LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"L’Alta Murgia spietrata si trasformerà in deserto' '
Giuliano Foschini
29/03/2005, La Repubblica, ed. Bari



LA STEPPA non esiste più. Il deserto della Murgia oggi è una distesa di quasi cinquantamila ettari, macchie bianche e gialle, un po' pietra e un po' grano, dove un tempo c'erano i falchi grillai e ora spuntano i trattori. L'antico terreno brullo, quelli che erano i pascoli tra i più belli d'Italia, si sono trasformati per i registri dell'Unione europea in un'enorme distesa di campi cerealicoli. Coltivazioni che tra qualche anno, secondo i geologi, di questo passo si trasformeranno in deserto. Per colpa dello spietramento. Da anni i proprie-tari dei terreni stanno distruggendo tutto quello che spunta dalla terra. Arrivano con le macchine e lavorano profondamente il terreno. In pratica, frantumano tutte le rocce preesistenti per rendere redditiziquei terreni abbandonati.
In questa maniera i proprietari dei fondi coltivano grano. Ma ricevono soprattutto fondi da Bruxelles. L'Unione europea promette e stanzia denaro a chi trasforma i pascoli in terreni seminativi. Un affare di milioni di euro. Un business che qui nella Murgia si sta trasformando in un disastro ecologico.
Secondo i geologi (che hanno depositato relazioni dettagliate alle associazioni ambientaliste, ma anche alla Procura della Repubblica) per «effetto del dilavamento delle piogge e dell'erosione dovuta ai venti, non più contrastato dagli apparati radicali della vegetazione spontanea, quei terreni sono destinati alla desertificazione». In sostanza: non essendoci quasi più le pietre o la vegetazione spontanea, la maggior parte della Murgia è destinata a diventare completamente arida.Deserto,appunto.Una volta coltivati, i terreni perdono la propria fertilità non potendo essere sottoposti alla tradizionale rotazione di culture. Il loro destino è l'abbandono. Il fenomeno dello spietramento sulla Murgia — come testimoniato anche da molte fotografie aeree — è molto diffuso. Dei circa 90mila ettari dell'area, 60mila sono costituiti da pascoli rocciosi, cespugliati, arborati e garighe. Antonio Savasta, sostituto procuratore del tribunale di Trani, parla di circa «cinquantamila ettari della Murgia spietrati»censi-ti dal comando provinciale dela Guardia di finanza. Quasi il 90 per cento dei pascoli, dunque, non esisterebbe più. Anche per questo lo spietramento è diventato un caso giudiziario.
Da qualche mese il pm Savasta sta indagando sul fenomeno. Nel luglio scorso scattarono i primi sequestri: 55 ettari di terreni fra Ruvo e Corato furono messi sotto sigilli proprio perché spietrati. Ora l'inchiesta si è allargata
a macchia d'olio e ha coinvolto un centinaio di persone. Alla base dell'azione della magistratura c'è una sentenza del febbraio 2004 della Cassazione che ha sancito l'illegittimità di «tutti gli interventi dell'uomo che mirano a stravolgere l'ecosistema preesistente nei territori sottoposti ai vincoli delle zps, le zone di protezione speciale».
Come spiega Piero Castoro, presidente del centro studi Torre di Nebbia, «lo spietramento insieme con altre attività dell'uomo stanno mettendo a serio rischio il falco grillaio, la specie protetta per la quale è stata istituita la zps Murgia Alta». Il realtà la zps della Murgia al momento è molto traballante. E lo spietramento non ha colpe. La conferenza Stato-Regioni ha appena espresso parere favorevole alla cancellazione del decreto con il quale nel 1996 si definì la tutela dell'area. Se il ministro dell'Ambiente, Altero Matteoli, ratificherà (come appare certo) la volontà della conferenza, potrebbero annullarsi tutte le azioni penali mosse dalla magistratura in questi anni per salvare la Murgia. Da questa «deregulation» — come la definiscono gli ambientalisti— rimarrebbe però fuori il Parco, che ha norme a sé.
I magistrati non sembrano preoccuparsi. Alla luce anche di un possibile ricorso alla Corte europea, continuano a monitorare la situazione. Che, come nel caso dello spietramento, ha molti aspetti. C'è lo scempio ambientale, ma esiste anche la speculazione economica: molte delle pietre recuperate dai campivengono per esempio vendute a caro prezzo. I trulli ' artificiali o i muretti a secco caratteristici di queste zone sono un must nelle ville della Brianza. Il dissesto idrogeologico provocato dall'azione dell'uomo rende però anche il I territorio vulnerabile a piene e inondazioni.
Ci potrebbe essere pericolo per la gente. «L'aspetto carsico è stato ormai completamente modificato, da anni è in corso un depauperamento del suolo giunto ormai nella sua fase terminale» spiega, Nicola Amenduni, storico componente del comitato promotore del Parco dell'Alta Murgia e ora uno dei papabili per un posto nel consiglio di amministrazione della comunità del Parco. «Venendo meno la carsicità, c'è un condizionamento enorme della flora e dalla fauna. La Murgia sta perdendo la sua specificità». In tanti si pongono il problema sviluppo. In tanti pensano al Parco. «Abbiamo tanto voluto il Parco — spiega Amenduni—per realizzare un sistema di sviluppo compatibile per fare venire nelle nostre terre turisti da tutta Italia. Andando avanti di questo passo li ospiteremo nel deserto».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news