LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Non strangolate i negozi storici di Firenze»
Osvaldo Sabato
La Repubblica, ed. Firenze, 25/03/2005

Il Comune lancia un appello alle grandi proprietà: «Sono un patrimonio di tutti, potremmo vincolarli»


FIRENZE È la legge del mercato degli affitti a farla da padrone. Il loro costo lievita e mette a rischio il futuro dei teatri, cinema, librerie e tutte le altre attività commerciali, che hanno fatto la storia di Firenze.

Sembra un film già visto. Marchi storici: come la libreria Seeber, ricomparsa dove c'era il cinema Excelsior, o la famosa Farmacia Inglese di via Tornabuoni, hanno dovuto lasciare il passo a famose griffe di moda. Ora a quanto pare lo stesso destino attende i due caffè storici di piazza della Repubblica, Gilli e Paszkowski. Che fare? «Possiamo vincolarne le destinazioni come i cinema anche se per i negozi storici è un po' più difficile» commenta l'assessore all'urbanistica Gianni Biagi, dopo averne parlato con la soprintendente ai Beni storici e architettonici, Paola Grifoni. «Noi abbiamo questa norma sulle destinazioni di uso dei cinema» ricorda Biagi, che prevede ampliamenti tali da garantire «anche altre attività e non solo quelle di cinema». Certo è, che si pone con forza la questione del riuso di questi edifici, il loro rapporto con la città, consolidato nel corso dei decenni.

Come dire che la trasformazione del Goldoni a garage non sarebbe possibile, come ipotizzato dalla proprietà. Per il presidente della commissione urbanistica Alberto Formigli: «I valori dell'avviamento commerciale degli immobili a Firenze hanno moltiplicatori che rispetto al peso delle tasse comunali non hanno senso». Detto questo resta però il problema politico su come salvaguardare i caffè storici, e non solo. Perché a quanto pare non sembrano sufficienti le varie norme che tutelano i manufatti edilizi e gli arredi «vediamo se si possono estendere anche a questi locali come i bar storici le normative che stiamo sperimentando sui cinema» aggiunge l'assessore Biagi. Ma la faccia della stessa medaglia può essere letta in un altro modo: «Penso però che in questi casi ci sia una esigenza di tutti, e quindi anche della proprietà immobiliare, di farsi carico della esistenza di questi locali» sintetizza Biagi che non esita a lanciare un appello: «È necessario che anche i proprietari facciano la loro parte per tutelare l'interesse pubblico generale del mantenimento di questa attività» premette Biagi prima di essere ancora più chiaro: se la complessità e la qualità della città deve essere un bene collettivo non può essere scaricato solo sull'amministrazione specie quando a spingere verso la chiusura come nel caso di Gelli e Paskzkowski è l'allarme affitti alti voluti dalla Fondiaria di Ligresti proprietaria del palazzo dove al piano terra si trovano i due bar. Che fine ha fatto il legame fra la città e la Fondiaria? Sembra chiedersi Biagi. «Firenze rischia di veder disintegrato quel patrimonio fondamentale per la propria economia, ma anche per la propria immagine, rappresentato dai locali storici, se non ci si attiva subito per delineare un progetto di legge che ne porti ad una concreta tutela» denuncia il presidente della Federazione Pubblici Esercizi di Firenze, Aldo Cursano. Per evitare il rincaro progressivo degli affitti servirebbe un'azione decisa congiunta del Comune, Regione e Governo. A maggio scade il contratto di locazione di Gilli e a giugno del 2006 quello di Paskzowski. In attesa della scadenza è stato già comunicato ai titolari dei due caffé il raddoppio del costo degli affitti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news