LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei sommersi Cos i tesori in fondo al mare stregano i turisti dello snorkeling
SONIA GIOIA
La Repubblica 28/08/2013, pagina 15 sezione BARI

Storie di scambi commerciali lungo le sponde del Mediterraneo, storie d'arte e di naufragi, di giganti del mare mai arrivati a destinazione. Ma anche storia della terra che muta aspetto modellata dai movimenti della crosta terrestre, lasciando emergere relitti sepolti per secoli.

Gli amanti delle storie del mare possono trovare in Puglia la meta, passeggiando fra i musei archeologici dove sono custoditi i reperti affiorati oppure avventurandosi nei fondali dove giacciono tesori ancora tutti da esplorare.

Il viaggio pu cominciare dall'estremo nord della regione, dalle isole Tremiti per esempio, al largo delle quali si trova il glorioso "Lombardo", il battello a vapore che col "Piemonte" trasbord i Mille di Garibaldi nella spedizione del 1860e che, quattro anni dopo quella missione eroica per l'unit d'Italia, fu vinta dalla tempesta al largo delle isole care a Lucio Dalla mentre trasportava cavallie detenuti a Manfredonia. Oppure dall'estremo sud, da Porto Cesareo, nell'area marina protetta dove si trovano "le colonne in marmo cipollino provenienti dalla penisola ellenica, destinati a Roma dove venivano usati per i vari programmi monumentali come quelli voluti dall'imperatore Adriano", spiega Rita Auriemma, docente di Archeologia subacquea dei p a e s a g g i c o s t i e r i presso la facolt di Beni culturali dell'Universit del Salento. All'quipe guidata dalla docente dell'ateneo leccese si deve la Carta archeologica subacquea della Puglia meridionale (anche online sul sito www.arcgis.com), realizzata con la Soprintendenza dei beni archeologici, dove sono indicate ben 650 evidenze sommerse, beni recuperati che sono nei musei, nei depositi, ma anche in collezioni private. Pi su, sul litorale tarantino, a pochissima distanza dalla spiaggia di San Pietro in Bevagna si trovano invece le cosiddette "vasche del re", 23 sarcofagi romani in marmo grezzo risalenti al 150-250 d.C. Questi straordinari reperti giaccionoa circa cinque metri di profondit, il marmo cristallino in cui sono scolpiti di origine greca, proveniente dalle cave dell'isola di Taso. Anche in questo caso si tratta di una imbarcazione travolta dai marosi, il cui carico sversandosi ha giaciuto sott'acqua per secoli, laddove ancora si trova. Cos come i due moli del porto romano di Egnazia, voluto da Agrippa, grande ammiraglio di Augusto, "oggi a due metri e mezzo sotto il livello del mare", spiega Auriemma, "evidentemente, per assolvere alla loro funzione queste strutture dovevano essere emerse, il che significa non soltanto che aumentata la massa d'acqua per effetto dello scioglimento dei ghiacciai, ma anche dei movimenti della crosta terrestre. Proiettare questi dati nel futuro significa essere in grado di calcolare i tassi di innalzamento del livello del mare per i prossimi cinquanta e cento anni".

Se vero che sono le ricerche sistematiche a scongiurare che i relitti rimangano all'oscuro delle profondit marine, vero anche che molti dei tesori riemersi sono frutto di rinvenimenti casuali.

Come la scoperta fatta dal maggiore dei carabinieri Luigi Robusto nel 1992. Nel corso di una immersione il militare avvist nelle acque di Punta del Serrone quello che parve in prima battuta un cadavere: era invece una statua in bronzo, raffigurante secondo gli studiosi il console romano Lucio Emilio Paolo, vincitore della guerra di Macedonia nel 168 avanti Cristo. uno dei bronzi custoditi nelle stanze del Mapri, il museo provinciale Ribezzo diretto da Emilia Mannozzi, dove si trova anche una fedele riproduzione di una imbarcazione mercantile di et romana in dimensioni reali, una nave oneraria con tanto di carico (autentico) deposto nella stiva con le anfore per il trasporto dell'olio e del vino.

Ma in fondo al mare, laddove hanno giaciuto per secoli, che i relitti devono restare. Ne sono persuasi i cacciatori dei tesori perduti che alla archeologia hanno dedicato una vita di studi, come Giuliano Volpe, docente di Archeologia cristiana e medievale presso l'Universit di Foggia: "La priorit che il bene rimanga nel contesto d'origine, dove pienamente leggibile e comprensibile. Il legno impatta contro il fondo, le anfore si spargono sul fondale ma rimangono in una posizione vicina a quello dello stivaggi. La nave ha concluso la sua storia l ed solo l che si pu comprendere appieno". il paesaggio subacqueo che si fa museo. Risultato, 5mila presenze in pi, il territorio che cresce, grazie ai tesori del mare.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news