LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura, credito dimposta da 90 milioni
- 5 agosto 2013 - (Fonte: Il Sole 24 Ore)




Un nuovo credito dimposta per la musica e la stabilizzazione senza scadenza degli incentivi fiscali per il cinema, ripristinando il tetto annuo dei 90 milioni. Il Governo ha dedicato il titolo II del decreto Valore cultura al rilancio del cinema, delle attivit musicali e dello spettacolo dal vivo oltre che per il diritto dautore.

Gli incentivi fiscali al cinema sono resi permanenti, a patto che siano autorizzati dalla Commissione europea. Sar il ministro per i beni e le attivit culturali, Massimo Bray, a richiedere lok di Bruxelles. Se questo arriver, per lindustria nazionale sar un bel passo avanti: Adesso si potr fare una programmazione pluriennale sottolinea Riccardo Tozzi, presidente dellAnica anche da parte degli investitori esteri che vorranno girare in Italia. Secondo noi, il presidente del Consiglio Enrico Letta non ha mai voluto fare un taglio al quale il ministro Bray si sempre dichiarato contrario.

Il tetto annuo era stato recentemente dimezzato a 45 milioni annui e il cinema compatto si era schierato contro tale decisione, che adesso rientrata. Ora le imprese italiane del settore intendono sfatare vecchie ideologie come quella del cinema come panda da proteggere continua Tozzi. Il cinema unindustria che si basa sulle proprie forze, come quella della fiction e costituisce, insieme al turismo, unopportunit per leconomia nazionale, perch a bassa intensit di capitale ma sviluppa occupazione qualificata.

Il cinema assistito non esiste pi: un pezzo qualificato del Pil per loccupazione che genera. Restano i tagli al Fus, il Fondo unico per lo spettacolo: Non ne vogliamo un aumento ma 30 milioni vengono sottratti alle attivit industriali per finanziare Venezia, Cinecitt e Scuola di cinema. I soldi pubblici dovrebbero riequilibrare il mercato, permettendo di realizzare quei film che il mercato da solo non finanzierebbe. E vantiamo arretrati per i contributi sugli incassi per 60-70 milioni.

Per il sistema musicale italiano la misura triennale, con un limite di spesa complessivo di 4,5 milioni annui (si poteva forse rischiare qualcosa in pi, ndr) per coprire un credito dimposta pari al 30% delle attivit di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione delle imprese escluse quelle controllate da un editore di servizi media audiovisivi, con un importo massimo di 200mila euro per ciascun periodo dimposta.

Tale credito dimposta concesso solo per realizzare opere prime e seconde e l80% della spesa devessere realizzato sul territorio nazionale. Entro tre mesi dovr essere emanato un decreto attuativo che dovr decidere le tipologie di spesa accessibili. Non vi dovrebbe essere alcuna discriminazione verso un genere musicale o un altro.

http://www.abruzzosviluppo.it/new/2013/08/05/cultura-credito-dimposta-da-90-milioni/


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news