LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo, così rinasce l'antico Porticus
Raffaella Troili
Messaggero, Roma, 29/3/2005

Fanno su e giù tutti gli strati di Roma, tornano a galla dall'antichità, prepotenti come l'asfalto e le opere che li ricoprirono. E continuano a vivere, testimoni immortali della città e della sua storia. Camminiamo su strade che nascondono altre strade. Spesso basta solo decidere di rivederle, e loro sono lì, intatte da secoli. Il Porticus che circondava il Colosseo è ancora là sotto. E presto lo rivedremo. Fa parte di una serie di collegamenti mai messi in evidenza, che portavano all'Anfiteatro. Ora al I Municipio - che interverrà per ripavimentare il piazzale del Colosseo, dov'è la fermata della metro- la Soprintendenza archeologica di Roma ha chiesto di fare una prima ricerca. Spiega Rossella Rea, archeologa della Soprintendenza di Roma: «Abbiamo concordato alcuni piccoli sondaggi archeologici lungo il marciapiedi che va dalla metropolitana alla Domus Aurea, per verificare le condizioni del basolato che c'era nell'antichità. E per valutare se la profondità del percorso è compatibile con l'attuale percorrenza pedonale».
Roma torna già a galla, basta chiudere gli occhi. «Perché tutto il Colosseo - spiega l'archeologa - già in età Flavia era circondato da un portico su tre lati. Dalla parte del Celio si presumono ma non si conoscono resti; dal lato del Labicano i resti sono visibili, inglobati nei bagni che il Comune fece negli anni '60. Quelli sotto Colle Oppio sono tutt' ora visibili: mentre il retro del portico, i pilastri terminali stanno ancora sotto la strada, dove passano le macchine. In origine si trattava di un grosso portico con alle spalle le botteghe e davanti il Colosseo, per terra si stendeva il basolato fino all'Anfiteatro. Siamo sicuri dell'assetto, i resti sono stati trovati e ricoperti in più riprese, il grosso nel 1895, poi anche negli anni '30. Avevamo la curiosità di vedere se si è conservato qualcosa e se sta a una quota compatibile col passaggio pedonale».
La Soprintendenza è abbastanza tranquilla. «Il porticus potrebbe essere a 30-40 centimetri sotto il livello stradale -ancora Rossella Rea - la zona interessata va dal parcheggio taxi di piazza del Colosseo fino all'inizio di via Nicola Salvi, si tratta di circa 200 metri da riportare alla luce. Successivamente ai sondaggi del I Municipio, converrà riportare tutto alla luce del sole, per dare all'area del Colosseo un assetto monumentale che ora non ha».
La nuova pavimentazione su piazza del Colosseo l'antica strada fin sotto Colle Oppio contribuiranno a valorizzare
una delle aree più affollate dai turisti. «In programma c'è la sistemazione complessiva della zona Colosseo, un secondo passo in tal senso sarà quello di estendere l'intervento verso Colle Oppio, per farne un'area verde monumentale. Ora i ruderi emergono tra cespugli e degrado».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news