LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L’ex manager dell’Egizio finisce davanti al giudice
Giorgio Ballario
Stampa – Torino 24/3/2005

Il progetto di adeguamento alle norme antincendio era pronto, con tanto di approvazione del comando provinciale dei vigili del fuoco. Ma è rimasto in un cassetto. E i soldi stanziati nel ‘98 dal Ministero dei Beni Culturali, circa 600 mila euro, non sono mai stati utilizzati. L’ex soprintendente del Museo Egizio, Anna Maria Roveri Donadoni, è comparsa ieri in Tribunale per rispondere di «omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro”: un’accusa grave perché presuppone il dolo, cioè la volontà di compiere il reato.
La prima udienza, che si svolge davanti al giudice Giuseppe Casalbore, è servita solo per inquadrare il processo e sbrigare le normali formalità di rito. Poi il giudice ha disposto un rinvio al 22 luglio, quando il dibattimento entrerà nel vivo con l’audizione dei primi testimoni. Per vent’anni alla guida del più famoso e importante museo torinese, Anna Maria Donadoni (andata in pensione lo scorso anno) è incappata nell’inchiesta aperta nel 2001 dai pm Raffaele Guariniello e Nicoletta Quaglino.
La Procura si era mossa all’indomani dei misteriosi e ripetuti malori accusati da alcune scolaresche in visita al palazzo di via Accademia delle Scienze. Le ispezioni dei vigili del fuoco, oltre ad accertare qualche problema di ventilazione nei locali, hanno però fatto emergere gravi inosservanze in materia di norme sulla sicurezza e impianti antincendio. Di qui l’inchiesta penale avviata da Guariniello e la temporanea limitazione del numero di visitatori, non più di cento in contemporanea.
Accertamento dopo accertamento, le indagini hanno però preso una brutta piega. Gli inquirenti hanno infatti scoperto che le violazioni erano note da tempo ai vertici del museo, tanto che già nel 1998 il Ministero aveva stanziato un miliardo e 120 milioni di lire per mettere a norma l’Egizio. Era stato realizzato un progetto di adeguamento e il comando provinciale dei vigili del fuoco aveva dato il nulla osta. Dopo di che non si è più fatto nulla.
Di qui l’accusa di aver volontariamente omesso di adottare le indispensabili misure di sicurezza, mettendo a repentaglio la salute di dipendenti e visitatori e a rischio la conservazione stessa dei preziosi reperti archeologici. Un reato che prevede pene che vanno da 6 mesi a 5 anni di reclusione.
«Che all’Egizio ci fosse qualche magagna è innegabile - replica l’avvocato Alessandro Mazza, che insieme al collega Umberto Giardini difende la Donadoni - ma non c’era nessun vero pericolo di incendio, altrimenti i vigili del fuoco l’avrebbero chiuso così come è stato fatto per l’Accademia delle Scienze. Quanto ai fondi ministeriali, la soprintendente aveva chiesto 6 miliardi per una ristrutturazione complessiva, ne arrivò soltanto uno che venne usato per effettuare lavori più urgenti».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news