financing che prevedrebbe la realizzazione di grandi restauri a carico di privati in cambio della concessione di gestione del sito e dei relativi proventi per un numero stabilito di anni, al termine dei quali il bene ritornerebbe allo Stato restaurato e gi avviato ad attivit in grado di garantirne la sostenibilit economica.
Nel Partenariato il Pubblico deve ricoprire il ruolo di garante della tutela del bene, della qualit delle opere e delleticit dei servizi; mentre il privato portatore di fondi e di know-how imprenditoriale finalizzato alla valorizzazione e alla sostenibilit economica del patrimonio.

Il mondo anglosassone, gi dagli anni 80, vede nel contributo dellimprenditoria privata un ruolo cardine nella gestione dei siti culturali. Laddove la gestione dei servizi aggiuntivi ai musei erogata in collaborazione con i privati si guadagnato sia in qualit sia in redditivit, si veda la capacit dei musei Inglesi e Americani, Tate e Guggenheim in primis, di sviluppare il ramo del merchandising tanto da aver aperto shop on-line nei siti internet istituzionali. Grazie allo sviluppo delle attivit museali collaterali, sono riusciti ad ottenere la fidelizzazione del pubblico, dati provano che delle circa 4.500.000 persone/anno della Tate Modern i due terzi sono inglesi, potendo cos contare non solo sul passaggio dei turisti, ma sulla presenza costante di pubblico locale.
La diatriba sulla gestione Pubblica o Privata del patrimonio culturale Italiano un argomento che deve essere superato, oggi la necessit di iniziare la collaborazione per salvare il patrimonio che man mano si sta irrimediabilmente perdendo, e puntare a renderlo economicamente sostenibile e redditizio in modo che possa diventare punto di partenza per lo sviluppo dellintero Paese.

http://www.tafter.it/2013/08/20/pubblico-o-privato-questo-e-il-problema-ormai-da-anni/


news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news