LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capalbio, Lago Acquato. Nove buche sul lago
Vittorio Emiliani
L'Unit 21/8/2013

Campi da golf e villette a stella: un agrialbergo minaccia lintera collina, con oliveti e vigneti di gran pregio, in un paesaggio rimasto intatto. Il nodo nazionale del Codice per il Paesaggio.


Due richieste di soccorso immediato, assillante. Sulla collina di Capalbio (Grosseto) in una zona interna della Maremma del tutto integra, sul Lago Aquato, vicino a vigneti pregio, in vista della montagna di Monteti, stanno cercando di paracadutare 6.000 metri cubi, circa 2.000 metri quadrati, di villette a stella, del tutto estranee al tessuto locale, con laggravante di un golf a 9 buche che pomper acqua a tutto spiano (in unarea tra le meno piovose dItalia) ed esiger per il green trattamenti continui a base di diserbanti e pesticidi destinati a finire in falda. In Sardegna il centrodestra sta per smontare definitivamente lottimo impianto dei piani paesaggistici voluto da Renato Soru nel 2006 e realizzato da una equipe di valenti urbanisti coordinati da Edoardo Salzano. Il solo piano paesaggistico completo elaborato e votato da una Regione in base alle linee del Codice per il paesaggio Urbani/Rutelli.
I paesaggi italiani cos diversi fra loro e cos straordinari sono da anni aggrediti, manomessi, minacciati di nuovi scempi. Ma se ne parla poco, quasi niente. Forse perch i privati non si possono presentarsi come i salvifici finanziatori di restauri e recuperi e magari come i gestori non meno magici. I paesaggi, cosa volete, non rendono, non fruttano profitti. Anzi ne fruttano di immediati se li si cementifica. Salvo perderli per sempre, sintende.
Il caso di Capalbio grave perch investe una zona che, pur manomessa in qualche punto, mantiene ancora una integrit, avendo come rifatto in parte il proprio paesaggio agrario dopo la riforma Medici-Segni sviluppando oliveti e vigneti di gran pregio e avendo mantenuto macchie mediterranee e boschi demaniali imponenti. Dai quali affiorano borghi storici da preservare. Questo agrialbergo senza agricoltura, se non una piccola vigna, si presenta come una delle tante lottizzazioni tentate o realizzate in Maremma. Il Comune al quale una insensata legge regionale partecipazionista sub-delega la tutela del paesaggio si barcamena. Per contro lassessore regionale allUrbanistica, larchitetto Anna Marson, in una intervista del 9 agosto al Tirreno ha garantito, sulla base di schede rigorose messe a disposizione di Comuni e Soprintendenze, un piano con regole pi stringenti e pi chiare che porter in giunta per votarlo entro settembre e poi in consiglio. I contrasti, c da immaginarlo, saranno durissimi. Intanto, entro il 2 settembre deve definire le proprie osservazioni al progetto di agrialbergo con golf di Capalbio presentato dalla societ G&T.
Per sollecitare Regione Toscana, Provincia di Grosseto, Comune di Capalbio, la Rete dei Comitati per la difesa del territorio, presieduta da Alberto Asor Rosa, il Comitato per la Bellezza (firmatario fra gli altri Vezio De Lucia) e il Comitato Terra di Maremma (Valentino e Corinna Podest) hanno inviato ieri un dettagliato documento di opposizione rilevando una fitta serie di scontri frontali del progetto coi piani urbanistici vigenti, locali e regionali. I Comitati propongono invece interventi accurati per rinaturalizzare la zona umida del Lago Acquato preziosa per le specie migratorie e che il golf o anche la sola lottizzazione sconvolgerebbero. Un golf a 9 buche, per dire, consumerebbe ogni giorno una quantit dacqua vicina a quella che occorre quotidianamente per lintero Comune di Capalbio. E si sa che le disponibilit dellacquedotto del Fiora non sono enormi.
Unaltra storia di sgoverno dellurbanistica e del paesaggio che viene avanti anche in quella Toscana che ha nei suoi paesaggi agrari e naturali una risorsa ammirata in tutto il mondo, tanto da divenire residenza stabile di tanti stranieri. Il ministro Massimo Bray ha insediato una commissione per laggiornamento del Codice per il Paesaggio presieduta da Salvatore Settis che di quel Codice stato lispiratore. Benissimo. Purtroppo nei vari decreti del governo Letta rispuntano semplificazioni che vanno in direzione opposta. Ci vuole una volont politica coerente. I soli denari (ma neanche tanti) necessari devono servire a ricostituire i quadri delle Soprintendenze ai Beni Architettonici, della tutela attiva, diretta, letteralmente spolpati fino allosso. Ma non sarebbero poi moltissimi, ripeto, se una parte dei quadri venissero ripresi dalle Direzioni generali regionali che sono da ricondurre seccamente a compiti di mero coordinamento).
Oggi come oggi, a cinque anni dal Codice Rutelli (che molto opportunamente aggiornava le precedenti versioni) il quadro allarmante. Secondo Maria Pia Guermandi, autrice con Vezio De Lucia, di un primo Rapporto in materia, al 2012 nessuna delle Regioni si dotata di un piano paesaggistico conforme al Codice stesso, un terzo risulta in uno stadio iniziale o addirittura non ha ancora attivato liter di co-pianificazione. Nulla si sa poi dellOsservatorio nazionale del Paesaggio. Mi auguro che qualcosa si sia mosso in questi ultimi mesi. Ci vuol altro decisionismo di fronte allaggressivit delle lobby immobiliari che hanno fatto strage ovunque e che ancora spacciano ledilizia come la leva (figuriamoci) per far ripartire la macchina. La sola filiera della vite e del vino occupa molto pi personale di unedilizia che va riconvertita per recupero, ristrutturazione, restauro dellesistente avendo noi accumulato un numero di vani pi che doppio rispetto ai 60 milioni di italiani.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news